Amir Ohana, è apertamente gay il nuovo Presidente della Knesset d’Israele

Il partito del primo ministro Netanyahu, tuttavia, ha registrato una virata verso l’estrema destra.

ascolta:
0:00
-
0:00
Amir Ohana Gay.it
3 min. di lettura

Amir Ohana, parlamentare della Knesset d’Israele, è entrato ancora una volta nella storia del Paese dopo esserne stato eletto Presidente. Il ruolo che ricoprirà è quello di Speaker del parlamento israeliano, la Knesset appunto, raggiunto con un voto espresso all’unanimità. Amir Ohana appartiene al Likud, partito politico storicamente di destra a cui appartiene anche l’attuale primo ministro Benjamin Netanyahu, rieletto proprio oggi per il suo sesto mandato.

Ohana, che si è ormai costruito una reputazione per essere un fedelissimo di Netanyahu, aveva già segnato un traguardo senza precedenti nel dicembre 2015, quando divenne ufficialmente il primo parlamentare ammesso nella Knesset come uomo apertamente gay. Il suo discorso in parlamento entrò nella storia: «Sono qui come figlio di Meir ed Esther Ohana, emigrati dal Marocco per costruire il Paese. Sono qui con la mia metà, Alon, il mio vero amore. Sono qui come padre dei miei figli Elah e David. E come Davide che sconfisse Golia nella Valle di Elah, sono qui contro ogni previsione. Sono qui con tutto quel che sono, con ciò che ho scelto e ciò che non ho scelto, e sono orgoglioso di tutto questo: ebreo, israeliano, mizrahi, gay, likudnik, falco della sicurezza, liberale e uomo del libero mercato».

Amir Ohana Gay.it
Amir Ohana è il nuovo Presidente della Knesset israeliana

Il suo discorso, e la sua partecipazione alla Knesset, non sono mai stati visti di buon occhio dai partiti dell’opposizione come Yahadut HaTorah e Shas, che all’epoca uscirono persino dall’aula in forma di protesta. La presenza di Ohana, tuttavia, era perfettamente in linea con un Israele deciso a progredire in termini di diritti, soprattutto civili. Gli accordi di coalizione, infatti, hanno negli anni gradualmente garantito diritti e protezioni alla comunità LGBTQIA+, come le adozioni per le coppie omogenitoriali o il divieto alle terapie di conversione.

Amir Ohana sembra quindi aver convinto tutti al punto da guadagnarsi la posizione di Presidente della Knesset all’unanimità. Il suo compito prevede quindi che d’ora in poi dovrà condurre i lavori parlamentari quotidiani anche se, come riporta il quotidiano israeliano Ynet, non presiederà le riunioni che tratteranno di diritti LGBTQ+. Non è ancora chiaro se sia una condizione imposta dal parlamento, forse preoccupato dal suo essere di parte sulla questione, ma si sa che Ohana avrebbe chiesto comunque la libertà di voto, per ora ancora senza risposta.

L’elezione di Ohana arriva sicuramente come una buona notizia, soprattutto per la comunità LGBTQIA+ israeliana, ma sembra stonare con la virata ancora più conservatrice che alcuni membri del Likud hanno preso ultimamente. Recenti le dichiarazioni di Orit Strock, che vorrebbe dare la possibilità ai medici israeliani di rifiutarsi di curare pazienti LGBTQIA+. Alle dichiarazioni di Strock si è opposto anche il Capo dello Stato, che ha garantito come non ci sarà nessun danno alle persone queer.

Amir Ohana Gay.it
Amir Ohana e il primo ministro Netanyahu

Ma non si tratta solo del Likud. Anche esponenti di altri partiti, sempre appartenenti alla coalizione di maggioranza al governo, si sono mossi su posizioni anti-LGBT. Avi Maoz, ad esempio, del partito Noam (partito di estrema destra con posizioni apertamente omofobe) avrebbe stilato una lista di decine di personaggi dello spettacolo e dei media di informazione a favore dell’uguaglianza di genere e dei diritti LGBTQIA+.

All’interno del governo israeliano sta poco a poco prendendo forma un paradosso che vede ai suoi poli opposti la volontà di provvedimenti progressisti e liberali, da un lato, e una certa tendenza conservatrice che ha sempre caratterizzato la politica e il suo popolo dall’altro. Rimane ancora da vedere se l’effettivo lavoro di Amir Ohana nella Knesset verrà ostacolato a partire dalle prossime settimane. Nel frattempo, l’assunzione di una carica così importante da parte di un uomo politico apertamente gay è sicuramente degna di nota ed è quantomeno un primo passo nella giusta direzione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24

Leggere fa bene

aula-vuota-interrogazione-questioni-lgbtqia

Roccella annuncia sblocco fondi Unar per la comunità LGBTQIA+ davanti al Senato vuoto

News - Francesca Di Feo 14.9.23
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23
rischi sunak twitter

Regno Unito, Rishi Sunak vuole cestinare la legge contro le teorie riparative

News - Redazione 27.9.23
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24