Ungheria verso il referendum ‘anti-LGBT’: ecco l’obiettivo di Orban

Quesiti fuorvianti, attacco alla comunità LGBT, omosessualità come pericolo: ecco il risultato del referendum di Orban.

orban
Orban ottiene l'ok, il referendum anti-LGBT si farà.
2 min. di lettura

La sfida di Viktor Orban all’Europa procede spedita, con il via libera al referendum sulla legge anti-LGBT, approvata a tempo record dal Parlamento a metà giugno.

Con l’ok del Comitato elettorale ungherese, non passerà molto tempo prima che l’Ungheria si accinga a esprimere il proprio parere sulla legge, anche se Orban pensa già di avere la vittoria in mano: la popolazione condivide fermamente i valori tradizionali del Paese, oltre all’omofobia generalizzata.

I quesiti fuorvianti del referendum di Orban

Il referendum sarà composto da più quesiti, parrebbe cinque. Tra questi, tre riguardano la comunità LGBT, il tema della sessualità nelle scuole e la “propaganda LGBT”:

  • “Accettate che la scuola parli di sessualità ai vostri figli senza il vostro consenso?”
  • “Siete a favore della promozione dei trattamenti per il cambio del sesso dei minori?”
  • “Siete a favore della presentazione, senza restrizioni, di contenuti mediatici a carattere sessuale ai minori, che incidano sul loro sviluppo?”

Il succo dei quesiti, che sarà probabilmente anche il fulcro della campagna referendaria, è la “protezione” delle nuove generazioni, in un Paese dove la natalità non è mai stata così bassa. Puntando su questo, c’è il timore che l’omosessualità venga dipinta come “controproducente” e inutile per impedire il continuo calo demografico che l’Ungheria sta affrontando.

Così facendo, però, non si parla più di protezione, ma di incitamento all’odio.

La (piccola) opposizione contro il referendum

Opposizione politica e associazioni sono sul piede di guerra, anche per il modo in cui sono stati posti i quesiti. Parlare di “sessualità senza il vostro consenso” è un chiaro tentativo di depistaggio, così come la “promozione dei trattamenti per il cambio di sesso”, diffondendo poi il (falso) timore nei genitori che parlare di sessualità a scuola possa far cambiare orientamento ai bambini.

Ancora una volta, insomma, Viktor Orban e la sua politica omofoba giocano sulla disinformazione, in un attacco senza precedenti alla comunità LGBT.

Inoltre, sebbene non ci sia ancora una data precisa per il referendum, Orban auspica si svolga prima delle elezioni del prossimo anno, in modo da aumentare il proprio indice di gradimento e presentarsi alle elezioni senza avversari in grado di ostacolarlo. L’obiettivo è quello di assumere una forte notorietà anche fuori dall’Ungheria, che si rifletterebbe anche su tutta l’UE, strizzando l’occhio ad altri leader, come già capitato con i nostri Salvini e Meloni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
rubytuesday 11.8.21 - 17:46

io, che pratico l'omosessualità gaiamente da quando avevo sedici anni, , a tutti e tre i quesiti - ammesso e non concesso che siano stati sintetizzati senza tradirne nè la lettera nè lo spirito - voterei NO !!! (permettere i trattamenti per il "cambio di sesso" ai bambini o consentirne l'accesso alla pornografia??? Ma ce l'abbiamo il senso delle cose, oltre che del ridicolo??)

Avatar
Franzc Dereck 5.8.21 - 19:24

ARPADI , Arpadi !

Avatar
Franzc Dereck 5.8.21 - 19:16

Riguardo il risultato del referendum di Orban , vi sono pochissimi dubbi , purtroppo . Non dimentichiamo che gli ebrei ungheresi sono stati denunciati dai vicini , dai conoscenti e credo che ancora oggi l'odio per il diverso non sia mutato tra i discendenti degli Armadi , parenti stretti dei Turchi!

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano - donald trump vs. ron desantis - Gay.it

Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano

News - Federico Boni 2.11.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
Vannacci: "Rivendico il diritto all'odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c'è chi li critica" - VIDEO - vannacci matrimoni gay - Gay.it

Vannacci: “Rivendico il diritto all’odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c’è chi li critica” – VIDEO

News - Federico Boni 31.8.23
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23