Alaska: nasce la prima clinica no-profit che garantisce assistenza sanitaria alle persone queer

L’iniziativa della dott.ssa Tracey Wiese per far fronte ai bisogni della comunità LGBTQ+ locale.

ascolta:
0:00
-
0:00
Clinica LGBTQ+ Alaska Gay.it
4 min. di lettura

L’Alaska, l’ultima frontiera americana, come ancora oggi è considerata, è formata principalmente da villaggi e piccole città rurali, a volte anche molto distanti fra loro. Si tratta di vere e proprie comunità in cui tutti si conoscono, i negozi sono pochi, le cliniche per curarsi sono una a villaggio e per spostarsi in un’altra struttura si devono percorrere centinaia di chilometri. Il che può costituire un problema quando le persone queer sono in cerca di assistenza sanitaria.

È questo il problema che ha spinto la dottoressa Tracey Wiese, 38 anni, ad aprire una clinica sanitaria LGBTQ+. Inizialmente la sua clinica si chiamava Full Spectrum Health, situata ad Anchorage in Alaska e il suo obiettivo era fornire assistenza per far fronte allo sproporzionato carico di problemi di salute fisica e mentale nella comunità queer dell’Alaska.

Clinica LGBTQ+ Alaska Gay.it
La clinica della dott.ssa Tracey Wise ad Anchorage in Alaska

Nata in Germania, dopo un breve periodo negli Stati Uniti Tracey Wiese è approdata in Alaska all’età di 14 anni, dove ha studiato Medicina fino ad arrivare a conseguire una certificazione come infermiera psichiatrica e dottore in pratica infermieristica. Da sempre interessata alle applicazioni pratiche della ricerca scientifica, dopo aver fatto coming out e aver acquisito diverse amicizie nella comunità LGBTQ+ locale, Tracey si è resa conto che le cure per le persone queer spesso non erano garantite.

«Ho iniziato a farmi degli amici, e un giorno c’era un mio amico trans* che piangeva nella mia cucina. Diceva: “Non riesco a trovare nessuno che prescriva il mio testosterone” e l’ho guardato e gli ho detto: “Beh, posso prescriverlo io”», racconta la dott.ssa Wiese, che da quel momento ha iniziato ad interessarsi della questione. «Non sapevo nulla delle cure che affermano il genere. Quindi, non appena ho iniziato a immergermi nella letteratura sull’assistenza sanitaria queer, mi sono resa conto dell’impatto che la mancanza di risorse e il trauma avevano sulla comunità di cui ero diventata parte».

Clinica LGBTQ+ Alaska Gay.it
In Alaska la comunità LGBTQ+ ha meno risorse rispetto al resto della Nazione

La situazione dell’Alaska, in effetti, è molto delicata. Tracey Wiese spiega: «L’Alaska, in generale, ha tassi molto alti di violenza interpersonale, abusi sui minori, alcolismo, uso di sostanze e condizioni di salute mentale croniche. E ci sono molte teorie al riguardo: isolamento, oscurità, climi estremi, isolamento dalle risorse esterne. Quindi gli uomini nativi dell’Alaska che vivono nelle zone rurali hanno il più alto tasso di suicidio nella nazione. E quando lo guardiamo con una lente intersezionale, e sappiamo che le anche persone queer hanno tassi di suicidio molto alti, ciò mette il rischio di suicidio per la popolazione queer e l’Alaska probabilmente al livello più alto della nazione».

Clinica LGBTQ+ Alaska Gay.it
La dott.ssa Tracey Wiese con la moglie e la figlia

Guidare da sola una clinica LGBTQ+, però, era troppo faticoso. Tracey era arrivata a una settimana lavorativa di 90 ore e, nonostante i feedback dei pazienti sottolineassero come la sua impresa avesse salvato molte vite, per lei i ritmi erano diventati insostenibili. Qui entra in gioco Identity Health, un’organizzazione no-profit che offre servizi sanitari a domicilio a cui la dottoressa si è rivolta per provare a vedere se i loro obiettivi potessero combaciare. Così la sua Full Spectrum Health si è trasformata Identity Health Care, la prima e (speriamo solo per ora) l’unica clinica senza scopo di lucro dell’Alaska che offre cure continuative alle persone queer.

«È difficile per le persone omosessuali che vivono nelle zone rurali dell’Alaska, perché in molte comunità rurali dell’Alaska c’è una clinica sanitaria. Non puoi andare da nessun’altra parte ed è molto probabile che i tuoi amici o la tua famiglia lavorino in quella clinica. Quindi non c’è davvero modo di non fare coming out in quelle cliniche del villaggio. E così facciamo telemedicina nell’intero stato dell’Alaska. Facciamo blocco della pubertà, forniamo PrEP, eseguiamo test per l’STI»

Clinica LGBTQ+ Alaska Gay.it
Una manifestazione del Pride ad Anchorage, Alaska

La passione di Tracey Wiese per questa causa ha dato vita a un bellissimo progetto che comporta un significativo cambiamento positivo per la vita della comunità LGBTQ+ in Alaska, un’iniziativa lodevole che è l’esempio di come progetti simili possano nascere spontaneamente e fare davvero la differenza. Daniel Stanton, suo caro amico, la descrive così: «Vuole vivere in una comunità in cui tutti abbiano accesso ai determinanti sociali della salute di cui hanno bisogno per vivere pienamente la propria vita. E non è proprio quello che la maggior parte di noi vuole?».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23
Disinformazione e Comunita LGBTIAQ - Distortə, la conferenza organizzata a Roma da EDGE e GayNet

Qual è l’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTIAQ+?

Culture - Francesca Di Feo 5.4.24
terapie di conversione terapie riparative

Negli USA oltre 1.300 “terapisti della conversione” torturano ancora le persone LGBT+, nonostante i divieti

News - Federico Boni 15.12.23
ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
studio-persone-transgender-gender-non-conforming

Le terapie di affermazione di genere migliorano la qualità della vita del 98% delle persone transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 27.2.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24