Rete Lenford se ne va dal Tavolo LGBT del governo: ‘per coerenza con la nostra storia’

Le decisioni del ministro Salvini, le dichiarazioni di Fontana e il ddl di Pillon sono troppo per l'associazione di avvocati.

rete lenford
2 min. di lettura

Con un comunicato l’associazione di avvocati Rete Lenford ha ufficializzato l’interruzione della collaborazione con il Tavolo LGBT organizzato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità, Vincenzo Spadafora. Il “Tavolo di consultazione permanente per la promozione dei diritti e la tutela delle persone LGBT“, era attivo dal 22 ottobre scorso. Aveva il compito di promuovere i diritti e la tutela delle persone LGBT. L’obiettivo era quello di scambiare informazioni e dati sulla comunità per proporre poi delle azioni atte a contrastare gli atti di discriminazione e violenza.

La decisione si è determinata per coerenza rispetto alla storia e allo Statuto dell’associazione. Da sempre abbiamo messo a disposizione le nostre competenze a tutti coloro che nelle istituzioni, nei partiti e nelle realtà associative, condividono il nostro stesso obiettivo. Con questa stessa disponibilità avevamo accettato l’invito del Sottosegretario Spadafora. Con la speranza che fosse il segnale della volontà del Governo di cambiare rotta in merito ai diritti delle persone LGBTI. Purtroppo quanto è accaduto e quanto continua ad accadere ci ha convinti che ci sbagliavamo“. Con queste parole, la presidente Miryam Camilleri annuncia l’uscita dal tavolo.

Le motivazioni di Rete Lenford

La presidente Camilleri ha spiegato che mentre il sottosegretario e le associazioni lavoravano al tavolo, il ministro Salvini continuava la sua battaglia contro i termini genitori 1 e 2 sui documenti ufficiali. Nonostante il rifiuto del garante della privacy a tale pratica. Oltre a questo, il ministro Fontana era tornato sul tema delle coppie omogenitoriali e dei loro figli. L’11 ottobre in Senato, nel corso di un’interrogazione parlamentare, ha confermato per l’ennesima volta che le sentenze dei giudici che ordinano il riconoscimento dei figli a tali coppie non hanno alcun valore.

Ulteriore punto che ha convinto Rete Lenford a ritirarsi è stato il decreto Sicurezza. Questo penalizza anche i richiedenti asilo omosessuali, scappati dal loro Paese per il loro orientamento sessuale. Infine, il ddl Pillon. E’ stato tanto criticato da associazioni e opposizioni, ma nella maggioranza il testo avanza senza problemi. “Sono tutte questioni che ci riguardano in primo luogo come cittadine e cittadini che hanno a cuore la tutela dei diritti fondamentali, rispetto ai quali non si possono operare categorizzazioni. La lotta per la loro tutela ci impegna a prescindere dal fatto che siano colpite le donne, le persone migranti o le persone LGBTI” ha concluso infine Camilleri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video - Johan Floderus il diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran e chiede la mano al fidanzato il dolcissimo video - Gay.it

Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video

News - Redazione 19.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24

Continua a leggere

x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Icar PrEP Long Acting - Giugno 2024

Prevenzione HIV, l’appello dei clinici e della Community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

News - Gay.it 20.6.24
Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. "I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo" (VIDEO) - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. “I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo” (VIDEO)

News - Federico Boni 25.3.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Difesa Carriera Alias Guido Crosetto

Carriera alias al ministero della Difesa? Crosetto non ne sapeva nulla

News - Redazione Milano 12.1.24
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans

Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

News - Francesca Di Feo 28.3.24
striscia di gaza

Governo Netanyahu e Hamas sono entrambi estremisti: cessate il fuoco sulla Striscia di Gaza

News - Lorenzo Ottanelli 11.3.24