Sam Kutesa: il ministro anti-gay sarà presidente dell’ONU

Dalle leggi antigay in Uganda a uomo di punta delle Nazioni Unite. Petizione su Change.org

Sam Kutesa: il ministro anti-gay sarà presidente dell'ONU - ONU Uganda Sam Kutesa BS 1 - Gay.it
2 min. di lettura
Sam Kutesa: il ministro anti-gay sarà presidente dell'ONU - ONU Uganda Sam Kutesa - Gay.it

Può un uomo che ha varato delle leggi che limitano la libertà delle persone omosessuali, diventare presidente dell’ONU, un’istituzione in prima linea nelle battaglie contro l’omofobia? Evidentemente sì.
L’11 giugno Sam Kutesa sarà eletto, salvo colpi di scena, presidente dell’ONU. Non ci sarà infatti alcuna votazione, come da prassi, ma sarà eletto per acclamazione.
Si è subito alzato un coro di polemiche a partire dall’Inghilterra dove l’attivista per i diritti dei gay Peter Tatchell ha fatto appello al governo di David Cameron di intervenire per bloccare la candidatura. La senatrice di New York Kirsten Gillibrand ha invece definitito “inquietante vedere il ministro degli esteri di un Paese che ha passato una legge ingiusta e discriminatoria sulla base dell’orientamento sessuale che diventa presidente dell’Assemblea generale dell’Onu”.

L’elezione di Kutesa, che erediterà il posto dall’attuale presidente John Ashe, è da considerarsi un atto dovuto essendo il candidato designato dall’Unione Africana a cui spetta l’incarico per il prossimo mandato. C’è però chi non si arrende e su Change.org è già pronta una petizione che fa appello al segretario di Stato John Kerry affinchè revochi a Kutesa il visto di ingresso e ai paesi membri dell’Onu perché votino contro il ministro. Secondo Milton Allimadi, giornalista ugandese a New York e autore della petizione online, Sam Kutesa “rappresenta l’antitesi di quel che simbolizzano globalmente le Nazioni Unite: pace, sicurezza e tutela dei diritti umani per tutti”.

Ricordiamo che le leggi anti-gay ugandesi prevedono ergastolo per i gay “recidivi”, vale a dire le coppie omosessuali impegnate in una relazione stabile, 7 anni di carcere per chi li aiuta a non essere scoperti e 5 per chi “promuove” l’omosessualità. La caccia ai gay continua.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Bledar Dedja sarebbe stato ucciso dopo aver incontrato un 17enne via Grindr

Perché il 17enne ha ucciso il 39enne Bledar Dedja adescato su Grindr e qual è il movente?

News - Redazione Milano 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24

Leggere fa bene

torino-casarcobaleno-aggressione

Torino, tre minorenni fanno irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici durante una proiezione cinematografica

News - Francesca Di Feo 9.10.23
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
(In copertina Matthew a Roma nel 1993: Shepard amava l'Italia e la cultura italiana. Courtesy of Smithsonian, donazione di Judy e Dennis Shepard)

Matthew Shepard, gli amici lo ricordano 25 anni dopo il brutale omicidio omofobo che sconvolse il mondo

News - Redazione 13.10.23
libano-diritti-lgbtqia

Libano: il deterioramento dei diritti LGBQIA+ come specchio di una crisi multidimensionale

News - Francesca Di Feo 14.9.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24