Reggio Calabria: mozione su “Famiglia tradizionale” approvata dal Pd

Un solo astenuto, tutti a favore, compreso il sindaco Pd. Zan: "Omofobia istituzionale".

Reggio Calabria: mozione su "Famiglia tradizionale" approvata dal Pd - falcomata mozione omofoba 1 - Gay.it
2 min. di lettura
Giuseppe Falcomatà (Pd), sindaco di Reggio Calabria

Giuseppe Falcomatà (Pd), sindaco di Reggio Calabria

La “Famiglia naturale” di nuovo al centro del provvedimento di un consiglio comunale. Questa volta parliamo di Reggio Calabria, comune guidato dal sindaco del Pd Giuseppe Falcomatà, dove il consiglio comunale a maggioranza di centrosinistra, ha approvato con la sola astensione del presidente del consiglio Demetrio Delfino (Pd), una mozione che chiede alla Giunta di istituire la “Festa della famiglia naturale fondata sull’unione tra un uomo e una donna” e di assicurarsi che non si verifichi alcun tentativo di “comprimere i diritti dei genitori all’educazione dei propri figli”. Infine, nella mozione, si “dichiara la propria opposizione a qualunque tentativo di introdurre nell’ordinamento giuridico disposizioni normative tali da alterare la stessa struttura della famiglia“. Primo firmatario della mozione, il consigliere comunale di Forza Italia Massimo Ripepi, ma a votarla è stato tutto il consiglio comunale, gruppi di centrosinistra e sindaco inclusi.

“Ringrazio – ha dichiarato il consigliere Ripepi – il sindaco Giuseppe Falcomatà, tutti i colleghi consiglieri ed i gruppi consiliari che hanno sostenuto la mia mozione che ricalca quella già approvata dal Consiglio Regionale della Lombardia, e scaturita dall’amara constatazione di come si vada diffondendo sempre più nel mondo occidentale la ‘teoria dei gender’, un’idea che sostiene la non esistenza di una differenza biologica tra uomini e donne determinata da fattori fisici”.
Ricordando le parole di Papa Francesco, secondo il quale “la famiglia non è né merce, nè un’ideologia”, Ripepi ha aggiunto: “Ritengo giusto, ovviamente non discriminare i gay ed ogni altra minoranza, ma questo non può assolutamente determinare l’imposizione di un modello di società che prevede l’eliminazione ‘culturale’ delle naturali differenze tra i sessi. Ecco perché ritengo che il voto unanime e trasversale espresso dal Consiglio oggi assuma una valenza straordinaria che si proietta ben oltre le logiche di appartenenza partitica”.
“Non lo nascondo: speravo in una nuova stagione politica inaugurata dal sindaco Giuseppe Falcomatà – commenta Alessandro Zan, deputato del Pd -, che potesse mettere al centro i diritti di tutte le famiglie; e invece siamo alle solite posizioni illiberali e discriminatorie”. “Un fatto grave – conclude Zan – che ancora una volta rafforza un’omofobia istituzionale tesa ad aumentare la diseguaglianza sociale tra cittadini e un’odio viscerale contro le diversità”.

Non è la prima volta, però, che un’amministrazione locale a guida Pd finisce nella bufera per le posizioni omofobe dei dirigenti locali del partito di Renzi. Basti ricordare i più recenti casi di Faenza e Pordenone .
Si dice stupito Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia e dirigente del Pd. “Mi chiedo come il gruppo dirigente democratico reggino e regionale – dichiara Mancuso – possano ritenere culturalmente e politicamente sostenibile un voto che offende le persone e le coppie omosessuali calabresi, che attacca a testa bassa i valori fondanti del Pd, che propugna una visione sociale discriminatoria e ideologica, che inventa una inesistente contrapposizione tra famiglie tradizionali e nuove famiglie”.
“Il Sindaco e la maggioranza di centro sinistra – conclude -, se non ripareranno all’offesa prodotta, si risparmino l’ipocrita impegno di voler approvare l’istituzione del Registro sulle unioni civili: è bene non produrre nuovi atti che trasformino l’attuale situazione di grave messaggio discriminatorio in tragica commedia dell’assurdo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
libano-diritti-lgbtqia

Libano: il deterioramento dei diritti LGBQIA+ come specchio di una crisi multidimensionale

News - Francesca Di Feo 14.9.23
(In copertina Matthew a Roma nel 1993: Shepard amava l'Italia e la cultura italiana. Courtesy of Smithsonian, donazione di Judy e Dennis Shepard)

Matthew Shepard, gli amici lo ricordano 25 anni dopo il brutale omicidio omofobo che sconvolse il mondo

News - Redazione 13.10.23