“Le lesbiche non hanno il pene”. Bufera su speed dating per lesbiche di Londra

Non sarebbe meglio includere, invece di escludere?

ascolta:
0:00
-
0:00
speed-dating-lesbiche-donne-trans
3 min. di lettura

Con l’avvento delle app di dating – sempre più targettizzate e specifiche per tutti i gusti – incontrarsi dal vivo è diventato un concetto superato. Perché sforzarsi di uscire di casa, vestirsi bene, trascinarsi in “locali gay” colmi di eterocuriosə, per poi terminare la serata nel letto da solə?

Abbiamo Grindr, Wapa, Taimi, e chi più ne ha più ne metta, pronte a fornirci un elenco completo dellə scapolottinə più affini ai nostri gusti, sapientemente filtratə per orientamento sessuale, identità di genere, top, bottom, switch, che amano i cani o che preferiscono i gatti, che ascoltano Marco Mengoni o gli Arctic Monkeys… sì, insomma, abbiamo capito.

Eppure, per fare un’analogia da purista della carta stampata, un e-book non sarà mai paragonabile a un libro in carta e inchiostro. Ed è così che nascono gli eventi di speed dating.

Un ibrido perfetto che soddisfa la nostra soglia d’attenzione sempre più agonizzante, unendo però l’inestimabile componente dell’incontro dal vivo. Un concetto non del tutto nuovo, ma sempre gradito.

Ci si siede a un tavolo per un tempo prestabilito – dai 2 ai 10 minuti – si inizia una conversazione con una controparte affine ai nostri gusti, e si decide subito se vale la pena o meno dedicarvi ulteriore tempo oppure passare allə prossimə.

Quando si parla di comunità LGBTQIA+, questi spazi risultano ancora più utili. Come accade al College Arms, pub londinese nel quartiere di Bloomsbury, che ospita una serata tutta a tema lesbico, offrendo una possibilità ai cuori solitari di trovare l’amore nella grande metropoli.

In un setting che ricorda le sognanti romcom che ci hanno cresciutə, donne lesbiche di tutti i background sociali e culturali si incontrano davanti a una pinta fresca, sperando a ogni date di trovare l’anima gemella. Non tutte le donne lesbiche però.

Sì, perché negli scorsi giorni, una bufera di polemiche ha travolto l’organizzatrice, Jenny Watson, accusata di transfobia dopo alcuni recenti tweet esclusivisti:

L’anno scorso, è arrivata una persona in full latex con un’evidente erezione. In un’altra occasione, una donna trans è entrata nel bagno delle femmine, assalendo un’avventrice dichiaratasi poi estremamente a disagio per il resto della serata. Se sei un uomo, evita di partecipare, non sei una lesbica”.

Dichiarazioni decisamente controverse per un’esponente di una comunità che tenta – da diversi anni – di isolare il movimento TERF e supportare donne e uomini trans come membri accolti e celebrati all’interno del movimento. E, infatti, Jenny aggiusta subito il tiro.

Le persone trans meritano rispetto, ma dobbiamo anche proteggere gli spazi dedicati esclusivamente alle donne lesbiche”.

Eppure, questo non ha frenato il backlash ricevuto da Watson negli scorsi giorni. Sui suoi profili social, sono diversi i commenti che la etichettano come transfobica – specialmente dopo una recente dichiarazione secondo la quale “le lesbiche non hanno il pene”.

Osservando in terza persona l’accaduto, è facile concludere che un atteggiamento di questo tipo possa facilmente essere etichettato come problematico. Eppure, ci sono alcune considerazioni da tenere presente.

L’orientamento sessuale non è una scelta – e su questo, siamo tutti d’accordo. Ora, esistono così tanti tipi di orientamento sessuale che è difficile pensare di citarli uno ad uno, ma ne esiste uno che li raccoglie tutti: pansessuale.

La pansessualità implica un’attrazione che prescinde dall’identità di genere. Una donna pansessuale potrà quindi essere attratta in egual misura a uomini e donne cis, uomini e donne trans, persone non binarie, genderfluid o comunque appartenenti a qualsiasi identità compresa nell’infinito spettro dell’identità di genere.

Una donna lesbica, invece, potrebbe invece essere attratta esclusivamente da altre donne lesbiche – o bisessuali – a patto che siano cisgender. La bellezza della diversità sta proprio in questo: celebrare e accettare tutti gli orientamenti e identità.

Ora, è giusto escludere le donne trans da un evento esclusivamente dedicato alle lesbiche? Probabilmente no, perché potrebbero esserci lesbiche attratte in egual misura da donne cisgender o trans.

La soluzione, qui, sta nell’ampliare, non nel ridurre. È possibile avere eventi esclusivamente dedicati a uno specifico orientamento sessuale se ciò viene controbilanciato dalla presenza di eventi dedicati al resto delle persone.

E, soprattutto, sono i toni a fare la differenza. L’atteggiamento di Watson è assolutamente inqualificabile a prescindere dalle motivazioni che l’hanno spinta ad adottarlo. Basare la propria opinione su generalizzazioni dannose, stereotipi e linguaggi d’odio non è accettabile all’interno di una comunità che si batte proprio contro narrative simili.

L’obiettivo di un movimento per i diritti sociali è quello di far star bene tuttə, dedicando spazi in cui tuttə possano sentirsi accoltə e compresi.

Se questo vuol dire occupare un venerdì sera in più dedicato a coloro che presentano un’identità di genere diversa da quella cisgender, senza togliere spazio a nessun altro, in ottica inclusiva, allora vorrà dire che bisognerà impegnarsi un tantino di più. E superare la propria queerfobia interiorizzata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23
Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA

La categoria “open” alla Coppa del Mondo di nuoto è stata cancellata perché nessunə si è iscrittə

Corpi - Redazione 5.10.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23