Unioni Civili e Matrimonio Egualitario, ok smuovere le acque ma il Referendum abrogativo è un rischio enorme

Pro e contro della battaglia intrapresa dal Partito Gay. Perché questo Referendum abrogativo sulle Unioni Civili non è propriamente un Referendum sul matrimonio egualitario.

matrimonio egualitario referendum unioni civili partito gay LGBTQ+
matrimonio egualitario referendum unioni civili partito gay LGBTQ+ parlamento senato fabrizio marrazzo agorà partito democratico
3 min. di lettura

Pochi giorni fa in Senato Fabrizio Marrazzo, portavoce “Partito Gay – LGBT+”, ha presentato alla stampa il Referendum abrogativo per le Unioni Civili e a sostegno del Matrimonio Egualitario, con via alla raccolta firme. 500.000 quelle richieste, on line a pagamento per sostenere le spese (1 euro e 50) e tra le piazze d’Italia con appositi banchetti, puntando al 2024 come eventuale chiamata alle urne.

Come più volte precisato, nel nostro ordinamento non è previsto il referendum propositivo bensì solo quello abrogativo, che necessità di una legge ordinaria già esistente, approvata dai due rami del parlamento. E in Italia non c’è alcuna legge che contempli il matrimonio egualitario. Ecco perché è stato ora proposto di abrogare quegli articoli della legge sulle unioni civili che rendono ancora oggi la legge Cirinnà ‘diversa’ dal matrimonio.

Ed è qui che bisognerebbe soffermarci, valutando pro e contro di simile iniziativa. Perché se non si riuscisse a raccogliere le 500.000 firme o a non superare il 50% dei consensi una volta alle urne, si rischierebbe di scrivere anticipatamente la parola fine ad un’eventuale battaglia matrimoniale parlamentare, perché verrebbero a dirci che la maggioranza degli italiani è contraria e/o interessata ad altro. Se invece le firme raccolte fossero più di 500.000, se il referendum venisse considerato valido e se oltre il 50% degli italiani votasse a favore dell’abrogazione delle unioni civili, non avremmo comunque il matrimonio egualitario. Ma qualcosa di diverso. E la discriminazione che ad oggi viviamo rimarrebbe tale.

Ci ritroveremmo comunque con due ‘scatole’ distinte, identico contenuto e un uguale impianto discriminatorio, con il gigantesco rischio che dinanzi ad un referendum popolare vinto, qualsiasi successiva richiesta di una legge ad hoc sul matrimonio egualitario finisca per essere inevitabilmente cestinata, lasciata cadere, accantonata. Si possono già sentire gli strepiti di deputati e senatori della destra, pronti a fare le barricate urlando alle ‘bandierine ideologiche’, perché dopo aver voluto e vinto un referendum ad hoc “a sostegno del Matrimonio Egualitario” vorremmo anche ‘occupare’ il Parlamento con altri leggi specifiche? “Avete già tutto, perché ora volete dargli il nome di matrimonio? Sono solo etichette“. Non c’è bisogno di scomodare Nostradamus per immaginare futuri e simili dialoghi. Pillon starà già prendendo appunti.

La proposta avanzata in Senato rischia quindi di fare seri danni, lasciando strascichi indelebili sul futuro del sogno matrimoniale. D’altronde questo NON sarebbe un referendum sul matrimonio egualitario (perché lo ribadiamo, è impossibile proporlo), bensì un quesito che andrebbe ad eliminare dalla legge sulle unioni civili quelle parti che la differenziano dal matrimonio. Sembra un cavillo, ma non lo è, perché non si potrebbe comunque parlare di ‘matrimonio’. E allora perché venderlo come “Referendum sul Matrimonio Egualitario”, quando così non è?

Che la Legge Cirinnà, con quella stepchild adoption inopinatamente cestinata sul viale del traguardo, debba essere superata, è cosa ampiamente riconosciuta (dalla stessa senatrice Pd). Ma con una proposta di legge concreta, che finisca nel programma elettorale di un centrosinistra (o perché no del centrodestra) che tra un anno non potrà limitarsi a ripresentare il ‘sogno’ di una legge contro l’omotransfobia, da 3 decenni puntualmente impallinata. Il matrimonio egualitario deve diventare legge dello Stato italiano e non potrà far altro che essere la madre di tutte le prossime battaglie sui diritti LGBT nazionali, ma con un percorso preciso, condiviso, inattaccabile, che possa trasformarsi in reale uguaglianza, cancellando ogni forma di discriminazione. In Parlamento.

Tutto ciò questo Referendum abrogativo rischierebbe di renderlo impossibile, a meno che non sia stato unicamente pensato per smuovere le acque, per riportare il dibattito politico nazionale su un tema scandalosamente cancellato da qualsivoglia agenda, per scuotere quei partiti che a breve dovranno inevitabilmente iniziare a pianificare un nuovo programma elettorale, in vista del voto nel 2023. Le annunciate Agorà del PD sarebbero avviate su questa strada, con la consapevolezza che un’ipotetica vittoria del Referendum abrogativo sulle Unioni Civili potrebbe tramutarsi in pietra tombale sul matrimonio egualitario in Italia.  Possiamo davvero permetterci un simile rischio?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy

Corpi - Redazione 24.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24

Continua a leggere

grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia, verso il voto sul matrimonio egualitario: estrema destra e comunità religiose protestano in piazza

News - Francesca Di Feo 12.2.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Penny Wong, la ministra degli esteri d'Australia ha sposato l'amata Sophie Allouache - Penny Wong la ministra degli esteri dAustralia ha sposato lamata Sophie Allouache - Gay.it

Penny Wong, la ministra degli esteri d’Australia ha sposato l’amata Sophie Allouache

News - Redazione 18.3.24
Alessandro Zan eletto vicepresidente della Commissione LIBE del Parlamento Europeo - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan eletto vicepresidente della Commissione LIBE del Parlamento Europeo

News - Redazione 23.7.24
Ungheria Orban Péter Magyar Tisza

Europee, Ungheria: batosta peggiore di sempre per Orbán, cresce Tisza, partito che vuole ricostruire i rapporti con l’UE

News - Francesca Di Feo 10.6.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24