Gli elettori penalizzano ancora i candidati gay, lesbiche e transessuali, secondo una nuova ricerca

E in Italia i candidati LGBTQ+ sono discriminati?

politici lgbt, discriminazioni alle elezioni
2 min. di lettura

I politici apertamente LGBTQ+ sono certamente in un periodo storico di massima rappresentanza: sono visibili in un modo che non si era mai visto prima. Questo si rivela fondamentale: i politici che hanno fatto coming out inviano il messaggio potente che anche le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali possono vincere le elezioni e rappresentare la società.

Le recenti e storiche vittorie dei politici LGBTQ+ sono una testimonianza dell’eccezionale talento e delle qualità che posseggono, nonostante i grandi ostacoli che hanno dovuto affrontare.

Le discriminazioni che vivono i candidati LGBTQ+ secondo una recente ricerca

Una ricerca pubblicata da Gabriele Magni e Andrew Reynolds su The Journal of Politics mostra che i candidati lesbiche, gay e transessuali (lo studio non include quelli bisessuali) devono ancora affrontare discriminazioni da parte degli elettori durante le competizioni elettorali nel Regno Unito, negli Stati Uniti ed in Nuova Zelanda. Questo nonostante nel 2020 gli USA abbiano eletto l’amministrazione più rainbow di sempre, mentre Regno Unito e Nuova Zelanda abbiano tra i membri del Parlamento molte persone della comunità LGBTQ+.

I dati raccolti, su un campione di oltre 4000 intervistati, hanno mostrato che, a causa di veri e propri pregiudizi, di preoccupazioni sull’eleggibilità e del fatto che i candidati LGT vengano visti come “più liberali”, c’è molta più difficoltà per loro di conquistare i seggi.

In particolare, i candidati gay, rispetto alle persone di orientamento eterosessuale, affrontano le seguenti penalizzazioni: 6,7 punti percentuali negli Stati Uniti (il Paese con maggiore ostilità verso le persone LGBTQ+); 4,6 punti percentuali nel Regno Unito; 3,3 in Nuova Zelanda. Le candidate lesbiche, invece, subiscono penalizzazioni di 2,6 punti percentuali rispetto agli uomini gay. Lə candidatə trans* sono coloro che riscontrano i maggiori livelli di pregiudizio in tutti e tre i Paesi: “la loro penalizzazione rispetto ai candidati cisgender è dell’11% negli Stati Uniti, del 10,7 nel Regno Unito e dell’8,5 in Nuova Zelanda“.

Secondo la ricerca, non tutti gli elettori però penalizzano i candidati LGT. I sostenitori dei partiti di sinistra non penalizzano in modo significativo i candidati gay, mentre gli elettori di destra lo fanno fortemente. Le differenze sono più forti negli Stati Uniti, il che può essere spiegato dalla maggiore ostilità del Partito Repubblicano nei confronti dei diritti e dei candidati LGBT, rispetto ai partiti conservatori nel Regno Unito e in Nuova Zelanda. Ad esempio, il Partito Conservatore del Regno Unito aveva, durante il periodo della ricerca, tanti parlamentari apertamente gay e lesbiche quanto il Partito Laburista.

In Italia i candidati LGBT+ sono discriminati?

Per le elezioni amministrative in Italia, che si terranno nel mese di ottobre, sono già diversi i candidati LGBT+ di cui ci è giunta notizia.

Come è la situazione nel nostro Paese? Quali ostacoli dovranno affrontare i candidati LGBT+ alle elezioni e da parte di chi? Scrivicelo nei commenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
valium 13.8.21 - 19:31

Finché i candidati italiani sono Crocetta, Scalfarotto e Spirlì... Non hanno neanche bisogno di essere penalizzati ulteriormente...

Trending

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24

Leggere fa bene

Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
elon-musk-gina-carano

Licenziata da Disney per le sue battute omobitransfobiche, Elon Musk pagherà la battaglia legale di Gina Carano

News - Francesca Di Feo 15.2.24