Viaggiare sicuri ai tempi del Covid-19: i Paesi dove un italiano (lgbt) può andare senza correre rischi

Dovete ancora decidere dove andare in vacanza? Ecco una lista di Paesi dove non correrete il rischio di dover affrontare una seconda quarantena.

viaggiare sicuri
4 min. di lettura

Il Covid 19 ha limitato per mesi i nostri spostamenti, possibili solo per comprovata necessità. Ma ora possiamo anche sognare di prendere un aereo o un treno, se non l’auto o atri mezzi, per fare un viaggio anche negli altri Paesi, sia europei che fuori dall’UE. Ecco una lista per viaggiare sicuri, dove andare senza dover sprecare la propria vacanza (o permanenza, in generale) in quarantena.

Viaggiare Sicuri: dove può andare un viaggiatore LGBT italiano

Oltre al Covid 19, sono state inserite informazioni riguardo la tolleranza della comunità LGBT nei Paesi più conservatori.

  • Austria – A partire dal 16 giugno e fino al 30 settembre, l’Austria apre i suoi confini a coloro che provengono da Paesi appartenenti allo Spazio UE-SEE + Svizzera (esclusi Svezia, Portogallo e Regno Unito). I viaggiatori non dovranno presentare certificati né dovranno fare un periodo di autoisolamento.
  • Belgio – I viaggi per turismo da/verso il Belgio sono possibile dal 15 giugno, per tutti i viaggiatori provenienti dai Paesi UE, dell’area Schengen e dal Regno Unito. Dal 1 agosto, chi entra in Belgio dall’estero dovrà compilare un formulario online, 48 ore prima dell’arrivo.
  • Bulgaria – Dal 15 giugno autorizza l’ingresso senza isolamento. Anche questo Stato prevede la compilazione di un formulario. È obbligatorio invece l’isolamento chi ritorna in Italia, dalla Bulgaria. In questo Paese, la comunità LGBT non è molto accettata dalla società.
  • Cipro – Misure più stringenti a Cipro. Per i viaggiatori italiani, occorre: 1) presentare un certificato COVID-19 negativo, eseguito non più di 72 ore prima l’arrivo. È possibile eseguire l test anche in aeroporto, al costo di 60 euro. 2) presentare una dichiarazione giurata, in cui si conferma il Paese di provenienza e informazioni personali. Deve essere compilata tramite il portale https://cyprusflightpass.gov.cy/. Solo una piccola parte della società vede di buon occhio il matrimonio egualitario, mentre poco più della metà è favorevole alle unioni civili. L’omosessualità non è ancora del tutto accettata.
  • Croazia – A partire dall’1 luglio, nessuna restrizione per alcun viaggiatore. Ma si deve compilare un modulo online, in modo da velocizzare l’entrata nel Paese e tenere sotto controllo la diffusione di un eventuale contagio. Paesi da gigante negli ultimi 10 anni per i croati, che si dimostrano sempre più aperti.
  • Danimarca – A partire dal 27 giugno, si può entrare i Danimarca senza isolamento e dichiarazioni. Ma è obbligatorio aver prenotato una stanza per almeno 6 notti.
  • Estonia – Dal 1 giugno,  i viaggiatori provenienti da Stati UE, dall’area Schengen e dal Regno Unito possono entrare nel Paese, ma si riserva di bloccare i viaggiatori qualora nello Stato di appartenenza ci fosse un aumento dei contagi. Grande apertura da parte dei giovani estoni, a differenza dei più anziani (e chiusi di mente).
  • Finlandia  A partire dal 13 luglio l’Italia è tra i Paesi autorizzati. Nessuna restrizione quindi per i viaggiatori italiani.
  • Francia – Zero restrizioni anche in Francia, dove gli italiani e tutti i viaggiatori UE possono entrare senza autocertificazione. Previsto l’isolamento per i soli residenti in UK.
  • Germania – Dal 16 giugno abiliti i controlli e le restrizioni all’ingresso per i viaggiatori UE e Schengen (+ la Gran Bretagna).
  • Grecia – Da luglio, le autorità potrebbero sottoporre i viaggiatori al tampone. Si dovrà rispettare il distanziamento sociale per le successive 24 ore. Il test viene eseguito a campione, quindi una persona potrebbe essere sottoposto a esame come no. È obbligatorio inoltre la compilazione di un modulo online, il Passenger Locator Form (PLF).
  • Irlanda – Dal 22 luglio, fine dell’autoislamento per chi proviene dall’Italia.
  • Islanda – I viaggiatori italiani dovranno fare 14 giorni di quarantena, o fare il tampone al costo di 60 euro. Obbligatorio poi compilare un’autocertificazione al link visit.covid.is.  È raccomandato scaricare l’app di tracciamento islandese Rakning C-19.
  • Lettonia –  Dal 3 giugno, nessun isolamento o autocertificazione per i viaggiatori italiani. Bassa la percentuale di chi accetta l’omosessualità.
  • Lituania – Nessuna restrizione per chi proviene dall’Italia. Un sondaggio del 2009 rivela che l’81% dei lituani pensa che l’omosessualità sia una malattia.
  • Lussemburgo – Autoisolamento consigliato se si è entrati in contatto con soggetti infetti.
  • Malta – Dal 1 luglio, nessuna restrizione se non la compilazione di un modulo.
  • Monaco – Non sono presenti limitazioni, ma è previsto un test PCR per chi proviene da zone a rischio.
  • Norvegia – Dal 15 luglio, via libera a viaggiatori UE, Schengen, SEE. Non saranno accettai viaggiatori da Portogallo, Croazia, Ungheria, Romania, Bulgaria, Lussemburgo e Svezia.
  • Paesi Bassi – A partire dal 15 giugno, eliminate le restrizioni.
  • Polonia – A partire dal 13 giugno, è consentito l’accesso dai viaggiatori UE. Divieto invece per gli altri Paesi. Nello Stato “LGBT-free“, la comunità LGBT non gode di popolarità.
  • Portogallo – Accesso consentito senza restrizioni ai viaggiatori provenienti da paesi dell’UE, Schengen e paesi terzi approvati (dalle Istituzioni UE e dalle autorità locali).
  • Repubblica Ceca – A partire dal 15 giugno, eliminate tutte le restrizioni. Le coppie LGBT non devono temere per la loro sicurezza.
  • Regno Unito – Dal 10 luglio, viaggiatori italiani e da altri Paesi a rischio possono entrare, previa compilazione di un modulo.
  • Romania – Dal 1 giugno, nessuna restrizione. Ma al ritorno in Italia, è previsto un periodo di quarantena. La maggioranza vorrebbe che l’omosessualità fosse illegale. Meglio evitare.
  • Slovenia – Accesso libero, senza restrizioni. Apertura e appoggio da parte dei cittadini sloveni.
  • Spagna – Dal 21 giugno, accesso autorizzato da Paesi UE e Schengen. Anche la Spagna prevede a compilazione di un modulo.
  • Svezia – Nessuna limitazione per chi entra in Svezia.
  • Svizzera – A partire dal 15 giugno, le restrizioni sono revocate.
  • Ungheria – Zero limiti per chi vuole entrare in Ungheria. Altro Paese da evitare, a causa delle discriminazione e delle violenze nei confronti della comunità.

Altri Paesi extra UE

Al momento, per viaggiare sicuri non è permesso circolare liberamente in Albania, Bosnia Erzegovina, Serbia, Montenegro, Macedonia del Nord, Kosovo, Moldavia, Bielorussia, Ucraina. Per i Paesi fuori dall’Unione Europea e fuori dall’accordo Schengen, si potrà circolare solo per motivi di lavoro, di salute o necessità. I viaggi di piacere non sono consentiti per decreto. 

Per tutte le informazioni, visitare il sito ufficiale del ministero Viaggiare Sicuri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
Serena Bortone chiude Chesarà in difesa del Pride e fa presagire un addio: ”Sono stata onorata di lavorare in questa grande azienda" (VIDEO) - CheSara - Gay.it

Serena Bortone chiude Chesarà in difesa del Pride e fa presagire un addio: ”Sono stata onorata di lavorare in questa grande azienda” (VIDEO)

Culture - Redazione 17.6.24
Roma Pride 2024, oltre un milione di persone per una giornata memorabile. Schlein e Gualtieri sul carro riscrivono la Storia - Roma Pride 2024 - Gay.it

Roma Pride 2024, oltre un milione di persone per una giornata memorabile. Schlein e Gualtieri sul carro riscrivono la Storia

News - Federico Boni 16.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: "Grazie, perché mi ami" (VIDEO) - Sarah Paulson e il dolcissimo post di auguri ad Holland Taylor - Gay.it

Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: “Grazie, perché mi ami” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 17.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
georgia-legge-agenti-stranieri (2)

La Georgia come l’Ucraina? I georgiani vogliono l’Unione Europea: cosa sta succedendo

News - Francesca Di Feo 21.5.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24