Carriere Alias: a Pisa, Liceo non riconosce l’identità di uno studente, i compagni occupano la scuola

La Generazione Z sembra dare nuova linfa all'inaridimento della nostra società. A Pisa, gli studenti occupano il Liceo Dini per il mancato riconoscimento dell'identità di un loro compagno. "Urta la sensibilità degli insegnanti".

Carriere Alias: a Pisa, Liceo non riconosce l'identità di uno studente, i compagni occupano la scuola - liceo dini occupato novembre 2021 2 1 - Gay.it
3 min. di lettura

PISA. Lo scorso martedì, il liceo scientifico Ulisse Dini – uno dei più antichi e quotati a livello nazionale – è stato occupato. La motivazione sembrerebbe essere la carenza di aule e l’estensione dell’orario ordinario, dovuti alla nuova organizzazione post-pandemica, ma ciò che ha scosso la già esasperata situazione è la mancata attivazione della carriera Alias per uno studente del Liceo, quindi il mancato riconoscimento della sua identità.

liceo occupato Pisa
La rivolta degli studenti del Liceo Scientifico Ulisse Dini.

Le carriere Alias sono una documentazione identitaria provvisoria, valida durante il percorso di studi per la popolazione trans*, non binaria o non conforme. Per Gay.it abbiamo intervistato, alcune settimane fa, Nera Prota, Docente di Scenografia per l’Accademia di Belle Arti di Napoli, che ha spinto il suo Istituto ad adottare le carriere Alias. È stata lei a spiegarci che questi dispositivi normativi “nascono per supplire a una carenza legislativa gravissima”,

“La legge che aspettiamo da sempre consisterebbe nell’attuazione di un sistema normativo in grado di fornire alle persone in transizione dei documenti provvisori che possano sostenerci nell’affermazione identitaria, validi su tutto il territorio”.

Geremia, ragazzo transgender di 17 anni e studente del liceo Dini di Pisa, ha richiesto, con il supporto dei suoi genitori e dei compagni, l’attivazione della carriera alias – per proseguire gli studi vedendosi riconosciuta la sua vera identità e il nome da lui scelto. La richiesta, neanche a dirlo, è stata respinta, perché a quanto pare avrebbe “urtato la sensibilità di alcuni docenti“.

È assurdo che uno studente non possa veder riconosciuta la propria identità perché qualche professore potrebbe rimanere turbato dal cambiamento, come ha sostenuto la Preside (Adriana Piccigallo ndr)”, ha dichiarato Samuele Badalassi, uno dei rappresentanti d’istituto del Dini.

“Dopo le nostre proteste, la Dirigente ha fatto un passo avanti: ha detto che la questione sarà discussa al prossimo consiglio d’istituto, il 13 dicembre. Speriamo non sia un modo per tirarla per le lunghe”.

A Geremia è arrivata la solidarietà anche da Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, che sul caso ha annunciato un’interrogazione al ministro Patrizio Bianchi: “Sostenere che l’istituto non è pronto per la carriera Alias è imbarazzante e inaccettabile. La scuola deve favorire l’inclusione, sempre. Il ministero dell’Istruzione attivi una verifica sul Dini“.

“È proprio dalle scuole che dovrebbe partire il cambiamento su questi temi”, ha osservato Andrea Aretini della Rete pisana degli Studenti Medi.

La comunità LGBTQIA+ pisana non vive uno sei suoi periodi migliori. Il sindaco leghista, Michele Conti – in carica dal 2018 – ha più volte preso decisioni ostili e controverse: pochi mesi dopo la sua elezione ha messo un freno a qualsiasi politica a favore delle persone legbtqia+ e nel 2020 la sua Amministrazione ha votato a favore di una mozione contraria alla legge contro l’omotransfobia.

Pink Riot
PINKRIOT – Comitato Territoriale Arcigay Pisa

Negli ultimi tre anni, Pisa ha visto più volte attaccate tutte le diverse sacche di resistenza al suo interno – che fanno di una città, un territorio sano di scontro e di dibattito. Molti centri sociali sono stati sgomberati e molte associazioni lgbtqia+ si sono trovate costrette a cessare la propria militanza. PINKRIOT è uno dei pochissimi comitati attivi su Pisa e altre città vicine.

La protesta degli studenti del liceo scientifico Dini è un faro di speranza nell’avverso e opaco clima pisano. La Generazione Z sembra dare nuova linfa all’inaridimento della nostra società, e la Scuola dovrebbe iniziare a supportare gli studenti e facilitare il loro percorso. Durante la sopracitata intervista a Gay.it, la Docente Nera Prota ha dichiarato:

Ciò che avverto come compito istituzionale è creare degli spazi sicuri di dissenso all’interno dell’Accademia, in questo momento ritengo sia necessaria una zona sicura in cui manifestare la propria visione che sia essa anarchica, transefemminista, intersezionale o semplicemente artistica. Rivendicare con forza il diritto al dissenso è una delle priorità dei giovani”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

Milano Carriera Alias

La carriera alias al Comune di Milano è finalmente realtà, Monica J. Romano “Una vittoria per le persone trans* e non binarie”

News - Giuliano Federico 12.3.24
Tommy Dorfman ha sposato l'amata Elise: "Celebriamo l'amore trans e queer con il mondo" - Tommy Dorfman ha sposato lamata Elise - Gay.it

Tommy Dorfman ha sposato l’amata Elise: “Celebriamo l’amore trans e queer con il mondo”

Culture - Redazione 6.5.24
krystilia hepporn drag queen

Insegnante di giorno, drag queen di sera: intervista a Krystilia Hepporn

Culture - Gio Arcuri 9.5.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
American Idol, Amari racconta la sua storia di donna transgender e commuove Katy Perry (VIDEO) - American Idol - Gay.it

American Idol, Amari racconta la sua storia di donna transgender e commuove Katy Perry (VIDEO)

Musica - Redazione 20.3.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: "Dio è padre di tutti" - Nicolo Anselmi Rimini - Gay.it

Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: “Dio è padre di tutti”

News - Redazione 8.4.24
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24