Il Ministro Fontana ribadisce: ‘la famiglia che riconosciamo è quella sancita e tutelata dalla Costituzione’

Il Ministro della Famiglia all’attacco del sottosegretario Vincenzo Spadafora, che ha smentito ‘qualsiasi ipotesi di arretramento sui diritti civili’.

Un colorato e affollato sabato da Pride, quello vissuto ieri nel Bel Paese.

250.000 partecipanti a Milano, 10.000 a Padova e in migliaia a Pompei, dove si è fatto vedere anche il sottosegretario alle pari opportunità Vincenzo Spadafora (M5S), che ha smentito “qualunque ipotesi di arretramento sul tema dei diritti civili” da parte dell’attuale Governo Conte.

Nel contratto non è prevista alcuna iniziativa legislativa su questi argomenti, ma penso che ci si possa confrontare su questi temi. So che in una parte del governo non c’è la stessa sensibilità ma l’Italia non tornerà indietro, non si perderanno i diritti conquistati. Convocherò prestissimo le associazioni di settore per avviare un percorso di ascolto e confronto, nei prossimi giorni parlerò con il ministro Fontana. Sono sicuro che non ci siano pregiudizi sull’argomento. Nessuno mi ha chiesto di non esserci, altro che veti“.

Parole che hanno stuzzicato proprio il chiacchierato Ministro della Famiglia, il leghista Fontana, da mesi in aperto contrasto con la comunità LGBT. Via social l’esponente del Governo giallo-verde ha incredibilmente preso le distanze dal ‘collega’: ‘Con tutto il rispetto, il sottosegretario Spadafora parla a titolo personale, e non a nome del governo, né tantomeno della Lega. Per quanto ci riguarda, la famiglia che riconosciamo e che sosterremo, anche economicamente, è quella sancita e tutelata dalla Costituzione‘.

3 commenti su “Il Ministro Fontana ribadisce: ‘la famiglia che riconosciamo è quella sancita e tutelata dalla Costituzione’

  1. A me pare che la Costituzione dica solo che la famiglia è quella fondata sul matrimonio, che poi ci sia qualcuno che non voglia i matrimoni gay questo è un altro discorso.

  2. Ciò che più mi sorprende è la
    pochezza mentale dei corpuscoli cattolici la cui cultura è inesistente. Uomini
    possono innamorarsi di altri uomini per una serie infinita di ragioni; chi poco
    ha, poco può dare e inoltre crede che quel poco basti per tutto ciò che non
    riguardi la astrattezza religiosa. Chi poco ha, poco si rende conto di quello
    che non ha.

Lascia un commento

Viaggi

Stoccolma, guida gay 2019

La vita gay è all’insegna della piú assoluta integrazione, ma niente darkroom o saune. Eleganza, stile, il bellissimo popolo svedese, arte e natura, per una vacanza friendly da fare almeno una volta nella vita.

di Redazione