Video

Tom Hanks confessa: “In quanto etero oggi come oggi non mi proporrebbero il ruolo gay in Philadelphia”

"Non credo che la gente accetterebbe l'inautenticità di un attore etero che interpreta un personaggio gay". Ma è davvero così?

ascolta:
0:00
-
0:00
ARVE Error: Syntax error URL: https://www.youtube.com/watch?v=bBuDMEpUc8k
2 min. di lettura

Nel 1993 Philadelphia di Jonathan Demme faceva la storia di Hollywood, in quanto prima grande produzione cinematografica a trattare in maniera esplicita il tema dell’AIDS con protagonista un personaggio omosessuale. Capolavoro indiscusso della cinematografia anni ’90, Philadelphia venne candidato a 5 premi Oscar, vincendone due. Uno per la strepitosa (Streets of Philadelphia), canzone portante di Bruce Springsteen e Neil Young, e una per la memorabile prova d’attore di Tom Hanks, che fece suo l’ambito ruolo battendo in volata Daniel Day-Lewis, Michael Keaton e Andy García. L’anno dopo, grazie a Forrest Gump, Hanks vincerà il suo 2° Oscar consecutivo come miglior attore, eguagliando un record ad oggi ancora imbattuto e da allora condiviso con Spencer Tracy.

Passati quasi 30 anni, Hanks, che all’epoca perse circa 15 kg durante la lavorazione del film, ha ammesso che oggi come oggi difficilmente gli chiederebbero di interpretare quel personaggio gay, andando così a rilanciare l’ormai infinita diatriba sugli attori eterosessuali che interpretano personaggi omosessuali da almeno un paio d’anni esplosa in quel di Hollywood. Via New York Times, Hanks ha così motivato il tutto.

“Non credo che la gente accetterebbe l’inautenticità. Ad un uomo eterosessuale darebbero oggi la mia parte in Philadelphia? No, ed è giusto che sia così. Il punto centrale di Philadelphia era non aver paura. Uno dei motivi per cui la gente non aveva paura di quel film è che interpretavo un uomo gay. Ora siamo oltre e non credo che la gente accetterebbe l’artificiosità di un ragazzo etero che interpreta un ragazzo gay. Non è un crimine, non è una lamentela se qualcuno oggi come oggi desidera di più da un film in termini di autenticità. Sembra che sto facendo una predica? Non era mia intenzione”.

A breve in sala con Elvis, film di Baz Luhrmann che potrebbe accompagnarlo verso la sua 3a statuetta, il gigantesco Tom Hanks in Philadelphia interpretava Andrew “Andy” Beckett, un brillante avvocato omosessuale che dal giorno alla notte viene licenziato dal suo studio legale. Convinto di essere stato discriminato in quanto gay e malato di AIDS, fa causa allo studio, con al suo fianco l’amato Miguel Alvarez, interpretato da Antonio Banderas, e l’avvocato Joseph “Joe” Miller, interpretato da un eccezionale Denzel Washington. Il film fu un clamoroso successo anche in sala, incassando ben 206.678,440 dollari in tutto il mondo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes - Trei kilometri pana la capatul lumii - Gay.it

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes

Cinema - Federico Boni 27.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Leggere fa bene

Inside Out 2, la protagonista Riley è queer? Video - Inside Out 2 - Gay.it

Inside Out 2, la protagonista Riley è queer? Video

Cinema - Redazione 11.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 12/18 febbraio tra tv generalista e streaming - Film febbraio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 12/18 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 12.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 aprile tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 aprile tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 15.4.24
Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer - Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos 2 - Gay.it

Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer

Cinema - Redazione 27.3.24
Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere - Saltburn - Gay.it

Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere

Cinema - Redazione 22.12.23
Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni - tutto su mia madre - Gay.it

Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni

Cinema - Federico Boni 26.3.24
Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l'omofobia esce al cinema tra plausi e proteste - Lessons in Tolerance film - Gay.it

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l’omofobia esce al cinema tra plausi e proteste

Cinema - Federico Boni 28.2.24
Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: "Non sarei quello che sono senza l’arte queer" - Cannes 2024 Lukas Dhont presidente di giuria della Queer Palm - Gay.it

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: “Non sarei quello che sono senza l’arte queer”

Cinema - Federico Boni 21.2.24