Gli elettori penalizzano ancora i candidati gay, lesbiche e transessuali, secondo una nuova ricerca

E in Italia i candidati LGBTQ+ sono discriminati?

politici lgbt, discriminazioni alle elezioni
2 min. di lettura

I politici apertamente LGBTQ+ sono certamente in un periodo storico di massima rappresentanza: sono visibili in un modo che non si era mai visto prima. Questo si rivela fondamentale: i politici che hanno fatto coming out inviano il messaggio potente che anche le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali possono vincere le elezioni e rappresentare la società.

Le recenti e storiche vittorie dei politici LGBTQ+ sono una testimonianza dell’eccezionale talento e delle qualità che posseggono, nonostante i grandi ostacoli che hanno dovuto affrontare.

Le discriminazioni che vivono i candidati LGBTQ+ secondo una recente ricerca

Una ricerca pubblicata da Gabriele Magni e Andrew Reynolds su The Journal of Politics mostra che i candidati lesbiche, gay e transessuali (lo studio non include quelli bisessuali) devono ancora affrontare discriminazioni da parte degli elettori durante le competizioni elettorali nel Regno Unito, negli Stati Uniti ed in Nuova Zelanda. Questo nonostante nel 2020 gli USA abbiano eletto l’amministrazione più rainbow di sempre, mentre Regno Unito e Nuova Zelanda abbiano tra i membri del Parlamento molte persone della comunità LGBTQ+.

I dati raccolti, su un campione di oltre 4000 intervistati, hanno mostrato che, a causa di veri e propri pregiudizi, di preoccupazioni sull’eleggibilità e del fatto che i candidati LGT vengano visti come “più liberali”, c’è molta più difficoltà per loro di conquistare i seggi.

In particolare, i candidati gay, rispetto alle persone di orientamento eterosessuale, affrontano le seguenti penalizzazioni: 6,7 punti percentuali negli Stati Uniti (il Paese con maggiore ostilità verso le persone LGBTQ+); 4,6 punti percentuali nel Regno Unito; 3,3 in Nuova Zelanda. Le candidate lesbiche, invece, subiscono penalizzazioni di 2,6 punti percentuali rispetto agli uomini gay. Lə candidatə trans* sono coloro che riscontrano i maggiori livelli di pregiudizio in tutti e tre i Paesi: “la loro penalizzazione rispetto ai candidati cisgender è dell’11% negli Stati Uniti, del 10,7 nel Regno Unito e dell’8,5 in Nuova Zelanda“.

Secondo la ricerca, non tutti gli elettori però penalizzano i candidati LGT. I sostenitori dei partiti di sinistra non penalizzano in modo significativo i candidati gay, mentre gli elettori di destra lo fanno fortemente. Le differenze sono più forti negli Stati Uniti, il che può essere spiegato dalla maggiore ostilità del Partito Repubblicano nei confronti dei diritti e dei candidati LGBT, rispetto ai partiti conservatori nel Regno Unito e in Nuova Zelanda. Ad esempio, il Partito Conservatore del Regno Unito aveva, durante il periodo della ricerca, tanti parlamentari apertamente gay e lesbiche quanto il Partito Laburista.

In Italia i candidati LGBT+ sono discriminati?

Per le elezioni amministrative in Italia, che si terranno nel mese di ottobre, sono già diversi i candidati LGBT+ di cui ci è giunta notizia.

Come è la situazione nel nostro Paese? Quali ostacoli dovranno affrontare i candidati LGBT+ alle elezioni e da parte di chi? Scrivicelo nei commenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
valium 13.8.21 - 19:31

Finché i candidati italiani sono Crocetta, Scalfarotto e Spirlì... Non hanno neanche bisogno di essere penalizzati ulteriormente...

Trending

Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24
Fabrizio Benetti Schio Elezioni Comunali 2024 - MaiMa LGBTI

“Garantire trascrizione dei figli di coppie omogenitoriali” Fabrizio Benetti di Maima e la sua candidatura a Schio

News - Gay.it 4.6.24
irlanda-gestazione-per-altri

Irlanda: il governo di centrodestra depenalizza e regola la gestazione per altri. Il DDL Varchi sempre più inapplicabile a livello europeo

News - Francesca Di Feo 4.7.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
Marilena Grassadonia, niente Europarlamento. A Strasburgo va la "giovane verde" Benedetta Scuderi - Marilena Grassadonia non sara a Strasburgo allEuroparlamento va la 22giovane verde22 Benededda Scuderi - Gay.it

Marilena Grassadonia, niente Europarlamento. A Strasburgo va la “giovane verde” Benedetta Scuderi

News - Redazione 25.6.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
30.000 persone al Budapest Pride per dire basta all'omobitransfobia di Orban. Presente l’ambasciatore USA - Budapest Pride 2 - Gay.it

30.000 persone al Budapest Pride per dire basta all’omobitransfobia di Orban. Presente l’ambasciatore USA

News - Redazione 25.6.24