“Gay per colpa di un antidolorifico”, l’assurda denuncia dal Regno Unito

Dopo la cura l’uomo ha persino lasciato la ragazza con cui stava da sei mesi.

Con questo giovane gay inglese la teoria sull’origine dell’omosessualità ha un nuovo e improbabile capitolo.


Scott Purdy
è un ventitreenne di Louth ed è gay. O almeno lo è ora, dopo aver preso per settimane del Pregabalin, un antidolorifico, a seguito della frattura di un piede avvenuta guidando dei go kart.

L’attrazione verso gli uomini sarebbe un’assoluta novità a sentire Purdy, che ha raccontato la sua storia dalle colonne del tabloid britannico Mirror: “Ho notato che la mia libido per le donne se n’era andata e che desideravo l’attenzione maschile. Ero fidanzato con una ragazza da circa sei mesi e non mi ero mai interessato agli uomini”.

“Un paio di settimane dopo aver iniziato a prendere il Pregabalin le ho detto che non la trovavo più attraente fisicamente – ha aggiunto Purdy – Le ho detto: non so davvero cosa mi sta succedendo, ma mi piacciono gli uomini e non posso più stare con te”.

Il farmaco prodotto dalla Pfizer è utilizzato per curare epilessia, mal di testa e stati d’ansia. Tra gli effetti collaterali cambi d’umore e diminuzione della libido. Secondo Purdy “La gente deve sapere cosa può fare questo medicinale”.

Nonostante tutto ciò il giovane inglese non intende smettere di prendere il farmaco, che già aveva interrotto in passato:“Non l’ho preso per settimane e il desiderio omosessuale era svanito – ha spiegato Purdy – ma ormai ci sono dentro e sono molto felice. Voglio continuare a prenderlo perché mi fa sentire bene riguardo la mia sessualità. È liberatorio”.

Sarà stato pure colpa del medicinale, ma il 23enne del Lincolnshire non sembra proprio voler ‘riscoprire la propria eterosessualità’ anzi, ha fatto coming out su Facebook, sorprendendo un po’ tutti e sta persino frequentando un ragazzo.

Ti suggeriamo anche  Predolin al GF Vip: "Non tutti i gay fanno le donne, alcuni sono normali"

Nel mondo si stima che Pregabalin sia utilizzato da 34 milioni di persone ogni anno. Dall’azienda farmaceutica, alle prese per la prima volta con una denuncia del genere, nessun commento specifico.  Che Scott Purdy avesse solo bisogno di un ansiolitico per liberarsi della sua omofobia interiorizzata?