Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

"La vera ipocrisia è rivendicare un diritto abbondantemente ottenuto. Non c' è nessun silenzio da rompere, anzi, c' è solo la solita musica dell' ideologicamente corretto." Così scriveva nel 2015, in merito alle scritte omofobiche sui manifesti del concerto di Mika.

ascolta:
0:00
-
0:00
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it
Pierangelo Buttafuoco su LGBT
3 min. di lettura

Pierangelo Buttafuoco, dopo i rumor delle ultime settimane, è stato nominato da poche ore Presidente della Biennale di Venezia, una delle Fondazioni Culturali più importanti del paese e del mondo.

La Biennale, nata nel 1895, organizza ogni anno il celeberrimo Festival del Cinema, uno dei più prestigiosi al mondo, la Biennale D’Arte e quella di Architettura ad anni alterni, la Biennale Danza e quella del Teatro, ed è di fatto l’istituzione culturale più rappresentativa della città lagunare, nonchè biglietto da visita per la Cultura Italiana nel mondo.

Il presidente della Biennale viene nominato dal Ministro Della Cultura, in questo caso Sangiuliano, e gli esponenti della destra di governo hanno salutato la nomina di Buttafuoco come la sospirata fine di un tradizionale feudo della sinistra.

Buttafuoco è un noto giornalista, scrittore ed intellettuale siciliano organico alla destra Italiana: nipote di parlamentare MSI, dirigente del Fronte Della Gioventù, poi egli stesso in MSI, Alleanza Nazionale e Fratelli D’Italia;  nel 2015, secondo alcune indiscrezioni, si sarebbe convertito all’Islam, che costituirebbe per lui una sorta di «ritorno» nell’autentica tradizione della spiritualità.

Sulle sue opinioni sui diritti LGBTIQ+ possiamo riportare una polemica di qualche anno fa, piuttosto indicativa.

Nel 2015, i manifesti del concerto di Mika a Firenze, vennero imbrattati con la scritta “fr*cio”, e in seguito alle manifestazioni di solidarietà e alle scuse della città, venne lanciata dal cantante stesso una campagna social di sensibilizzazione contro l’omofobia, con l’ hashtag #rompiamoilsilenzio.

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - mika screenshot rompiamo silenzio - Gay.it

Buttafuoco, ne scrisse su Il Fatto Quotidiano, snocciolando, sia pur nell’appariscente e compiaciuto stile letterario che lo contraddistingue, i soliti grevi luoghi comuni triti e ritriti contro il “politically correct”.

Riportiamo alcuni passaggi.

Ha avuto fatta la bua Mika – beniamino del grande pubblico, popstar di professione-gli hanno sfregiato la locandina del concerto di Firenze, qualcuno ha scritto la parola “frocio” e tutta la gente perbene, giustamente, s’ è sollevata in sua difesa.

Le anime candide dei social hanno potuto indignarsi, la soave Maria Elena Boschi ha postato l’ acquisto solidale del biglietto e il Corriere della Sera, offrendo la prima pagina alla commovente testimonianza dello stesso Mika, ha lanciato -da par suo-unacampagna di mobilitazione: #rompiamoilsilenzio.

Rompiamo il dogma, piuttosto. L’ omofilia obbligatoria è l’ assioma cui soggiace l’ umanità minuta del senso comune, è il tratto distintivo di un’ egemonia tutta sottoculturale fatta di obbedienze derivate dal riflesso automatico di non toccare l’ intoccabile pena l’ anatema.

Capita a tutti di sentirsi dare del cornuto, a maggior ragione se si è popolari; a tante belle figliole dello star-system capita di ritrovarsi scarabocchiato sulle locandine un groviglio di testicoli e cappella; capitò anche alla Monna Lisa una rivisitazione del sorriso con tanto di baffi e se si obietta che a sentirsi chiamare froci ci sono quelli che si ammazzano, onestà intellettuale impone di riconoscere che il mondo, ormai, è al contrario.

La vera ipocrisia è rivendicare un diritto abbondantemente ottenuto.

Non c’ è nessun silenzio da rompere, anzi, c’ è solo la solita musica dell’ ideologicamente corretto.

E su #rompiamoilsilenzio:

E finiamola con queste pezzenterie da consacrazione social. L’ Italia è proprio piccola e borghesuccia perché quel giornale, infine, pur avendo Paolo Isotta tra le sue firme si abbandona alla tetra operetta della buona coscienza.

In punto di vizio, perché solo il vizio ha da prevalere rispetto ai diritti, ha detto tutto Isotta. Storico della musica, genio totale, autore del meraviglioso La virtù dell’ Elefante (Marsilio editore), Isotta ha ben spiegato che la parola “gay” è peggio che una caricatura, “è un eufemismo picccolo-borghese da mezza calzetta”.

All’articolo risposero per le rime Franco Grillini e Giovanni Dall’Orto, ed oggi lo stesso Franco Grillini ha ricordato l’episodio su facebook.

 

Secondo il rapporto ILGA-Europe del 2023, l’Italia si classifica 34ª su 49 Paesi europei per quanto riguarda i diritti delle persone LGBT.

Foto cover: montaggio a cura della redazione. Immagine di Buttafuoco riadattata. Credit: Di Niccolò Caranti – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=39695811

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: "Felice di entrare in questa gioiosa nuova era" - coming out Louisa Jacobson - Gay.it

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: “Felice di entrare in questa gioiosa nuova era”

Culture - Redazione 25.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Leggere fa bene

Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: "Fr*cio di m*rda" - Tullio Cattaneo - Gay.it

Tullio Cattaneo, aggressione omofoba ai danni dello scultore, in coma dopo un pugno: “Fr*cio di m*rda”

News - Redazione 6.6.24
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Massimiliano Di Caprio - titolare della Pizzeria Dal Presidente di Napoli, arrestato in un'inchiesta per camorra condotta dalla Dda sul clan Contini

Pubblicò violente parole contro gay e lesbiche nel 2022, Massimiliano Di Caprio arrestato in un’indagine per camorra

News - Redazione Milano 15.5.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24