Romani: “Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo”

"Ormai è strategia" denuncia il presidente di Arcigay. E intanto è a rischio anche l'Unar

Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - romani vs scalfarotto 1 - Gay.it
6 min. di lettura
Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - romani vs scalfarotto3 - Gay.it

Qualche giorno fa si è tenuta a Bruxelles la prima Conferenza europea sui Diritti delle persone lgbt , da qui esce un quadro desolante, sebbene non sorprendente, della situazione italiana rispetto ad altri paesi dell’UE. Per l’Italia era presente Flavio Romani, presidente di Arcigay. Lo abbiamo sentito per farci raccontare com’è andata.

Cos’era, esattamente, questa conferenza di Bruxelles?
E’ stata la prima Conferenza sui Diritti lgbt, organizzata da FRA Fundamental Rights Agency e dal governo italiano su esplicita richiesta di quest’ultimo. C’erano 250 stakeholder europei che si occupano di diritti e discriminazioni in Europa. Abbiamo rischiato che l’Italia non ci fosse.

In che senso?
Nel senso che il governo non si è preoccupato di avvertire le associazioni e le realtà che in Italia si occupano di diritti lgbt da sempre. Lo abbiamo scoperto per caso grazie, è il caso di dirlo, ad uno di quei siti sempre solerti a lanciare allarmi sull’avanzata dell’ “ideologia del gender”, come la chiamano. Siamo riusciti ad iscriverci per partecipare giusto in tempo.

Com’è stata organizzata la confrenza?
C’erano diversi panel di discussione su diversi temi. A rappresentare l’Italia c’era il sottosegretario Ivan Scalfarotto a cui noi, in accordo con le altre associazioni italiane (ArciLesbica, Associazione Radicale Certi Diritti, Agedo, Centro Risorse LGBTI, Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Circolo Tondelli, Anddos e Famiglie Arcobaleno), abbiamo rivolto alcune domande precise sia su faccende prettamente italiane, come la mancanza di un ministero per le Pari Opportunità e il destino della Strategia Nazionale lgbt che scade il prossimo anno, sia su temi più europei.

Ovvero?
Ad esempio gli abbiamo chiesto perché nelle bozze degli accordi di partenariato per l’erogazione dei fondi europei presentati dall’Italia fossero spariti del tutto i riferimenti a progetti e percorsi sui diritti delle persone gay, lesbiche e trans. Stiamo parlando di bozze, che l’UE ha rimandato indietro con una gran quantità di osservazioni, ma comunque al momento quei riferimenti non ci sono.

Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - intervista scalfarotto omofobia - Gay.it

Questo cosa comporta, nello specifico?
I fondi che l’UE eroga attraverso questi accordi, in relazione ai temi delle discriminazioni, finiscono all’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, ndr) che a sua volta poi li destina alle diverse realtà, siano esse enti locali, istituzioni o associazioni, che presentano progetti ritenuti validi e che intervengono sull’omotransfobia, ad esempio. E’ chiaro che se non arrivano i fondi europei, l’Unar, e a catena molte altre realtà, hanno le mani legate sulle azioni da potere mettere in campo.

Che altro avete chiesto all’onorevole Scalfarotto?
Gli abbiamo chiesto perché l’Unar non acquisisce, come i suoi omologhi in tutta Europa, la giusta indipendenza, che lo smarchi dall’influenza della politica e gli permetta di fare il suo lavoro senza influenze esterne. L’Unar esiste per volere dell’Ue, è bene chiarirlo, e nel resto dei paesi membri è assolutamente indipendente . In Italia no e assistiamo a fatti come quelli che hanno visto protagonisti i famosi libretti dell’Istituto Becks che avrebbero dovuto essere distribuiti nelle scuole e invece non sono stati, praticamente, neanche stampati, grazie al solerte intervento del sottosegretario Toccafondi e delle associazioni omofobe. E poi gli abbiamo chiesto quand’è che l’Unar avrà il mandato ufficiale ad occuparsi delle discriminazioni contro gay, lesbiche e trans. Perché al momento, uno dei punti su cui di solito vengono attaccati i suoi interventi in questo campo è che si chiama “Ufficio Antidsicriminazioni Razziali” e questo, secondo alcuni, restringe il campo solo all’immigrazione e alla xenofobia.

Cosa vi ha risposto Scalfarotto?
Niente.

Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - romani vs scalfarotto2 - Gay.it

In che senso “niente”?
Nel senso di “niente”. Non una parola in risposta alle nostre domande. Una situazione imbarazzante che ha provocato l’ilarità di molte delle altre associazioni straniere e lo sconcerto di Ilga Europe che non riusciva a credere che nessuna risposta fosse arrivata dal sottosegretario. Effettivamente, noi ci eravamo chiesti cosa avesse da dire il governo in tema di diritti lgbt e conoscendo la situazione non è che ci aspettassimo molto di più. E il fatto che fosse stata organizzata in sordina, di per sé, la dice già lunga.

A parere di Arcigay, cosa rimane di questa conferenza?
Non saprei. Forse era solo una vetrina da mostrare ai partner europei. Noi abbiamo sentito solo un elenco di slogan e frasi ed effetto sull’Italia che è impegnata sul fronte dei diritti civili, che è fanalino di coda in Europa e questo richiede molto lavoro, che ci sarà una legge sulle unioni civili. Tutte cose già sentite che al momento sono solo parole. Adesso è il momento dei fatti, che tardano ad arrivare.

Si riferisce alla legge sulle unioni civili?
Anche, ma non solo. Non dimentichiamo che c’è anche una legge contro l’omofobia, ormai in stallo da più di un anno al Senato. Una legge che a noi non piace affatto e l’abbiamo detto, provocando l’ira del governo che ormai distingue solo tra chi è con lui e chi è contro di lui, che tratta i corpi intermedi come fantasmi. Lo fa coi sindacati sui temi del lavoro, lo fa con noi sui diritti civili: ormai è strategia.

Ieri è ricominciata la discussione in Commissione Giustizia del Senato sul DDL Cirinnà , a proposito di unioni civili, una seduta contrassegnata dall’ostruzionismo di NCD che invoca al testo del governo annunciato più volte da Renzi.

Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - scalfarottointervistaBASE - Gay.it

Un testo fantasma, lo definisco io. Annunciato, proclamato sui giornali, ma mai visto. Pare che sia in scrittura. Nessuno l’ha mai visto però. E anche in questo caso, nessuno ha pensato di consultarci. E poi c’è un’altra questione. Premesso che noi vogliamo il matrimonio egualitario, siamo disposti ad accettare anche le unioni civili alla tedesca con le stepchild adoption, prendendolo come un passo nella direzione giusta. Un testo c’è già, però, ed è quello di cui è relatrice Monica Cirinnà. Che senso ha annunciarne un altro? In cosa una nuova legge potrebbe migliorare quella? Solo se aprisse al matrimonio egualitario, e non succederà. Viene da pensare che, se mai arriverà, sarà peggiore dell’attuale. Un segnale, in questo senso, è il teatrino che ha messo su il ministro Alfano sulla vicenda delle trascrizioni, con uno spiegamento di forze spaventoso, in proporzione alla questione. E Renzi? Tace. Perché?

In parlamento, però, tecnicamente i numeri ora ci sono.
Sì, ci sono anche in commissione. In questo momento possiamo contare sui voti a favore degli 8 senatori del Pd, dei 3 del M5S più altri due di altre formazioni. Contrari restano i 4 di Ncd, i due leghisti e altri quattro del gruppo misto.

Romani: "Le associazioni lgbt come i sindacati: snobbate dal governo" - romani vs scalfarotto1 - Gay.it

E i cinque di Forza Italia?
Eh, bella domanda. Prima delle recenti aperture di Berlusconi, sappiamo che erano contrari. Adesso, vedremo come voteranno.

Questo è probabilmente il miglior momento da sempre per sperare in un decisivo passo avanti sui diritti civili. Molti accusano le associazioni di non essere compatte. Forse è l’ora di esserlo?
La critica che viene rivolta alla litigiosità delle associazioni, su alcuni temi, è giusta. Ma è spesso usata in maniera strumentale. Il problema non sono le associazioni: tutte, su matrimonio, omofobia e adozioni, chiedono la stessa cosa. Da anni. Accusarle di non fare fronte unico è un alibi. Non prendiamoci colpe che non abbiamo. Non è responsabilità nostra se non ci sono ancora leggi che ci tutelino e ci garantiscano uguaglianza. Noi ci stiamo muovendo, stiamo studiando strategie comuni e cercheremo alleanze con la cosiddetta società civile, con altre associazioni e organizzazioni che su questi temi possono supportarci e darci forza. E’ un passaggio fondamentale su cui ci stiamo concentrando molto. Per questo è nato il Coordinamento Italiano Libertà Civili, di cui facciamo parte, insieme a molti altri soggetti. Penso che sarà un ottimo strumento.

L’audio completo della conferenza, si può ascoltare a questo link. L’intervento di Arcigay è al minuto 02.10.30. Quello del sottosegretario Invan Scalfarotto, invece, al minuto 04.40.00.

di Caterina Coppola

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24