Scoprendo lə drag del Morion: un queer safe space inclusivo e liberatorio

In collaborazione con il progetto Queer We Go del laboratorio Morion occupato da più di 30 anni, uno spazio sicuro e protetto per la scena queer veneziana. Ce ne parlano le madrine ufficiali.

ascolta:
0:00
-
0:00
drag del morion
@cso_morion
4 min. di lettura

A Venezia, presso la Calle del Morion, esiste uno spazio dove diventare supereroinə per una notte: il Morion, è un laboratorio occupato da più di trent’anni. La chiamano “la casa di tutte le lotte” – dal ASC (Assemblea sociale finalizzata a garantire un diritto di residenzialità anche per le case non restaurate) al Comitato No Grandi Navi (opposto da anni al gigantismo navale laguna) – e quest’anno, in collaborazione con l’assemblea Queer We Go, offre uno spazio anche per la lotta LGBTQIA+: una battaglia che si porta avanti danzando, mangiando (cibo rigorosamente vegano), e se lo desiderate, anche salire sul palco e trasformarvi.

Dopo l’affossamento del DDL Zan – misto a numerose aggressioni a sfondo omolesbobitransfobico e misogino in città – ci siamo rese conto che mancasse uno spazio queer in città” mi racconta Marta, attivista del Morion “Abbiamo voluto aggiungere all’offerta culturale della città, anche una componente LGBTQIA+”. Un progetto nato da pochissimo quello all’interno del Morion, ma che ha permesso all’intero team di creare un ambiente protetto e accogliente per chiunque volesse assistere, partecipare, o anche solo scoprire una realtà ancora fin troppo relegata ai margini della nostra società.

C’è stata una riflessione sugli spazi” spiega Marta “Volevamo creare un queer safe space, ma anche uno spazio attento all’intersezionalità delle lotte, questo perché la logica neoliberista contribuisce all’oppressione delle persone non eteronormate o non conformi”. Cosa significa creare uno spazio queer in un luogo già di per sé anti-capitalista, antirazzista, e antisessista sin dagli anni Novanta? Il progetto Queer We Go è il risultato di questa unione di forze.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Morion Laboratorio Occupato (@cso_morion)

Ciliegina sulla torta delle serate al Morion, è il Drag Debut: l’evento è una variopinta rivisitazione del celebre Ballo delle Debuttanti, omettendo tutta la componente tradizionalmente eternormata e razzista che l’ha sempre caratterizzato, e riproponendolo in una nuova chiave inclusiva, fresca, e aperta ad ogni persona – oltre l’età, l’identità di genere, l’orientamento sessuale, o ancor più l’esperienza: “Molti programmi televisivi – come RuPaul Drag Race – hanno il pregio di diffondere quest’arte su larga scala, ma al contempo propongono un modello di drag prestabilito, con un’esperienza e una formazione già avviata, e questo potrebbe frenare chi non l’ha mai fatto prima” spiega Tessy Phora (che in veneto vuol dire “Ma sei fuori?“), madrina del Drag Debut insieme a Becky Monraw “Il significato di questa serata, invece, è dire no: non ci interessa la ricchezza del costume o del trucco, ci importa la performance, il portare qualcosa sul palco, e veicolare un messaggio“. Sono state Phora e Monraw a guidare lə giovani “allievə”, moltə di loro per la prima volta sul palco, lasciando piena libertà d’espressione e spazio per ogni identità: drag queen, drag king, e performer che non si collocavano precisamente né da una parte né dall’altra del binario.

scoprendo le drag del Morion
Unə dellə concorrenti del Drag Debut al Morion di Venezia

Performance che sono diventate l’occasione per toccare tematiche di ogni tipo – dal consenso all’autodeterminazione di sé – celebrandosi e raccontandosi agli occhi del pubblico, in totale sicurezza. La reazione è stata delle più calorose.

Partecipare a questa serata è stato per me un grande respiro” racconta una delle partecipanti, Laurine, francese veneziana d’adozione:” A livello personale mi sono liberata di insicurezze sul mio corpo e ho scoperto la capacità di essere sexy. Ho conosciuto bellissime persone: non c’è nulla di più bello di vedere una persona essere il riflesso della sua anima, felice tale com’è, senza pregiudizi“. C’è anche Carlo, studente veneziano di antropologia, che sulle note di My Prerogative di Britney Spears, è riuscito a scrollarsi di dosso ogni rigido modello etero-cis, celebrando un’androginia fiera e libera: “Siamo noi a plasmare ciò che siamo e come vogliamo mostrarci agli altri, senza dover dar peso alle aspettative e ai canoni imposti a livello socioculturale“.

drag del morion
Drag Debut

Si aggiunge Francesco, studente di Design della Moda allo IUAV di Venezia, accompagnato da Ain’t No Mountain High, in una performance che è un’ode all’amore per sé stessə, oltre ostacoli o gabbie: “Esibirmi per la prima volta in drag mi ha permesso di prendermi cura del bambino che sono stato: finalmente ho potuto concedergli lo spazio che merita, liberandolo dalla prigione emotiva che gli si era costruita attorno“. Il risultato è un evento pubblico e intimo, dove i lati più personali della nostra identità, anche quelli che spesso siamo costretti a tenere a bada nella vita quotidiana, si mostrano senza chiedere il permesso. Un incontro che ha smosso anche le stesse madrine, rivelandosi un’occasione per osservare e osservarsi con uno sguardo rinnovato, smontando tutte quelle convinzioni che – consciamente o meno – ci hanno accompagnato nella crescita: “Attraverso questə ragazzə straordinariə mi sono rimesso in gioco” racconta Becky Monraw. “Per me, uomo gay di quarant’anni, cresciuto nel binarismo, circondato da amici che ancora reputano la femminilità qualcosa d’inferiore, è stata una rinfrescata di memoria: mi ha ricordato cosa significa essere militanti e visibili”.

Le serate del Drag Debut diventano un momento per scoprirsi da capo, scrollarsi di dosso ogni macigno, sentirsi vistə e riconosciutə, con un senso di sicurezza e autodeterminazione che resta con noi anche quando la festa è finita. Nelle parole di Tessy Phora: “Perché quando si fa drag diventi un po’ il superhero di te stessə”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

Michele Bravi

Michele Bravi canta un amore nero come l’odio

Musica - Riccardo Conte 2.11.23
Chapell-Roan

Chi è Chappell Roan, la sfacciata principessa queer della musica pop

Musica - Riccardo Conte 2.10.23
@woabirthhh

Tutto mi rende vulnerabile: intervista alla cantautrice Birthh

Musica - Riccardo Conte 27.9.23
Omar Apollo

Live for me, Omar Apollo nudo e senza censure sul vinile

Musica - Redazione Milano 6.10.23
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
Domenico Cuomo David Rivelazioni 2023 - Un Professore 2 - Mare Fuori - a sinistra foto di Maria Gaia Marotta - a destra scena da "Un Professore 2" (Rai)

Domenico Cuomo premiato perché rompe gli schemi: “Rivelazione è abbandonare le paure”

Cinema - Redazione Milano 20.12.23
troyesivan

Troye Sivan vuole essere una delle tue ragazze

Musica - Riccardo Conte 13.10.23
Leo Gassman canta per Un Professore 2: "È importante raccontare l'amore omosessuale, rappresenta la realtà" - Leo Gassman e Un Professore - Gay.it

Leo Gassman canta per Un Professore 2: “È importante raccontare l’amore omosessuale, rappresenta la realtà”

Culture - Redazione 20.11.23