La Bifobia dilaga, devastante impatto sulla salute mentale delle persone bisessuali: solo il 28% fa coming out

In questo Pride Month 2022, impegnamoci a combattere ogni forma di bifobia.

ascolta:
0:00
-
0:00
bifobia-e-salute-mentale
bifobia-e-salute-mentale
3 min. di lettura

Tra la comunità LGBTQ+, l’ansia e il disagio derivanti dal minority stress non è una novità. Tuttavia, sapevi che le persone bisessuali sono più prone a questo tipo di disturbi?

Sfortunatamente, le ricerche dimostrano infatti che la comunità bisessuale subisce costantemente microaggressioni a causa della bifobia dilagante.

L’impatto negativo della bifobia si traduce spesso in un disagio che – talvolta – sfocia in vere e proprie patologie. Secondo studi condotti dal Bisexual Resource Center, circa il 40% delle persone bisessuali ha contemplato almeno una volta il suicidio.

A paragone, persone gay e lesbiche sperimentano questi sentimenti in circa un quarto della totalità. Inoltre, il numero di persone bisessuali con ideazioni aumenta quando si parla di persone di colore, transgender o con disabilità.

Non ci sono dubbi quindi che la discriminazione subita dalle persone bisessuali impatti in maniera devastante sulla loro salute mentale, anche perché spesso questa proviene proprio dalla comunità LGBTQ+.

Ma cos’è nel dettaglio la bifobia?

Il Bisexual Reource Center definisce la bifobia come il “categorizzare – sbagliando – una persona bisessuale come eterosessuale, gay o lesbica anche se questa sostiene il contrario”.

Questo delegittimizza l’identità di una persona attraverso stereotipi, battute tristissime che possono – alla lunga – diventare vere e proprie violenze psicologiche.

Questo è di fatto il motivo per cui tantissime persone bisessuali evitano di fare coming out: le statistiche evidenziano che solo il 28% di esse riescono ad aprirsi con amici e familiari sulla questione.

Che aspetto ha la bifobia?

Gli individui bisessuali si trovano ad affrontare uno stigma doppio: da una parte, vengono esclusi dalla comunità eterosessuale, e dall’altra si sentono spesso discriminati dalla stessa comunità LGBTQ+. Gli stereotipi più comuni sono:

  • Le persone bisessuali sono solo ingorde e promiscue
  • I bisessuali sono tali solo per sfruttare il loro privilegio di “eterosessuali a metà”, e non appartengono alla comunità LGBTQ+
  • Le persone bisessuali feminine presenting cercano solo attenzione da parte degli uomini eterosessuali
  • Le persone bisessuali masculine presenting sono solo persone gay che non vogliono fare coming out per non perdere i propri privilegi

Ma c’è ancora una forma di discriminazione più spietata ed estremista, ovvero quella dei “negazionisti della bisessualità”, che si presenta come:

  • Il negare l’esistenza della bisessualità, sostenendo che si tratti solo di una fase o di una curiosità passeggera
  • Il pregiudizio secondo il quale una persona sia eterosessuale se coinvolta in una relazione con qualcuno dell’altro sesso
  • Il definire una persona bisessuale gay o lesbica, nonostante il coming out

Quali sono gli effetti della bifobia su una persona bisessuale?

Come già menzionato in precedenza, le persone bisessuali se la passano spesso peggio rispetto al resto della popolazione in materia di salute mentale. Gli effetti sono:

  • L’incremento delle patologie come ansia, depressione o disturbi di personalità
  • Maggiore rischio di autolesionismo, ideazioni suicide
  • Scarsa o inesistente rete di supporto
  • Sentimenti di vergogna o disagio verso il proprio orientamento sessuale, insicurezza nel fare coming out
  • Maggiore rischio di sviluppare dipendenze da alcool, sigarette o droghe

Tuttavia, le ricerche condotte su queste problematiche non sono ancora abbastanza per disegnare un quadro complessivo, perché si tratta questioni ancora poco accettate e spesso insabbiate all’interno della stessa comunità LGBTQ+. Il che non fa che aggravare il problema.

Combattere la bifobia, un passo alla volta

È essenziale per il benessere della comunità bisessuale poter contare su una rete di supporto forte e sull’accettazione da parte della comunità LGBTQ+. Questo, per contrastare il dilagante sentimento bifobico, che per la stragrande maggioranza trova spazio online.

Ed è proprio qui che è necessario creare uno spazio sicuro rivolto alle persone bisessuali, validando prima di tutto la loro esistenza per poi combattere gli stereotipi negativi tramite l’educazione e l’informazione corretta sulla questione. Ecco alcune risorse:

Inoltre, celebrare l’orgoglio bisessuale durante questo Pride Month 2022 risulta estremamente importante per abbattere stereotipi e comportamenti bifobici, attraverso la sensibilizzazione e l’educazione sulla questione bisessuale.

La comunità LGBTQ+ dovrebbe essere il punto di partenza e un luogo sicuro: accettazione e attivismo sul tema porterebbero a un impatto positivo concreto sia su questa particolare categoria che sull’intera comunità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans - Bingham Cup 2024 a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans 5 - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans

News - Redazione 29.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

stati-uniti-carolina-del-sud-terapie-affermative-minori

Triptorelina, prima di accedervi bisognerà sottoporsi a una terapia riparativa?

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
9-1-1, Buck è bisessuale? Con il centesimo episodio arriva l'atteso bacio (VIDEO) - 911 bacio gay Buck e Tommy - Gay.it

9-1-1, Buck è bisessuale? Con il centesimo episodio arriva l’atteso bacio (VIDEO)

Serie Tv - Redazione 5.4.24
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Gen Z musica dipendenza

La Gen Z è dipendente dalla musica: “È una terapia per il benessere mentale e fisico”. Ma Spotify aumenta le tariffe

Musica - Emanuele Corbo 4.4.24
cena ozpetek

Come sopravvivere al pranzo con i parenti?

Lifestyle - Riccardo Conte 12.12.23