Speciale Unioni Civili

Per “Legge sulle Unioni Civili” si intende la legge 20 maggio 2016 n. 76 recante il titolo “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”, passata al Senato con relatrice la senatrice Monica Cirinnà e approvata definitivamente alla Camera dei Deputati (con relatrice la deputata Micaela Campana).

Nella XVII Legislatura è stato infatti presentato un testo unico d’iniziativa parlamentare giornalisticamente noto come “DDL Cirinnà“, dal nome della proponente, la senatrice del Partito Democratico Monica Cirinnà, che prevede l’istituzione delle unioni civili per le coppie omosessuali con diritti e doveri identici a quelli previsti per il matrimonio civile, eccetto le adozioni, ma comprendente la stepchild adoption, ovvero la possibilità di adottare il figlio del partner. Il 25 febbraio 2016 il Senato ha approvato il disegno di legge con 173 favorevoli, 71 contrari e 0 astenuti, ma dopo aver stralciato l’articolo sulla stepchild adoption e introdotto modifiche tese a differenziare esplicitamente l’unione civile dal matrimonio, tra cui l’assenza di un obbligo di fedeltà tra i contraenti e una procedura estremamente semplice per il suo scioglimento. Il testo è stato poi approvato alla Camera dei Deputati l’11 maggio 2016 con 372 favorevoli e 51 contrari.

Il 21 maggio la legge è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, entrando de facto in vigore dal 5 giugno: solo però con la pubblicazione del decreto ponte il 28 luglio (che regolamenta dal punto di vista pratico la legge) e dei formulari, di competenza del Ministero dell’Interno, si è potuto procedere con la costituzione delle primissime unioni ufficiali, dai primi giorni di agosto 2016.

Un nuovo capitolo della storia italiana è stato scritto: la strada per la piena parità dei diritti è ancora lunga, ma questo è un primo grande traguardo!

Ultime notizie relative alla Legge sulle Unioni Civili