50 anni fa si gettavano le basi per la nascita del Fuori!, primo gruppo LGBT italiano

Un articolo omofobo e vergognoso fu la goccia che fece traboccare il vaso. E che contribuì alla nascita del "Fuori!".

fuori!
Fuori!, la prima associazione gay in Italia.
2 min. di lettura

Era il 15 aprile 1971. Su La Stampa, veniva pubblicato un articolo riguardante un libro scritto da Giacomo D’acquino, “Diario di un omosessuale”. Più che un libro era la storia vera di un ragazzo gay, che venne costretto dalla famiglia a subire una terapia di conversione, per guarire dall’omosessualità. Questo ragazzo, dopo la terapia “divenne eterosessuale” e si innamorò di una donna.

Se uscisse un articolo del genere il 15 aprile 2021, la comunità LGBT (e non solo) non farebbe passare la cosa inosservata. Nel 1971, solo poche persone criticarono aspramente l’articolo, in particolare Angelo Pezzana, uno dei simboli della storia LGBT italiana. La lettera che inviò a La Stampa, non venne pubblicata. Perché? “Dell’argomento se ne era già parlato troppo”.

La misura era colma: nasce il FUORI!

Le continue discriminazioni, la paura di dichiararsi gay e la visione dell’omosessualità come malattia erano i tasselli che convinsero Pezzana, assieme a tanti altri militanti come Mario Mieli, Fernanda Pivano, Riccardo Russo, Enzo Francone e Anna Cuculo a riunirsi, a far nascere qualcosa.

Quanto successo tra gli anni ’60 e ’70 è stato storicamente indispensabile per la nascita di qualcosa di grande. Era il momento giusto, quindi, per farsi conoscere.

È così che si pensò al F.U.O.R.I. Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano. Si capì in breve tempo che il Fuori! poteva anche diventare qualcosa di più: un modo per dare voce alle persone omosessuali. Una rivista gay (la sigla LGBT ancora non esisteva).

Il numero zero venne pubblicato nel dicembre del 1971. Vennero stampato 1.000 copie, consegnate poi ai militanti di tutta Italia, che avevano il compito di distribuirle. A cadenza mensile, venne poi scelta la formula trimestrale e poi quadrimestrale, con un numero più basso di copie a causa dei costi di produzione.

Il primo giornale gay italiano si conosce ancora oggi, anche se operò solamente dal 1972 al 1982, per un totale di 32 edizioni. Importante fu il numero del 5 aprile 1972, che trattava la contestazione del I Congresso Italiano di Sessuologia a Sanremo, quella che passò alla storia come la Stonewall italiana.

Il legame con i Radicali

Il Fuori! era anche legato con il partito dei Radicali. Nel 1974, durante il loro XIV congresso, l’associazione adottò la linea riformistica del partito, abbandonando invece quella rivoluzionaria. Questo non piacque a molti, tra cui Mieli, che abbandonò il gruppo.

Importante fu invece il 1976, quando il Fuori! candidò alcuni militanti alle elezioni tra le fila dei Radicali. Per la prima volta, erano presenti dei candidati apertamente omosessuali. Angelo Pezzana fu il primo dei non eletti, e divenne parlamentare solo per pochi giorni, dal 6 al 14 febbraio 1979 (entrato con la rotazione prevista a metà legislatura).

La scarsa militanza e la fine

La rivoluzione del Fuori! lasciò al posto all’impegno sociale verso istituzioni a livello nazionale e locale. L’idea, quindi, divenne quella di formare dei gruppi in tutta Italia. All’inizio degli anni ’80, però, la militanza era scarsa, e fu lo stesso Pezzana, nel 1982, a sciogliere l’associazione.

Per leggere le 32 edizioni del Fuori!, clicca su questo link.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24

Continua a leggere

Eldorado: l doc Netflix sul locale gay di Berlino frequentato da Ernst Röhm e dai nazisti

Gay e nazismo: la tolleranza della prima ora e l’omocausto

Culture - Lorenzo Ottanelli 26.1.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24
Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l'asta. Aveva solo 29 anni - Shawn Barber - Gay.it

Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l’asta. Aveva solo 29 anni

Corpi - Redazione 19.1.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Disinformazione e Comunita LGBTIAQ - Distortə, la conferenza organizzata a Roma da EDGE e GayNet

Qual è l’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTIAQ+?

Culture - Francesca Di Feo 5.4.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24