50 anni fa si gettavano le basi per la nascita del Fuori!, primo gruppo LGBT italiano

Un articolo omofobo e vergognoso fu la goccia che fece traboccare il vaso. E che contribuì alla nascita del "Fuori!".

fuori!
Fuori!, la prima associazione gay in Italia.
2 min. di lettura

Era il 15 aprile 1971. Su La Stampa, veniva pubblicato un articolo riguardante un libro scritto da Giacomo D’acquino, “Diario di un omosessuale”. Più che un libro era la storia vera di un ragazzo gay, che venne costretto dalla famiglia a subire una terapia di conversione, per guarire dall’omosessualità. Questo ragazzo, dopo la terapia “divenne eterosessuale” e si innamorò di una donna.

Se uscisse un articolo del genere il 15 aprile 2021, la comunità LGBT (e non solo) non farebbe passare la cosa inosservata. Nel 1971, solo poche persone criticarono aspramente l’articolo, in particolare Angelo Pezzana, uno dei simboli della storia LGBT italiana. La lettera che inviò a La Stampa, non venne pubblicata. Perché? “Dell’argomento se ne era già parlato troppo”.

La misura era colma: nasce il FUORI!

Le continue discriminazioni, la paura di dichiararsi gay e la visione dell’omosessualità come malattia erano i tasselli che convinsero Pezzana, assieme a tanti altri militanti come Mario Mieli, Fernanda Pivano, Riccardo Russo, Enzo Francone e Anna Cuculo a riunirsi, a far nascere qualcosa.

Quanto successo tra gli anni ’60 e ’70 è stato storicamente indispensabile per la nascita di qualcosa di grande. Era il momento giusto, quindi, per farsi conoscere.

È così che si pensò al F.U.O.R.I. Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano. Si capì in breve tempo che il Fuori! poteva anche diventare qualcosa di più: un modo per dare voce alle persone omosessuali. Una rivista gay (la sigla LGBT ancora non esisteva).

Il numero zero venne pubblicato nel dicembre del 1971. Vennero stampato 1.000 copie, consegnate poi ai militanti di tutta Italia, che avevano il compito di distribuirle. A cadenza mensile, venne poi scelta la formula trimestrale e poi quadrimestrale, con un numero più basso di copie a causa dei costi di produzione.

Il primo giornale gay italiano si conosce ancora oggi, anche se operò solamente dal 1972 al 1982, per un totale di 32 edizioni. Importante fu il numero del 5 aprile 1972, che trattava la contestazione del I Congresso Italiano di Sessuologia a Sanremo, quella che passò alla storia come la Stonewall italiana.

Il legame con i Radicali

Il Fuori! era anche legato con il partito dei Radicali. Nel 1974, durante il loro XIV congresso, l’associazione adottò la linea riformistica del partito, abbandonando invece quella rivoluzionaria. Questo non piacque a molti, tra cui Mieli, che abbandonò il gruppo.

Importante fu invece il 1976, quando il Fuori! candidò alcuni militanti alle elezioni tra le fila dei Radicali. Per la prima volta, erano presenti dei candidati apertamente omosessuali. Angelo Pezzana fu il primo dei non eletti, e divenne parlamentare solo per pochi giorni, dal 6 al 14 febbraio 1979 (entrato con la rotazione prevista a metà legislatura).

La scarsa militanza e la fine

La rivoluzione del Fuori! lasciò al posto all’impegno sociale verso istituzioni a livello nazionale e locale. L’idea, quindi, divenne quella di formare dei gruppi in tutta Italia. All’inizio degli anni ’80, però, la militanza era scarsa, e fu lo stesso Pezzana, nel 1982, a sciogliere l’associazione.

Per leggere le 32 edizioni del Fuori!, clicca su questo link.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

Aldo Mieli storia lgbtqia storia omosessuale omosessualità e fascismo gay.it

Aldo Mieli, pioniere della liberazione omosessuale troppo spesso dimenticato

Culture - Alessio Ponzio 19.9.23
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Centro di Documentazione Aldo Mieli storia lgbtq storia queer

Storia Queer, che passione! È nato un nuovo centro di documentazione: intervista a Luca Locati Luciani

Culture - Alessio Ponzio 25.9.23
in disgrazia del cielo e della terra

Un libro che illumina gli amori omosessuali nella letteratura: In disgrazia del cielo e della terra

Culture - Federico Colombo 25.9.23
Alberto Angela durante Ulisse

Alberto Angela e la bisessualità – video

Culture - Yannick Danieli 30.9.23
Alessandro Zan ha chiarito con i giornalisti di Report il suo coinvolgimento in B-Proud, azienda che organizza il Padova Pride Village

Alessandro Zan: “Ringrazio Report per l’inchiesta, orgoglioso del Padova Village”

News - Redazione Milano 11.12.23