Slovacchia, storia di un omicidio queer da parte di un neo-nazista

Il killer Juraj Krajčík fu trovato morto suicida. Meditava di uccidere anche il primo ministro Eduard Heger.

ascolta:
0:00
-
0:00
Juraj Vankulič Matúš Horváth Juraj Krajčík
Juraj Vankulič Matúš Horváth Juraj Krajčík
5 min. di lettura

In Slovacchia un anno fa ci fu un omicidio queer dai risvolti geopolitici. Il 12 ottobre 2022 a Bratislava in via Zámocká, davanti al bar gay Tepláreň, frequentato dalla comunità queer locale, due persone della comunità LGBTIQ+ furono uccisi con colpi di arma da fuoco, e una terza persona, una donna, fu ferita.

Le vittime dell’assassinio furono Juraj Vankulič, persona non binaria, e Matúš Horváth, persona bisessuale. La terza vittima, trasportata all’ospedale, sopravvisse alla sparatoria. L’aggressore, Juraj Krajčík., fu trovato morto la mattina successiva all’agguato.

L’omicidio di Juraj Vankulič e Matúš Horváth fu immediatamente classificato come crimine d’odio e attacco terroristico. Le indagini sono ancora oggi in corso e il processo non è ancora iniziato, anche a causa del fatto che l’omicida, Juraj Krajčík, fu trovato morto poche ore dopo la sparatoria. Il killer fu classificato come un neo-nazista appartenente ai gruppi di estrema destra fomentati dalla propaganda nazionalista e sovranista riconducibile a spezzoni deviati dello spionaggio russo. Difficile stabilire quanto il governo di Putin abbia controllo su questo genere di propagande sotterranee, spesso attivate tramite Telegram.

Matúš Horvát
Juraj Vankulič, uccis* dal neonazista Juraj Krajčík a Bratislava il 12 Ottobre 2022 per il semplice fatto di appartenere alla comunità LGBTIQ+

Appena dopo l’omicidio, alle 19.48 la polizia comunicò l’avvenuta sparatoria e iniziò una caccia all’uomo di grandi proporzioni, con l’ausilio di elicotteri, e chiudendo tutte le strade dei quartieri limitrofi alla scena del crimine, ma Juraj Krajčík non fu rintracciato. Dalle telecamere di sicurezza, si stabilì che il neo-nazista, vestito completamente di nero con una maschera per il viso nera e un berretto nero in testa, si era recato nei pressi del bar gay Tepláreň intorno alle 18:35, nascondendosi in una nicchia, dove attese circa mezz’ora prima di entrare in azione.

Matúš Horváth
Matúš Horváth, uccis* dal neonazista Juraj Krajčík a Bratislava il 12 Ottobre 2022 per il semplice fatto di appartenere alla comunità LGBTIQ+

Il corpo esanime di Juraj Krajčík fu trovato soltanto la mattina dopo, già morto – secondo quanto dichiarato dalle forze di polizia – con un colpo alla testa. La polizia dichiarò subito che si trattava di suicidio e dichiarò – sul momento – di non avere informazioni sulle simpatie di Krajčík verso ideologie estremiste prima dell’attacco. La pistola con la quale il neo-nazista si sarebbe inferto un colpo suicida alla testa risulta tuttavia diversa da quella con cui furono uccisi Vankulič e Horváth. L’arma dell’omicidio fu trovata in casa di Krajčík, insieme a una nota scritta di motivazione al suicidio.

Nelle successive indagini emerse che Juraj Krajčík, prima della sparatoria, aveva avuto un diverbio con i propri genitori, i quali erano a conoscenza delle intenzioni criminali del figlio. Il padre e la madre del neonazista però non segnalarono il potenziale attacco alla polizia e oggi sono sotto inchiesta per non aver segnalato il comportamento sospetto del figlio.

 

Juraj Krajčík
Juraj Krajčík, il neonazista che uccise Matúš Horváth e Juraj Vankulič davanti al bar gay Tepláreň a Bratislava, Slovacchia, il 12 Ottobre 2022

 

Qualche giorno dopo le indagini, il profilo di Juraj Krajčík emerse con maggiore chiarezza. E si scoprì che, prima dell’attentato alle due persone LGBTIQ+, il killer si era recato anche nei pressi della residenza del primo ministro Eduard Heger e aveva scattato svariate foto. Un comportamento che secondo gli inquirenti lascia intendere che Krajčík stesse meditando un attentato al cuore delle istituzioni.

Il giorno prima dell’omicidio al bar gay di via Zámocká, Krajčík aveva pubblicato sull’account X/Twitter NTMA0315 dichiarazioni esplicite, tra cui “ho preso la mia decisione“, “sarà fatto” e “Razza prima. Sempre“. Il neo-nazista aveva pubblicato persino alcuni link a un manifesto di 65 pagine, noto agli inquirenti, contenente opinioni estremiste di destra dichiaratamente antisemite e omobitransfobiche. Nel manifesto le persone ebree e le persone LGBTIQ+ erano accusate di “causare danni alla gente bianca”.

x twitter NTMA0315
L’account X/Twitter NTMA0315 sospeso.

Il manifesto promosso da Krajčík menzionava anche l’odio nei confronti dell’islam, celebrava assassini di massa, tra cui Anders Breivik e gli autori degli attentati alle moschee di Christchurch e alla sinagoga di Poway. Il testo del manifesto era farcito anche di posizioni complottiste circa la pandemia da COVID-19, ed era chiaramente schierato contro le misure di vaccinazione attuate dall’Unione Europea. Vaccinazione anti-Covid19 che secondo il manifesto promosso da  Krajčík era da attribuire a un “complotto ebraico per addestrare la razza bianca all’obbedienza“. Il manifesto negava l’Olocausto ed esaltava la figura di Slovakbro, un 22enne slovacco famoso sui canali slovacchi filo-russi di Telegram, che era stato arrestato nel maggio 2022 con l’accusa di promuovere estremismo di destra e fomentare attraverso sabotaggi e azioni terroristiche il rovesciamento della democrazia in Slovacchia.

L’omicidio di Juraj Vankulič e Matúš Horváth da parte del neonazista Juraj Krajčík scosse profondamente la Slovacchia. Già l’indomani, il 13 ottobre 2022, la presidente Zuzana Čaputová si presentò davanti al bar gay Tepláreň per commemorare le vittime con un breve discorso rivolto ai media e una marcia di protesta pacifica che attirò subito centinaia di partecipanti.

Il 14 ottobre 2022, a Bratislava ci fu la veglia “Marcia contro l’Odio, organizzata dall’associazione LGBTIQ+ Iniciatíva Inakost. I partecipanti marciarono da Tepláreň a SNP square, dove il proprietario del bar gay Tepláreň, la presidente Zuzana Čaputová, il sindaco di Bratislava Matúš Vallo e il governatore della regione di Bratislava Juraj Droba, oltre a altri politici e celebrità slovacchi, tennero discorsi per commemorare le vittime, condannare il crimine ed esprimere sostegno alla comunità LGBTIQ+. Il primo ministro Eduard Heger presente, non proferì alcun discorso. Successivamente Heger dichiarò che “è inaccettabile che chiunque debba temere per la propria vita a causa del proprio orientamento sessuale…“, aggiungendo le sue scuse personali per aver rivolto in passato epiteti discriminatori verso le persone queer.

Una settimana dopo l’attentato il Parlamento europeo votò contro l’omobitransfobia in reazione al duplice omicidio di Bratislava. Il parlamento dell’Unione Europea manifestò “grave preoccupazione per il frequente uso di un linguaggio offensivo, aggressivo e omofobo nei confronti della comunità LGBTIQ+ in Slovacchia, anche da parte di ex e attuali membri del governo“. La mozione di condanna all’omobitransfobia in Slovacchia fu votata con 447 voti favorevoli alla risoluzione di condanna, 78 contrari e 45 astenuti. Ben 23 degli europarlamentari contrari alla condanna dell’omobitransfobia in Slovacchia erano italiani, appartenenti ai gruppi di Fratelli d’Italia e della Lega. Anche un eurodeputato di Forza Italia votò contro.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen espresse le sue condoglianze alla Slovacchia per la morte di Juraj Vankulič, persona non binaria, e Matúš Horváth, persona bisessuale, e parlando a nome della Commissione dell’Unione Europea, von der Leyen disse:

Dobbiamo proteggere la comunità LGBTIQ

 

Slovacchia, storia di un omicidio queer da parte di un neo-nazista - unione europea gay it 03 - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni Carlo Conti Sanremo 2025 Gay.it

Marco Mengoni sul ritorno di Carlo Conti a Sanremo: “Senza Amadeus sarà diverso”

Culture - Emanuele Corbo 10.6.24
Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+ - Screenshot 2024 06 10 143141 - Gay.it

Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+

News - Lorenzo Ottanelli 10.6.24
I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: "L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze". - papa per scelta - Gay.it

I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: “L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze”.

Culture - Redazione 11.6.24
Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Vittoria Schisano e i 7 anni d'amore con Donato Scardi: "Sei la cosa più giusta che io potessi fare" - Vittoria Schisano e Donato Scardi - Gay.it

Vittoria Schisano e i 7 anni d’amore con Donato Scardi: “Sei la cosa più giusta che io potessi fare”

Culture - Redazione 3.6.24

Leggere fa bene

15 Febbraio 2024 la Grecia approva il matrimonio egualitario

La Grecia legalizza il matrimonio egualitario, Italia ultimo paese dell’Europa Occidentale a discriminare le coppie omosessuali

News - Giuliano Federico 15.2.24
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
idahot-forum-diritti-lgbtqia

L’Unione Europea è dalla nostra parte, ecco l’IDAHOT+ forum per il 17 Maggio

News - Francesca Di Feo 13.5.24
georgia-legge-anti-lgbt

Legge anti-LGBTI, così La Georgia potrebbe sabotare il proprio ingresso nell’Unione Europea

News - Francesca Di Feo 2.5.24
Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana - grassadonia - Gay.it

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana

News - Redazione 6.5.24
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24