Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: “Una minaccia per la famiglia tradizionale”

"Non possiamo permettere a nessuno di contaminare la sacra famiglia”.

ascolta:
0:00
-
0:00
Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: "Una minaccia per la famiglia tradizionale" - Erdogan - Gay.it
2 min. di lettura

Non passa giorno in cui il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non espliciti tutto il proprio odio nei confronti della comunità LGBTQIA+, alimentando violenze verbali, fisiche e discriminazione. Da poco rieletto, Erdogan ha tenuto ieri un discorso in difesa della famiglia tradizionale, definendo la comunità LGBTQIA+ come una delle “più grandi minacce” del nostro tempo.

A detta di Erdoğan l’istituzione familiare in Turchia si starebbe indebolendo, con il Paese bisognoso di “una popolazione molto più numerosa”. Sebbene il presidente non abbia spiegato perché la popolazione turca di 85 milioni di abitanti non sarebbe a suo dire sufficiente, ha comunque sottolineato ciò che a suo avviso starebbe ostacolando la crescita del Paese. Le persone e la presunta ideologia LGBTQIA+.

Erdoğan ha contestato le politiche legate al genere, definendoli “sforzi globali di non genere”, a suo dire “tendenze devianti” che “prendono di mira direttamente l’istituzione della famiglia”.

La famiglia è sacra nella nostra fede e nella nostra cultura. La religione e la morale si imparano nelle famiglie”, ha proseguito, mettendo in guardia da “ogni tentativo di indebolire l’istituzione familiare”. Tentativi che vedrebbero la comunità LGBTQIA+ in prima fila.

 

“L’Alleanza popolare non accetta le persone LGBT. Lasciamo che lo abbia l’opposizione di Nation Alliance, loro possono usarle come vogliono. Non possiamo permettere a nessuno di contaminare la sacra famiglia”.

Sebbene l’omosessualità sia legale in Turchia dal 1800, le persone LGBTQIA+ sono sempre più vittime di molestie e abusi, sia da parte dei concittadini che da parte del governo.

Erdogan è stato rieletto Presidente lo scorso maggio, dopo aver dichiarato che il paese avrebbe “strangolato chiunque osi toccare la famiglia”. Soltanto poche settimane dopo il dittatore è tornato sull’argomento, annunciando che la Turchia avrebbe preso ogni  possibile misura per combattere la perversione LGBTIQ+“.

Nell’agosto 2023 la Turchia ha censurato i contenuti LGBTIQ+ diffusi da piattaforme digitali quali Disney, Netflix e Prime, mentre l’ultimo Istanbul Pride di giugno 2023 ha visto decine di manifestanti LGBTIQ+ arrestati dalle forze dell’ordine. Stresso clima qualche settimana prima al Trans Pride, anch’esso bollato come “minaccia alla famiglia” e per questo furono arrestate 8 persone transgender che manifestavano. Più recentemente è stato censurato termini il video dell’associazione Kaos GL che promuoveva la lotta all’omobitransfobia (guarda il VIDEO >), con tanto di minacce di morte agli organizzatori.

Quest’anno IGLA-Europe ha classificato la Turchia tra le nazioni meno LGBTQIA+ friendly tra tutte le 49 nazioni europee elencate nella sua Rainbow Map and Index. Alla Turchia è stato assegnato un misero 4% in classifica, con un penultimo posto.

Nel 2032 l’Italia organizzerà gli Europei di Calcio proprio insieme alla Turchia di Recep Tayyip Erdogan.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

Leggere fa bene

Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all'ONU - Sarah Achieng Opendi - Gay.it

Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all’ONU

News - Redazione 7.3.24