Tribeca Film Festival, la creatura di De Niro svela un’anima queer

Mai come quest'anno la cinekermesse newyorchese dà spazio al cinema gay: dalla commedia brillante "Gay Best Friend" al melò lesbico "Reaching for the Moon" e aL doc su Vidal. Dal 17 al 28 aprile.

Tribeca Film Festival, la creatura di De Niro svela un'anima queer - tribeca13BASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Tribeca Film Festival, la creatura di De Niro svela un'anima queer - tribeca13F1 - Gay.it

Tribeca è un vivace quartiere modaiolo di Lower Manhattan, affacciato sull’Hudson a ovest e confinante con le folcloristiche Chinatown e Little Italy a est ma abbellito dall’effetto civetta di celebrities che vi dimorano quali Julia Roberts e Beyoncè. Deve il suo nome alle iniziali di “TRIangle BElow CAnal Street”, ossia “triangolo sotto Canal Street”. Sceso di quotazioni dopo l’immane tragedia dell’11 settembre – non è distante dal World Trade Center – sta recuperando terreno e smalto anche grazie al Tribeca Film Festival fondato l’anno dopo, nel 2002, da Robert De Niro e Jane Rosenthal, una sorta di mini-Sundance della East Coast, vetrina di un certo prestigio per il cinema indipendente americano ma non solo. Ma quest’anno il triangolo di Tribeca diventa rosa. La sua dodicesima edizione, infatti, in programma dal 17 al 28 aprile, si preannuncia densa di molti interessanti titoli a tematica lgbt. Sarà presentata in anteprima mondiale quella che potrebbe essere la commedia gay dell’anno, “G.B.F. (Gay Best Friend)” di Darren Stein, su un adolescente che fa coming out e tenta una imprevedibile scalata sociale attraverso una strategia mirata: diventare l’accessorio imprescindibile delle ragazze che contano, ossia il migliore amico gay.

Tribeca Film Festival, la creatura di De Niro svela un'anima queer - tribeca13F2 - Gay.it

Si vedrà anche la rom-com taiwanese “Will You Still Love Me Tomorrow?” di Arvin Chen in cui il timido Weichung, sposato da nove anni con Feng che vorrebbe un secondo figlio, rincontra l’ex fiamma Stephen, organizzatore di matrimoni, e lo convince a riprendere la frequentazione dell’ambiente gay come faceva prima di sposarsi. Quando Weichung si invaghisce di un assistente di volo le cose si complicano, complice l’intromissione della madre e della suocera. Nel melò brasiliano “Reaching for the moon” ritroviamo una desaparecida Miranda Otto nei panni di una poetessa frustrata che si innamora di un architetto donna (Gloria Pires) che inizialmente le ispira profonda antipatia.
Ma sarà sul fronte dei documentari queer che il Tribeca giocherà le sue carte migliori: farà il suo debutto l’atteso “Gore Vidal: United States of Amnesia” di Nicholas D. Wrathall con interviste esclusive a Gorbachev, Sting e David Mamet sulla vita del grande scrittore americano, radicale e polemista, autore del cult gay ‘La statua di sale’ e sceneggiatore dell’immortale “Improvvisamente l’estate scorsa”. I premi Oscar Rob Epstein e Jeffrey Friedman presenteranno “The Battle of amfAR” sulla prima fondazione per la ricerca sull’Aids creata nel 1985 da Elizabeth Taylor e dalla dottoressa Mathilde Krim.

Tribeca Film Festival, la creatura di De Niro svela un'anima queer - tribeca13F3 - Gay.it

L’attualissimo tema dei matrimoni lgbt è al centro di “Bridegroom” sulla morte accidentale di un ragazzo gay, Tom, ricostruita dal suo fidanzato Shane, privo di qualsiasi tutela e diritto perché non si è potuto sposare. La loro storia, raccontata in un video postato su YouTube, è stata visualizzata da più di 3,4 milioni di persone e tradotta in più di venti lingue. Grazie a Whoopi Goldberg nell’insolita veste di regista, scopriremo un’icona queer del primo Novecento, Jackie “Moms” Mabley (1894 – 1975), attrice comica di vaudeville che spesso si travestiva da uomo, bandita come pornografica dopo essersi dichiarata lesbica all’età di ventisette anni.
Peccato solo che il Tribeca Film Festival si sovrapponga come date al Togay, sennò meriterebbe davvero una morsicatina primaverile della Grande Mela.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24

Leggere fa bene

Lorenzo Zurzolo Gay.it

Il 2024 di Lorenzo Zurzolo: da “Diabolik” a “Prisma 2”, e poi “La Storia” di Elsa Morante e “M.” di Scurati

Cinema - Mandalina Di Biase 1.12.23
Hunger Games, Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel - Hunger Games Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel - Gay.it

Hunger Games, Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel

Cinema - Redazione 15.11.23
Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+ - All Shall Be Well - Gay.it

Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+

Cinema - Federico Boni 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Tommy Dorfman (TIME)

Tommy Dorfman accusa la Delta Air Lines di transfobia

Cinema - Redazione Milano 3.1.24
Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei - All of Us Strangers (VIDEO) - All of Us Strangers - Gay.it

Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei – All of Us Strangers (VIDEO)

Cinema - Redazione 26.1.24
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
Andrew Scott in Estranei (2023)

Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Cinema - Riccardo Conte 27.2.24