UN MUCCINO DA DIMENTICARE

Imbarazzante. Brutto. Inconsistente. "Ricordati di me" sembra occhieggiare a un pubblico che non ha voglia di riflettere. E gli attori danno il peggio di sè. Incluso Lavia nei panni del gay.

UN MUCCINO DA DIMENTICARE - ricordati di me bentivoglio - Gay.it
3 min. di lettura

E’ un po’ imbarazzante constatare quanto rumore, quanta esaltazione e giudizi affrettati si scatenino quando un nuovo autore italiano si affaccia sul triste panorama del cinema nazionale e quanto si gridi in fretta al miracolo, alla scoperta di un grande regista, alla rinascita della settima arte tricolore. Ed è a maggior ragione imbarazzante dopo aver visto un film brutto e inconsistente come ‘Ricordati di me‘ di Gabriele Muccino, promessa stracelebrata di una presunta nuova cineprimavera che dà diversi segnali (‘L’imbalsamatore’, ‘Angela’, ‘Respiro’) ma anche cocenti delusioni.

UN MUCCINO DA DIMENTICARE - ricordati di me muccino - Gay.it

Ecco detto: qui ci si immerge tra le emorragie causate dall’agonia sentimentale di una famiglia (che novità) con uno schematismo e un’incapacità di stratificare il racconto che mette i brividi. Mette i brividi anche perché il successo del film è innegabile (3 milioni di euro nel primo weekend) e perché il sospetto è che il pubblico di un certo cinema borghese italiano inevitabilmente medio abbia sempre meno voglia di riflettere e mettersi in discussione. Non che Muccino sia un cattivo regista, anzi: la sua macchina da presa è fluida e precisa, pedina con passione quasi postzavattiniana i suoi personaggi, sa gestire lunghe scene di dialoghi senza far notare fastidiosamente la sua presenza. Né si può negare che il montaggio sia incalzante e astuto, il ritmo anche troppo abilmente calcolato al fine di non annoiare gli spettatori. Ma Muccino non sa dirigere i suoi attori, lascia andare a briglia sciolta una Laura Morante mai così sopra le righe e costantemente iperisterica, è troppo accomodante nel lasciare ai personaggi ogni controllo su interpretazioni troppo interessate ad attirare l’attenzione su di sé e non sulla storia (Bentivoglio sottilmente gigione, Silvio Muccino adolescente problematico da clichè).

UN MUCCINO DA DIMENTICARE - ricordati di me romanoff - Gay.it

E il messaggio non può essere più ambiguo: il marito tradisce la moglie con una strabona e non la dimentica, la moglie scatena le sue nevrosi in sessioni teatrali inverosimili e ridicole, il ragazzino è a disagio e l’unica ‘che ce la fa’ è la figlia con ambizioni da quarto d’ora warholiano che vuole diventare velina, letterina o quant’altro (quando arriveranno le ‘numerine’ elencate in ordine cardinale?). E poi ha successo in tv ovviamente perché dopo un provino nel vero studio di Passaparola (!) conosce Taricone (sigh, proprio lui) e si porta a letto Silvestrin. Altro che critica al rampantismo televisivo…

UN MUCCINO DA DIMENTICARE - ricordati di me lavia - Gay.it

E che dire del personaggio di Gabriele Lavia nei panni del regista teatrale che, come in una farsa, rivela alla Morante di essere gay dopo che lei gli dichiara di amarlo alla follia? Sorvoliamo sulla Bellucci, donna geneticamente incompatibile col mezzo cinema se non a puro livello estetico. Forse, alla fine dei conti, il pessimismo di Muccino è semplicemente ultraleopardiano e il suo obiettivo è solo descrivere una realtà putrescente. In questo non si può non dargli ragione. Ma il film non ha altre ragion d’essere.
Da dimenticare.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

I film LGBTQIA+ della settimana 25 settembre/1 ottobre tra tv generalista e streaming - film streaming - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 25 settembre/1 ottobre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 25.9.23
A Voce Nuda

“A Voce Nuda”, il cortometraggio sulla sextortion con Andrea Delogu e Mr. Rain: guarda il trailer

Cinema - Luca Diana 9.9.23
Pedro Almodóvar: "Un attore etero può assolutamente interpretare un personaggio gay e viceversa" - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Pedro Almodóvar: “Un attore etero può assolutamente interpretare un personaggio gay e viceversa”

Cinema - Redazione 11.9.23
Un Bastardo e l’Eredità di Pinochet, il doc queer arriva a Roma. Trailer e sinossi - Bastardo. La herencia de un genocida 2 - Gay.it

Un Bastardo e l’Eredità di Pinochet, il doc queer arriva a Roma. Trailer e sinossi

Cinema - Redazione 10.11.23
saltburn elordi sperma keoghan

Saltburn, Jacob Elordi e la scena cult dello sperma: “Orgoglioso che Barry Keoghan …”

Cinema - Redazione 21.11.23
L'ipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers - Estranei. VIDEO - Lipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers Estranei. VIDEO - Gay.it

L’ipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers – Estranei. VIDEO

Cinema - Redazione 20.12.23
Nuovo Olimpo di Ferzan Ozpetek uscirà tra ottobre e dicembre - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Nuovo Olimpo di Ferzan Ozpetek uscirà tra ottobre e dicembre

Cinema - Redazione 31.8.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23