Venezia 71: Queer Lion a Les nuits d’été, timidi applausi per Pasolini

Leone gay all’esordio di Mario Fanfani sul travestitismo. Ferrara accolto tiepidamente.

Venezia 71: Queer Lion a Les nuits d'été, timidi applausi per Pasolini - queerlion 2014 new 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Venezia 71: Queer Lion a Les nuits d'été, timidi applausi per Pasolini - queerlion 2014 new1 - Gay.it

Va a “Les nuits d’été” (“Le notti d’estate”), opera prima di un italofrancese, Mario Fanfani, parente alla lontana del celebre politico Amintore, il Queer Lion di Venezia 71. Commedia drammatica camp ambientata alla fine degli anni ’50, durante la Guerra d’Algeria, racconta di un notaio sposato, Michel (Guillaume de Tonquédec) che nel weekend si rifugia nella sua casa isolata sui Vosgi per vestire liberamente in drag insieme ai suoi amici, trasformandosi così nel suo alter ego femminile Mylène. Un inno al travestitismo come libertà d’espressione e ricerca di sé che ha conquistato la giuria presieduta da Alessandro Zan: “La ricerca della propria identità è sempre un atto rivoluzionario! – spiega la motivazione -. Lo fa il protagonista indossando abiti femminili pur mantenendo le proprie convinzioni borghesi; lo fa la moglie attraverso la sua emancipazione e gli ideali pacifisti; lo fanno a loro modo tutti gli altri personaggi all’interno di un’opera queer che mescola, con eleganza, tradizione e trasgressione”. Nel cast anche la celebre transessuale tedesca Zazie de Paris che in una scena legge una sorta di mini-Costituzione dell’essere donna che prevede, all’articolo 1: “Siamo donne per scelta, decreto o piacere”. “Les nuits d’été” non ha ancora una distribuzione italiana anche se Lucky Red sembrerebbe interessata ad acquistarlo.

Venezia 71: Queer Lion a Les nuits d'été, timidi applausi per Pasolini - queerlion 2014 new2 - Gay.it

Passando al concorso ufficiale, stamattina è stato accolto da un timido applauso, alla proiezione stampa, l’attesissimo “Pasolini” di Abel Ferrara col somigliante Willem Dafoe nel ruolo del protagonista e Riccardo Scamarcio in quello di Ninetto Davoli, presente anch’esso nella parte di Epifanio ovvero Eduardo De Filippo. “Il grande cinema italiano nato dopo la Seconda Guerra Mondiale è finito con la morte di Pasolini – ha detto il regista in conferenza stampa -. Io sono cresciuto guardando i film di Pasolini e lui è cresciuto senza guardare i miei film. Io sono un buddista che tende a meditare sui propri maestri. Ho sentito molto il suo lavoro e mi sono permesso di avvicinarmi a lui”.

Venezia 71: Queer Lion a Les nuits d'été, timidi applausi per Pasolini - queerlion 2014 new3 - Gay.it

“Ho letto moltissimo i suoi libri e studiato le sue teorie – continua Ferrara -. Ma quando incontri le persone che lo hanno conosciuto e hanno lavorato con lui, è tutto diverso. Capisci quanto era amato e come era gentile anche con i più umili. Sul set, poi, era tutto quello che io avrei voluto essere. Non ho mai detto di sapere chi l’ha ucciso, è una grande balla dei giornalisti, chi ha scritto quella bugia? Il punto del film è cercare di parlare della sua vita e del suo lavoro, delle sue passioni e della sua compassione. Ci siamo focalizzati sulla notte in cui l’hanno ucciso perché la morte di ciascuno riflette la propria vita: siamo partiti da qui”.
Ninetto Davoli ricorda inoltre “le 32 o 33 denunce ricevute da Pier Paolo” aggiungendo: “Noi oggi siamo presi da un sistema di vita consumistico, per lui era male, e ci ha portato a quello che è l’Italia oggi. Abbiamo perso il valore della vita, siamo catturati dal sistema”.
“Pasolini” verrà distribuito in Italia il 25 settembre da Europictures in versione doppiata (la voce di PPP sarà quella di Fabrizio Gifuni).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: "Grazie, perché mi ami" (VIDEO) - Sarah Paulson e il dolcissimo post di auguri ad Holland Taylor - Gay.it

Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: “Grazie, perché mi ami” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 17.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24
Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24

Continua a leggere

laguna pride 2024, domenica 9 giugno

Laguna Pride 2024: a Venezia domenica 9 giugno

News - Redazione 9.5.24
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
padova pride 2024, sabato 1 giugno

Padova Pride 2024: sabato 1 giugno

News - Redazione 29.2.24
verona pride 2024, domenica 16 giugno, intervista

“Il Pride serve a mostrare alla cittadinanza che un’altra vita è possibile”: domenica 16 giugno il Verona Pride – INTERVISTA

News - Gio Arcuri 13.6.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
vicenza pride 2024

Vicenza Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 27.2.24
riviera pride a dolo 2024

Riviera Pride 2024: sabato 29 giugno a Dolo

News - Redazione 30.5.24
locali gay a verona

Locali, eventi e serate queer friendly a Verona

Viaggi - Redazione 12.1.24