Visibilità omosessuale: la storia LGBT italiana dei primi anni ’70

Radici dell'Orgoglio racconta i primi anni della visibilità omosessuale, quando la comunità iniziò a volere abbattere le discriminazioni.

visibilità omosessuale
La visibilità omosessuale degli anni '70.
4 min. di lettura

Il quarto appuntamento con la storia LGBT italiana del podcast Le Radici dell’Orgoglio racconta come sia aumentata la visibilità omosessuale nell’arco dei primi anni ’70. Infatti, il biennio 1970-1972 du un periodo ricco di eventi e voglia di essere più liberi.

C’era ancora timore, vergogna, pericolo. Nonostante questo, furono molti coloro che decisero di non nascondersi, di metterci la faccia e ottenere così la visibilità che cercavano.

Voglia di liberazione e visibilità

Malgrado lo stigma e la repressione, nelle grandi città come Roma la comunità omosessuale riusciva a vivere la propria vita senza grandi problemi. Però mancava qualcosa: legittimare la propria esistenza.

Una testimonianza di questo desiderio di visibilità arriva dall’attivista e docente Alba Montori, che nell’estate del 1970 andò a Sabaudia, nella villa di un amico per il compleanno. Fu qui che nacque l’idea di organizzare degli incontri per cercare di formare dei gruppi con l’intento di dare visibilità agli omosessuali.

L’idea portò alla pubblicazione di un annuncio, nel novembre del 1970, sulla rivista Men: “Tentiamo presa contatto con persone seriamente interessate eliminazione pregiudizi opinione pubblica contro realtà minoranze particolari. Scrivere passaporto numero 1388853. Fermoposta Cordusio Milano oppure patente 131461. Fermoposta Prati Roma“.

Ma l’intento non venne compreso e l’appuntamento divenne una festa fuori controllo. Il desiderio di visibilità e di liberazione però non venne abbandonato: nel giro di pochi mesi tra il 1970 e il 1971 iniziarono le prime riunioni private, come quella di Milano del luglio 1971 a casa di Fernanda Pivano, dove si parlò per la prima volta del FUORI!.

La paura nel mostrarsi

Visibilità omosessuale: la storia LGBT italiana dei primi anni '70 - manifestazione roma - Gay.it
La manifestazione a Campo de Fiori.

Il poeta Luigi Cannillo ricorda come molte persone avrebbero anche partecipato agli incontri, ma senza mostrarsi a una manifestazione pubblica. Ad esempio, racconta sempre il poeta, un medico omosessuale aveva paura di perdere i pazienti se si fosse scoperto il suo orientamento sessuale.

Questo faceva desistere molti, che cercavano appunto di proteggere la propria identità. Un fatto paradossale avvenne invece il 1 maggio 1972, data importante per la storia LGBT italiana poiché vista come una delle prime manifestazioni omosessuali a Roma.

Bruno Fiorentino (architetto e attivista) ricorda che quel 1 maggio il 75% dei partecipanti non era gay, ma eterosessuale, amici che avevano deciso di sostenere la causa. Gli omosessuali erano nascosti, a osservare una manifestazione super controllata, con la Polizia in tenuta anti sommossa che caricò le femministe. Potere Operaio, gruppo di sinistra operante tra il 1967 e il 1973, lanciò i gavettoni, mentre i gruppi di destra nemmeno si accorsero della manifestazione.

La Stonewall italiana

visibilità omosessuale
Manifestazione a Sanremo, il 5 aprile 1972.

Altro evento importate del 1972 fu quello passato alla storia come la Stonewall italiana, a Sanremo.

Era il 5 aprile, e nella città ligure si apriva il primo congresso di sessuologia, incentrato sulle terapie riparative per omosessuali. Una ventina di manifestanti erano fuori, a parlare sul palco, con cartelli e volantini. Altri si erano finti medici e psicologi, ed erano riusciti a entrare al congresso, ascoltando gli interventi degli esperti.

Enrico Salvatori, regista e autore, racconta che arrivarono anche i giornali, compresa una troupe della Rai. Anche per loro era un fatto mai visto prima. Un giornalista di La Stampa chiese ad Angelo Pezzana, presente alla manifestazione, se poteva scrivere nel suo articolo che era omosessuale. Lo stesso giornalista non sapeva come comportarsi, insicuro sul fatto che il giornale gli permettesse di scrivere quella parola.

visibilità omosessuale
Articolo sulla manifestazione di Sanremo.

La visibilità omosessuale sbarca in Rai

Le immagini registrate alla manifestazione di Sanremo non andarono in onda la sera stessa. Vennero mostrate due mesi dopo, nel programma AZ, un rotocalco televisivo andato in onda nei canali Rai dal 1970 al 1976 e condotto da Ennio Mastrostefano.

Era il 9 giugno 1972. Il titolo della puntata era “Dossier Sofia“, ovvero il nome di una ragazza trans intervistata pochi giorni prima della sua morte. L’intervista faceva parte del materiale inerente all’argomento di quella puntata, la prostituzione maschile. Quella puntata di AZ venne trasmessa in seconda serata, anziché nella sua solita fascia, ma attirò il pubblico: 8 milioni e 700 mila ascoltatori, con il 79% di share.

Personalità e altri gruppi

Grande attivista lesbica è stata Mariasilvia Spolato. Oltre a partecipare attivamente alla nascita del FUORI, scriveva anche nella rivista dell’associazione. Fu una delle prime a parlare di visibilità omosessuale, con il suo libro “I movimenti omosessuali di liberazione”. L’8 marzo 1972 comparve a una manifestazione mostrando un cartello con la scritta: “Liberazione omosessuale”. 

Visibilità omosessuale: la storia LGBT italiana dei primi anni '70 - spolato - Gay.it
Mariasilvia Spolato.

La rivoluzione riguardante la visibilità omosessuale si consolida poi nella nascita di nuove associazioni, come la AIRDO, nel dicembre 1972. “L’associazione italiana per il riconoscimento dei diritti degli omofili” aveva una visione diversa dai militanti del FUORI.

Si parlava di omofili, parola più rispettabile per coloro che come obiettivo volevano l’accettazione da parte della società eterosessuale, e non volevano turbarla. L’associazione aveva anche un rivista, chiamata OMO. Nonostante i valori, il gruppo si sfaldò nel giro di pochi anni, ma fu la prima associazione omosessuale a essere citata in un film, Sesso Matto di Dino Risi.

Ascolta “Le Radici dell’Orgoglio Ep.#4 – Siete pronti per quello che vogliamo dirvi? (1970-1973)” su Spreaker.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Simone Bisantino 11.5.21 - 10:12

Sì, ma Mario Mieli però va citato in questo articolo...

Trending

Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24

Hai già letto
queste storie?

Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24