Cannes 2023, Monster di Hirokazu Kore-eda vince la Queer Palm

Monster è la storia della nascita di un sentimento, quello tra Minato e il piccolo Yori, tormentato da un padre che gli impone la propria ‘mascolinità’.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cannes 2023, Monster di Hirokazu Kore-eda vince la Queer Palm - Monster di Hirokazu Kore eda - Gay.it
2 min. di lettura

La 76ª edizione del Festival di Cannes è stata vinta dal film francese Anatomie d’une chute, con Justine Triet 3a regista di sempre a far sua la Palma d’Oro dopo Jane Campion e Julia Ducournau. L’Italia è purtroppo rimasta a bocca asciutta, con Nanni Moretti, Marco Bellocchio e Alice Rohrwacher snobbati dalla giuria capitanata dal regista Ruben Östlund.



La Queer Palm, premio dal 2010 assegnato ai film a tematica LGBTQIA+ presentati nel corso dell’intero Festival, è invece andata a Monster di Hirokazu Kore-eda, premiato anche con il Prix du scénario a Yūji Sakamoto. Monster è una storia divisa in tre atti che segue più personaggi e si apre come una matrioska scena dopo scena, rivelandoci che nulla è davvero come sembra: dal piccolo Minato (Kurokawa Soya), bambino di dieci anni che si comporta sempre più stranamanete davanti alla mamma Nori (Ando Sakura) e al signor Hori (Nagayama Eita), professore all’apparenza violento: perché Minato si è tagliato i capelli da solo ed è tornato senza una scarpa? Chi è il bullo? Lui, l’insegnante, o la scuola? Monster è soprattutto la storia della nascita di un sentimento, quello tra Minato e il piccolo Yori, tormentato da un padre che gli impone la propria ‘mascolinità’. È un’amicizia ma forse qualcosa di più, un tenero segreto che non può essere svelato ad alta voce e confonde chiunque guarda all’esterno.

Monster arriverà nei cinema d’Italia grazie a LuckyRed.

La giuria presieduta da John Cameron Mitchell (presidente), al fianco di Isabel Sandoval, Louise Chevillotte, Zeno Graton (Le Paradis) e Cédric Succivalli, ha voluto premiare il nuovo film dello straordinario regista giapponese, già Premio della giuria per Father and Son e Palma d’oro per Un affare di famiglia. Il premio per il miglior cortometraggio è invece andato a “Boléro” di Nans Laborde-Jourdàa. Protagonista un uomo che torna nella propria città natale per visitare la madre. Un ritorno che riaccenderà ricordi sepolti, ma anche desideri a lungo silenziati che presto lo travolgeranno.

A seguire tutti i premiati di Cannes 2023 e tutte le Queer Palm del passato.

Cannes 2023, il Palmarès

Palma d’oro: Anatomie d’une chute, regia di Justine Triet
Grand Prix Speciale della Giuria: The Zone of Interest, regia di Jonathan Glazer
Prix de la mise en scène: Trần Anh Hùng per La Passion de Dodin Bouffant
Prix du scénario: Yūji Sakamoto per Monster
Prix d’interprétation féminine: Merve Dizdar per Kuru otlar üstüne
Prix d’interprétation masculine: Kōji Yakusho per Perfect Days
Premio della giuria: Kuolleet lehdet, regia di Aki Kaurismäki
Palma d’oro onoraria: Michael Douglas e Harrison Ford

Queer Palm, i vincitori

2010: Kaboom, regia di Gregg Araki (Stati Uniti/Francia)
2011: Beauty (Skoonheid), regia di Oliver Hermanus (Sudafrica/Francia)
2012: Laurence Anyways e il desiderio di una donna… (Laurence Anyways), regia di Xavier Dolan (Canada)
2013: Lo sconosciuto del lago (L’Inconnu du lac), regia di Alain Guiraudie (Francia)
2014: Pride, regia di Matthew Warchus (Regno Unito)
2015: Carol, regia di Todd Haynes (Stati Uniti)
2016: Les vies de Thérèse, regia di Sébastien Lifshitz (Francia)
2017: 120 battiti al minuto (120 battements par minute), regia di Robin Campillo (Francia)
2018: Girl, regia di Lukas Dhont (Belgio)
2019: Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu), regia di Céline Sciamma
2020: a causa della pandemia di CoViD-19, il festival non ha avuto luogo
2021: Parigi, tutto in una notte (La Fracture), regia di Catherine Corsini
2022: Joyland, regia di Saim Sadiq
2023: Monster, regia di Hirokazu Kore’eda

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Douglas Carolo (foto TikTok di Carolo), Michele Caglioni (foto Instagram Caglioni), Andrea Bossi (foto TikTok)

Cosa c’era nel cellulare di Andrea Bossi, e peché Douglas Carolo e Michele Caglioni l’avrebbero distrutto?

News - Redazione Milano 4.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Continua a leggere

American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson - American Fiction - Gay.it

American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson

Cinema - Redazione 17.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 13/19 novembre tra tv generalista e streaming - I film LGBTQIA della settimana 1319 novembre tra tv generalista e streaming - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 13/19 novembre tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 13.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
5 look perfetti per le feste con Astra Make-Up

Ecco il trucco perfetto ispirato ai film LGBTQIA+ con Astra Make-Up

Lifestyle - Redazione Milano 21.12.23
Greta Gerwig (by Ellen Fedors for Rolling Stone)

Cannes 2024: Greta Gerwig, regista di Barbie, è la presidente della giuria!

Culture - Riccardo Conte 14.12.23
Andrew Scott spiega perché non bisognerebbe più usare il termine “apertamente gay” (VIDEO) - 056 S 01960 - Gay.it

Andrew Scott spiega perché non bisognerebbe più usare il termine “apertamente gay” (VIDEO)

Cinema - Redazione 9.1.24