Nuovo attacco alle famiglie arcobaleno dalle femministe contrarie alla GPA

Contro la sentenza di Trento insieme alla CEI, le sedicenti femministe della differenza attaccano le famiglie omogenitoriali per dividere il movimento LGBTI.

Nuovo attacco alle famiglie arcobaleno dalle femministe contrarie alla GPA - gpa - Gay.it
3 min. di lettura

Quanto andrò a scrivere nuovamente sulla GPA è sicuramente un articolo d’opinione, con buona pace di chi crede che il giornalismo sia il mero riportare dei fatti o il pubblicare integralmente qualsiasi comunicato arrivi in redazione. Non è così: quella si chiama cronaca (e a volte servilismo), mentre una testata o un giornalista può assumersi la responsabilità di dare un taglio d’opinione al proprio lavoro.

Recentemente Daniela Danna, attraverso l’indirizzo email istituzionale dell’Università degli Studi di Milano per la quale è ricercatrice in Scienze Sociali e Politiche (chissà se questa attività rientra nei termini di utilizzo del servizio di posta dell’Ateneo, ma questo è un altro discorso) ha inviato un appello contro la GPA alle testate giornalistiche dall’inquietante titolo “Cari compagni gay, vi invitiamo a non festeggiare la cancellazione della madre>>> VAI AL TESTO DELLA LETTERA 

Il testo prende come scusa la recente sentenza di Trento che ha riconosciuto come genitori due uomini che hanno fatto ricorso alla GPA per avere un figlio. Sentenza dall’alto valore storico e umano. Specifico che si tratta, appunto, di una scusa per tornare ad attaccare quelle coppie esclusivamente di uomini omosessuali che soddisfano il proprio desiderio di genitorialità avvalendosi all’estero della GPA. Procedure legali e controllate sotto il profilo sanitario. Questa lettera per i “compagni gay” tenta di creare conflitto tra coppie gay di uomini contro coppie lesbiche di donne per dividere il movimento LGBTI e mandarlo alla deriva. Non abbocchiamo alla trappola.

La lettera è firmata da 35  femministe della differenzaper le quali il maschio e la femmina sono identità statiche, precise e in conflitto tra loro – che vede spiccare tra le altre Marina Terragni, giornalista e fondatrice di RUA (Resistenza all’Utero in Affitto) e, come unico maschio anagrafico, Aurelio Mancuso, membro della commissione nazionale di garanzia del PD  ed ex presidente non rieletto di Arcigay. Nel testo si legge come la sentenza avrebbe cancellato la figura della madre nella vita del bambino, figlio della coppia da 6 anni, poiché si riconosce un attestato di nascita estero dove non compaiono nomi femminili.

Dunque, si potrebbe malignamente pensare che le compagne non abbiano letto la sentenza o non sappiano correlare significati e significanti, poiché in essa non si cancella nessuna figura materna, tanto meno si afferma che i bambini nascano per magia. Semplicemente si riconosce e tutela con la legge un rapporto genitoriale già in essere per il bene del bambino e per quello del nucleo familiare. Eppure, siamo certi che le firmatarie (più un maschio) dell’appello sappiano leggere e, anche, manipolare il senso. Oltre che ritrovarsi in buona compagnia nella critica a quella sentenza, dove spicca il cardinal Bagnasco, capo della CEI; notoriamente una realtà femminista.

L’origine materna di ognuno di noi rimane un fatto inevitabile” si legge nella zigzagante lettera. Un fatto, questo, che fa il paio con l’affermazione opposta: “l’origine paterna di ognuno di noi è un fatto inevitabile“. E fino a qui, su come funzionino ovuli e spermatozoi siamo tutti abbastanza ferrati. Eppure, la sentenza di Trento non mette in discussione che il feto sia il risultato dell’inseminazione e che si sviluppi per 9 mesi nell’utero di una donna. Anzi, parla proprio di tutt’altro, ovvero afferma che sussista il legame genitoriale tra un bambino e due uomini, seppur senza legami biologici, poiché l’allevare un figlio non è correlato a metterlo al mondo.

E ciò è confermato sia dalla storia dell’umanità tutta, dove le forme di genitorialità sono svariate e diverse dal quadro mamma-papà-bambini, sia da diverse realtà familiari italiane. Come quelle di famiglia omogenitoriale, con figli adottati, famiglie allargate, ricostruite o di fatto. Questa lettera, tra le altre cose, afferma indirettamente come siano illegittime le adozioni tutte, anche da parte di coppie eterosessuali, poiché non viene rispettato il legame tra madre biologica e bambino.

Per concludere, possiamo citare un articolo di Lida Cirillo, personalità riconosciuta nel movimento femminista italiano sin dalla fine degli anni ’70, a proposito di GPA. Si fa una critica alla contrapposizione tra la visione del clero cattolico (esattamente quella della lettera delle sedicenti femministe) e la retorica del dono, dove si afferma che la GPA sia governata dalla voglia di “donare” fingendo non ci siano interessi economici e finanziare delle agenzie che dispongono tale servizio. Sulla prima posizione, troviamo una velata critica a Luisa Muraro, altra femminista della differenza, che afferma candidamente come “le femministe dovrebbero avere il coraggio di dire che l’etica cristiana non è contro le donne” e prosegue citando Nietzsche: “tutto nella donna è un mistero e tutto nella donna ha una soluzione: essa si chiama gravidanza”. La stessa Muraro ci spiega come fenomeni come la lettera contro la GPA o le realtà come RUA siano profondamente cattoliche fondamentaliste e come vedano la donna come completa solo se diviene madre. Insomma “l’utero è tuo, ma lo gestiscono loro”!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Jezekael 18.3.17 - 7:56

quindi vuoi dire che ci sarebbero donne che per solidarietà nei confronti di persone che non hanno mai visto si fanno ingravidare e poi gli regalano il proprio figlio? Quella che chiami GPA gratuita o altruistica è evidente che si fonderà su un principio: l'offerta. I compratori fanno un'offerta e la donna decide se accettare, ovviamente si tratta sempre di uno scambio in denaro. In caso contrario quelle donne sarebbero da seguire a livello psichiatrico, perchè non può essere ritenuto normale che una persona si faccia mettere in cinta e poi regali il suo bambino per sfizio.

Avatar
Fulvio Papa 13.3.17 - 19:28

marina serragni le lesbiche il semino se le devono pur comprare,percè senza il pisello,forse non lo sai,ma i figli non si fanno quindi,taci nello scrivere cose erronee,se sei omofoba,allora,curati e se vuoi unfiglio e sei eterosessaule allora cerca un pisello,altrimenti ...neinte figli

Avatar
Fulvio Papa 13.3.17 - 19:25

queste femminsite in realtà sono solo delle fallite invidiose dellafelicità altrui,fortunatamente sono poche,inconclu e nonsanno nulla di maternità e paternità--poverine sono ancora ferme al 1968 ed inidiose del pene e della bellezza di epersone omosessuali

Avatar
Jezekael 11.3.17 - 22:47

il bello è che il 99% delle coppie che ricorrono all'utero in affitto sono coppie eterosessuali....quindi è doveroso chiedersi: perchè sta' banda di esaltate si è svegliata soltanto adesso?

Avatar
Jezekael 11.3.17 - 22:39

Ma non raccontare cazzate...la quasi totalità delle donne che si offrono per il mercato dell'utero in affitto lo fanno perchè hanno bisogno di denaro.

Avatar
Giovanni Di Colere 8.3.17 - 8:43

E vabbè sono contrarie alla GPA. Problema loro. Per me essere contrari è come essere contrario al sorgere del sole domattina. E sorgerà lo stesso.

Avatar
Marina Terragni 7.3.17 - 21:12

Gentile Signore, solo una precisazione: noi non attacchiamo affatto le famiglie arcobaleno e la genitorialità omosessuale. Noi attacchiamo la gpa. Per tutti, etero, gay, gender fluid etc. Quando alle lesbiche, è oggettivo che l'utero ce l'hanno, salvo rarissime eccezioni non pagano altre per condurre una gestazione, e moltissime tra loro sono contro la gpa: non esiste parità tra donne e uomini sul fronte riproduttivo. Ci chiediamo piuttosto per quale ragione il fronte Lgbt non dia battaglia sul fronte delle adozioni: non della step, ma delle adozioni nel loro complesso. p.s.. alle cretinate su Bagnasco non vale la pena di rispondere. Buona serata

    Avatar
    Jezekael 11.3.17 - 22:41

    ma vi siete svegliate adesso? Sono decenni che esiste la pratica dell'utero in affitto. Comunque stai certa che la quasi totalità dei gay sono contrari a quella roba, dato che sappiamo tutti che si tratta di uno squallido sfruttamento di donne disperate che offrono il proprio corpo per necessità.

      Avatar
      Marina Terragni 12.3.17 - 17:01

      personalmente non mi sono svegliata adesso. studio la cosa da almeno dieci anni. In ogni caso questa "quasi totalità dei gay contrari" dovrebbe fare sentire la sua voce. pochi lo fanno

        Avatar
        Jezekael 12.3.17 - 18:09

        Non vedo perchè dovrebbero far sentire la loro voce pubblicamente se si tratta di questioni che non li vedono coinvolti direttamente... è lo stesso discorso che si fa con i musulmani, quando avviene un attentato si pretende che tutti prendano le distanze, ma se il musulmano non è un fondamentalista e non condivide la violenza non vedo da chi dovrebbe prendere le distanze, dato che è già distante per principio dai fondamentalisti. Ma chiusa questa parentesi.... perchè non ve la prendete con il resto degli italiani? Quanti sono quelli che fanno sentire la loro voce contro l'utero in affitto? Sono una minuscola minoranza...quindi non si capisce perchè abbiate tirato in ballo i gay, considerando poi che dell'utero in affitto beneficiano quasi esclusivamente coppie eterosessuali. Seguendo il tuo ragionamento potremmo chiederci: perchè sono così pochi gli eterosessuali che fanno sentire la loro voce contro l'utero in affitto?

          Avatar
          Marina Terragni 12.3.17 - 19:43

          per una ragione molto semplice: sono praticamente solo i gay -e una parte delle lesbiche- a militare vigorosamente perché la gpa sia consentita e rgolamentata

          Avatar
          Jezekael 13.3.17 - 0:04

          gay non significa un cazzo. I gay sono individui, ognuno ha un cervello e si fa un'opinione indipendente sulle cose....voi femministe invece si, siete identificabili come una categoria ben precisa e le vostre battaglie anacronistiche e fuori dalla realtà ne sono la piena dimostrazione. In ogni caso a volere l'utero in affitto non sono i gay, ma sono quegli individui che a prescindere dall'orientamento sessuale pretendono di diventare genitori pur non avendone la possibilità. Quindi tra questi possono rientrare anche alcuni gay ma ciò non significa che i gay siano in maggioranza favorevoli alla pratica dell'utero in affitto. A dimostrazione di quello che dico ci sono i numeri....il 99% delle coppie che ricorrono all'utero in affitto sono coppie composte da uomo e donna.

Avatar
Egemonia 7.3.17 - 13:34

Mh... è una scelta personale, come donare il sangue per esempio. Nessuna donna viene costretta a farlo, giusto? Si potrebbe avere bisogno di soldi, ma i modi di far soldi sono infiniti, e se lei sceglie quel modo, ed è convinta di quello che fa, nessuno la costringe. Quindi esattamente CHI stanno difendendo queste attiviste?

    Avatar
    Jezekael 11.3.17 - 22:49

    Ma tu sei un troll? Paragonare la storia di una donna che per denaro sopporta una gravidanza di 9 mesi e vende il suo bambino con quella che è una trasfusione di sangue...è davvero il colmo. Ma poi secondo te quando si va a donare il sangue si viene pagati? ahahahahahah

      Avatar
      Egemonia 11.3.17 - 23:49

      Il mondo non gira tutto attorno ai soldi. Ci sono dei paesi in cui le donne intraprendono una gravidanze senza compensi monetari, per aiutare chi di figli non può averne. Come questa donna per esempio. https://www.youtube.com/watch?v=1uFvcAHxNlM&t=195s&ab_channel=FamiglieArcobaleno Come lei anche altre. Donare il sangue come donare la vita, sempre una parte di te per il bene degli altri, possibilmente senza transazioni monetarie, ci sono diverse opzioni. In Canada per esempio, si ha la cosiddetta "Altruistic surrogacy only available." La gestazione per altri altruistica, ovvero, come una donazione di sangue, la donna spontaneamente in un atto di altruismo e senza compensi monetari, offre il suo aiuto per le coppie gay o sterili. Una bella intervista la puoi trovare nel primo episodio della serie "Di fatto famiglie", sul sito di Real time, dove due uomini sono andati appunto in Canada e intervistano le donne che hanno dato alla luce 3 gemelle. Le donne spiegano perchè l'hanno fatto (altruismo), e dicono che gli unici soldi che hanno preso sono stati per le analisi ospedaliere e le spese strettamente connesse alla gestazione. Quindi il mondo, per fortuna, non gira sempre attorno ai soldi quando si tratta di volontariato e amore per il prossimo...

      Avatar
      Egemonia 12.3.17 - 19:25

      Il mondo non ruota sempre attorno al denaro. Come nelle donazioni del sangue, che sono ovviamente volontarie e non commercializzate, esistono paesi come il Canada, la Nuova Zelanda, l'Australia, il Portogallo, l'Ungheria, la Gran Bretagna, la Svezia e i Paesi Bassi dove è consentita solo la forma ALTRUISTICA della GPA, senza transazioni monetarie, dove le donne decidono di offrirsi a coppie che da sole non potrebbero avere figli, per aiutarle attraverso delle agenzie specializzate. La forma commerciale è proibita. Ecco perchè dico che mentalmente il principio è come quello di donare il sangue, perchè qui si dona un bambino di spontanea volontà e per altruismo...

        Avatar
        Jezekael 13.3.17 - 0:11

        ma non raccontare idiozie..... mi hai preso forse per un demente? In tutti i paesi che hai citato la pratica dell'utero in affitto è un business basato su una transazione in denaro, non esiste al mondo che una donna si offra per pura solidarietà nei confronti di sconosciuti, non avrebbe senso. Quindi evita di raccontare bugie, perchè non ti crede nessuno.

          Avatar
          Egemonia 13.3.17 - 6:26

          Io così leggo su svariati giornali, poi non sono andato là a chiedere. http://www.internazionale.it/notizie/2016/03/03/maternita-surrogata-dove-regole Nei paesi che ho citato è illegale commercializzare l'atto. Il senso è aiutare gli altri che hanno bisogno. Io onestamente ci credo.

          Avatar
          Egemonia 13.3.17 - 14:10

          Come può essere un business se è illegale e si tratta di paesi sviluppati con livelli di corruzioni così bassi che l'Italia manco si sogna? Non sono io a dirlo: http://www.internazionale.it/notizie/2016/03/03/maternita-surrogata-dove-regole E anche wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Surrogazione_di_maternit%C3%A0 L'unico modo in cui possano avvenire sotto pagamento sarebbe in nero, però essendo il pagamento nei paesi citati completamente illegale, mi sembra difficile che non rintraccino transazioni di decine di migliaia di euro. E in ogni caso esistono dei centri autorizzati che si prendono carico di queste pratiche. Per esempio, in un sito Canadese una delle agenzie (https://surrogacy.ca/surrogacy-in-canada/faq.html#how-does-matching-work) recita: How does matching work? We create an online profile page for you sharing your story and pictures. At the same time we send you full profiles of surrogate mothers that you can contact directly. We do not “pair” or “match-make” for you as we feel it is best for matching to happen among the parties involved… similar to dating. Intended parents and surrogate mothers have full choice in who they would like to be matched with, without a middle person involved. We feel the way our program is designed is the reason why we have incredible matches! Surrogate mothers in Canada are altruistic and are looking to match with intended parents that meet her criteria, ideals, personality and lifestyle. Matching is one of the most important steps in this process… you are going to spend a year together so it’s important that you have a great match! Vedi come sottolineano che sia altruistico, e che sia la madre a scegliere per quale coppia partorire. Tu che prove hai che in questi paesi sopracitati avvenga sotto pagamento? A me sembra che tu non riesca ad accettare che nei paesi sviluppati esistano donne che scelgano volontariamente di offrire una gravidanza.

      Avatar
      Ricardo Castaneda 13.3.17 - 21:18

      sì, il salvatore laganà de "il medico della mutua" docet

Avatar
Valium 7.3.17 - 12:25

Un altro credito alla mia teoria che "gli estremisti alla fine si incontrano, come l'inizio e la fine di un cerchio".

Avatar
fabulousone 7.3.17 - 11:55

Schifo totale. Del tutto assurde, allucinanti, le parole di tali donne che si dicono femministe; tra l'altro dice bene l'articolo, l'utero è il tuo ma te lo vogliono gestire loro. Inaccettabile.

    Avatar
    Jezekael 11.3.17 - 22:53

    detesto le femministe...le trovo persone fuori dalla realtà e che combattono battaglie ormai superate.... ma la loro posizione sull'utero in affitto è condivisibile da chiunque abbia un cervello e un cuore. Dato che si tratta di un business a cui partecipano due parti che non si trovano nelle stesse identiche condizioni: da una parte una coppia di persone facoltose e dall'altra una donna che per denaro, e quindi per necessità, si offre di fare da vacca da riproduzione. Ognuno faccia quel che vuole del suo corpo, ok, ma sfruttare una situazione di indigenza per esaudire un desiderio personale per me è una cosa orribile...e stai sicuro che nessuna donna che non abbia problemi finanziari si offrirebbe a sopportare una gravidanza di 9 mesi per poi svendere suo figlio a degli sconosciuti, come se si trattasse di un pacco.

Trending

Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Katy Perry

Katy Perry torna a lavorare con Dr. Luke per l’album “143” dopo le pesanti accuse di abusi. I fan: “Siamo delusi”

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24

Hai già letto
queste storie?

Giorgia Meloni natalita denatalita gpa aborto

L’Italia di Meloni fa ancora meno figli, ma la colpa è delle donne e degli omosessuali

Corpi - Giuliano Federico 12.5.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
SAFFFO QUEER 1-DAY FEST(A)

“La rivolta queer è fatta anche di piacere”, intervista con il SAFFFO Queer Fest(a)

Culture - Riccardo Conte 27.5.24
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24
Elon Musk: "Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà". Per la gioia di Meloni e Salvini - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Elon Musk: “Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà”. Per la gioia di Meloni e Salvini

News - Redazione 25.3.24