La Russia dovrà risarcire gli attivisti LGBTQ + arrestati illegalmente nel 2013

5000 euro a manifestante. Lo ha deciso la Corte europea dei diritti dell'uomo.

Russia
< 1 min. di lettura

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha stabilito che la Russia ha violato le libertà degli attivisti che 7 anni fa protestarono contro l’ormai tristemente nota legge contro la “propaganda gay”.

Nel 2013 la camera bassa del parlamento russo, la Duma di Stato, approvò tale atrocità, con pesanti multe rivolte a chiunque condivida informazioni sull’omosessualità a persone di età inferiore ai 18 anni. Pochi giorni dopo manifestanti LGBT si ritrovarono all’esterno dell’edificio della Duma di Stato per contestare il divieto legislativo, scontrandosi con un attivisti cristiani ortodossi conservatori. Da una parte urlavano “Mosca non è l’Iran” e “il fascismo non passerà”. Dall’altra, i favorevoli, “Mosca non è Sodoma!”.

Peccato che poliziotti e agenti antisommossa arrestarono solo i manifestanti LGBTQ, senza toccare con un dito gli attivisti estremisti a favore della legge. Ebbene la Corte europea dei diritti dell’uomo ha ufficialmente ordinato alla Russia di risarcire con 5.000 euro gli attivisti LGBT illegittimamente arrestati. Respinta al mittente anche la tesi del governo russo, che ha giustificato simili azioni millantando una violazione nelle procedure per ‘riunione non autorizzata’, definendo ‘illegale’ il comportamento dei manifestanti, al di là del loro orientamento sessuale. Ma così non fu, come sancito dalla CEDU.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

Leggere fa bene

georgia-legge-agenti-stranieri (2)

La Georgia come l’Ucraina? I georgiani vogliono l’Unione Europea: cosa sta succedendo

News - Francesca Di Feo 21.5.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: "Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti" (VIDEO) - Monsignor Cozzoli - Gay.it

Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: “Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti” (VIDEO)

News - Redazione 29.5.24
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24