Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: “Dobbiamo autorappresentarci” – Intervista

Penso che sia importante avere delle storie raccontate da persone che fanno parte di quella comunità, che vivono quella situazione, per una rappresentazione cruda e maggiormente informata.

Robert Andy Coombs
Robert Andy Coombs
5 min. di lettura
Robert Andy Coombs
Robert Andy Coombs – Autoritratto

Robert Andy Coombs è un fotografo di Miami, originario del Michigan. Fin dall’infanzia inizia ad avere i primi approcci con la macchina fotografica e inizialmente si dedica alla ritrattistica; durante gli studi universitari, un avvenimento drammatico segna la vita di Andy, decretandone l’inizio di un’esplosione creativa che darà linfa alla sua carriera. Siamo al terzo anno di università, quando, durante l’allenamento di ginnastica, Coombs subisce una lesione al midollo spinale; passato un anno di recupero, Andy torna al Kendall College of Art and Design di Grand Rapids per ricevere il BFA in fotografia.

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - JoeyissittingonmylapinisNYUdorm - Gay.it
Joey is sitting on my lap in is NYU dorm

I suoi progetti fotografici esplorano il legame tra disabilità e sessualità. Andy sviscera i temi delle relazioni, del caregiving, e le componenti fetish e quella più in generale sessuale costituiscono il costante filone espressivo dei suoi lavori fotografici. Andy Coombs si è laureato alla Yale School of Art durante la pandemia di COVID-19 e attualmente vive e lavora in Florida.
Gay.it, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, l’ha incontrato.

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - Ascensiontothethrone 2 - Gay.it
CripFag, the sexual adventures of a gay quadriplegic photographer

 

Com’è nato il progetto fotografico?

Fotografo me stesso ormai da molti anni, anche prima di diventare disabile. Quindi, mi è sembrato naturale continuare a fotografare me stesso e il mio corpo, anche dopo essermi rotto il collo nel 2009. All’epoca c’era poca attenzione al legame tra disabilità e sessualità, nessuno lo sviluppava in maniera esaustiva. Quindi ho iniziato a creare immagini che mi sarebbe piaciuto vedere e far circolare nel mondo. “Disabilità e sessualità” è la prima serie a cui ho lavorato prima di CripFag, un punto di partenza di cui avevo bisogno, prima di poter realizzare il mio lavoro attuale.

 

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - Sam5920 - Gay.it
Sam

 

A quale foto sei più affezionato?

Sono affezionato a molte di loro! È davvero difficile scegliere solo uno scatto, ognuno ha una storia dietro e un aspetto diverso della mia vita. E la mia vita è parte integrante del lavoro.

 

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - Benonmylapatfolsomeeast - Gay.it
Ben on my lap at folsome east

 

Quanto è importante l’aspetto sessuale nelle tue foto?

È estremamente importante, e se non ci fosse, forse non lo farei. Sesso e disabilità vengono raramente rappresentati, soprattutto da una persona di quella comunità. Penso che sia importante avere delle storie raccontate da persone che fanno parte di quella comunità, che vivono quella situazione, per una rappresentazione cruda e maggiormente informata.

 

Robert Andy Coombs
Robert Andy Coombs – Foto tratta dal progetto CripFag

Lavoro e disabilità.

Penso che molte arti siano inaccessibili a molte comunità emarginate. Io fortunatamente ho vari privilegi, come potermi permettere l’attrezzatura fotografica, o andare in buone scuole, o potermi trasferire in posti differenti due volte in due anni, trovare altri che mi aiutino, sono tutte queste le cose che mi permettono di fare il mio lavoro. Pertanto, direi che le intersezioni fra i due mondi riguardano l’accesso al lavoro, l’accessibilità, la comunità, il privilegio, i mezzi e il lavoro che è davvero fottutamente duro.

 

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - NYCprideparade2019 - Gay.it
NYC pride parade, 2019

 

Come nascono le idee per le tue foto?

Raccolgo idee sia dal mondo reale che dalla fantasia, alcune sono semplicemente cose che devo fare o che mi suscitano un senso di divertimento e sessualità. Voglio rendere la cura sexy e la incorporo nei miei preliminari, sesso e post gioco. Non capisco perché c’è un cambiamento dinamico quando una persona in una relazione è disabile e l’altra non lo è. Pensa alle persone disabili che si prendono cura l’una dell’altra, pensa a che differenza c’è in una relazione tra persone diversamente abili. L’attenzione tende a rivolgersi al “caregiver fisico” piuttosto che alla persona assistita. Il caregiver è pensato come “Una persona così straordinaria” o “Non so come fai a fare tutto”, come se prendersi cura di qualcuno fosse un lavoro ingrato. Essere assistiti è estremamente difficile ed estenuante! Immagina di dettare ogni parte della tua vita dal momento in cui ti alzi fino al momento in cui vai a letto, io devo affidarmi alle persone che fanno le cose per me. Penso e valuto costantemente ciò che devo fare e se l’altra persona ha la giusta capacità e forza per farlo. Spesso metto i bisogni degli altri prima dei miei, proprio come gli altri fanno con me. Voglio cambiare la narrativa intorno alla cura e all’assistenza, sì, può essere banale e stancante, ma può anche essere divertente, sexy e appagante.

 

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - mone 36 - Gay.it
Mone

 

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - Masterwithtwosubs - Gay.it
Master with two subs

 

Quale messaggio ti piacerebbe mandare ai lettori di Gay.it che hanno un’esperienza simile alla tua?

Voglio fotografare voi, i vostri bei corpi e le vostre vite meravigliose! Quindi, se mai dovessi passare per l’ Italia, scrivetemi!

 

Robert Andy Coombs
Robert Andy Coombs

 

Hai una fantasia sessuale segreta?

La potrete vedere nel mio prossimo lavoro, stay tuned!

 

https://www.instagram.com/robertandycoombs2/

https://www.robertandycoombs.com/

Sesso e disabilità nella fotografia di Robert Andy Coombs: "Dobbiamo autorappresentarci" - Intervista - Suprapubiccatheterin - Gay.it
Suprapubic catheter in

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Ariete sorprende i fan

Ariete offre la colazione ai fan che la aspettano da 24 ore: “Per voi ci sarò sempre”

Musica - Emanuele Corbo 20.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24
@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
Emma, la commovente lettera di Ilenia Colanero: l’Apnea mi ha salvato la vita - Sessp 31 - Gay.it

Emma, la commovente lettera di Ilenia Colanero: l’Apnea mi ha salvato la vita

Musica - Federico Colombo 8.2.24
chiamamifaro, il nuovo album è "Disco Default"

Chiamamifaro, è uscito “Disco Default”: “Mentre aspetto di fare il grande salto, mi godo la salita” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 6.5.24
L'Aura è tornata con il singolo "Pastiglie"

L’Aura, il ritorno con “Pastiglie” dopo una lunga pausa: “Siamo fragili e fallibili. Io l’ho capito e ho chiesto aiuto” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 8.5.24
Alexandra Drag Queen

La Drag Queen Alexandra a Gay.it: “Voglio vivere una vita dove a casa ho solo giorni belli” – Intervista

Culture - Luca Diana 14.6.24