Oscar 2019, trionfano inclusione e “diversità”: da Green Book a Bohemian Rhapsody passando per Lady Gaga

Green Book miglior film agli Oscar 2019, con Alfonso Cuaron vincitore di 3 statuette e Lady Gaga in trionfo grazie a Shallow.

Gli Oscar più afroamericani e LGBT di sempre, probabilmente. Quella andata in onda nella notte è stata una cerimonia tanto noiosa quanto inclusiva, nello splancare le porte Academy a quelle storie, a quei volti, a quei colori fino a pochi anni fa semplicemente snobbati.

Green Book, già vincitore al Toronto Film Festival e ai Golden Globe, ha trionfato, vincendo l’Oscar come miglior film, per la miglior sceneggiatura e per il miglior attore non protagonista, ovvero quel Mahershala Ali che nella pellicola di Peter Farrelly indossa gli eleganti abiti di un musicista omosessuale nell’America più razzista e omofoba degli anni ’60. Olivia Colman, divina regina lesbica de La Favorita, ha conquistato un’inattesa statuetta come miglior attrice protagonista battendo in volata la super favorita Glenn Close, tristemente sconfitta per la settima volta in carriera.

Bohemian Rhapsody di Bryan Singer, ovviamente mai nominato nel corso della serata perché reietto di Hollywood dopo le accuse di molestie, ha vinto ben 4 Oscar, compreso quello pesantissimo andato a Rami Malek, che dal palco ha voluto ringraziare Freddie Mercury, non solo figlio di immigrati come lui ma anche omosessuale e sieropositivo. Roma di Alfonso Cuaron, titolo Netflix che puntava a sbancare la nottata, si è portato a casa tre Oscar pesantissimi, ovvero miglior film straniero (primo Oscar di sempre per il Messico), regia e fotografia.

Ti suggeriamo anche  My Days of Mercy, primo trailer per il film con Ellen Page e Kate Mara innamorate

Se Regina King ha vinto l’Oscar come miglior attrice non protagonista con Se la strada potesse parlare, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di James Baldwin, omosessuale dichiarato, Lady Gaga ha conquistato la sua prima statuetta grazie a Shallow di A Star is Born, eletta miglior canzone. Emozionante il duetto con Bradley Cooper, live dal palco, in una serata che ha tendenzialmente regalato poche emozioni, tantissime pubblicitàpubblicitàimi sorrisi. Siparietti azzerati e Queen chiamati ad aprire lo show, accompagnati dalla grandiosa voce di Adam Lambert.

Dopo Moonlight, in trionfo a sorpresa nel 2017, e La forma dell’acqua – The Shape of Water, assoluto dominatore della scorsa edizione, per il 3° anno di fila un film con chiari riferimenti al mondo LGBT ha vinto la statuetta più ambita. Segno di un’Industria cinematografica che vuole abbracciare, cavalcare e ispirare un deciso cambio di passo, in un’America divisa dall’odio a buon mercato di Donald Trump, vero grande ‘nemico’ della serata.

 

Oscar 2019  – i vincitori


Miglior film

Green Book – Jim Burke, Charles B. Wessler, Brian Currie, Peter Farrelly e Nick Vallelonga

Migliore regia
Alfonso Cuarón – Roma

Migliore attore protagonista
Rami Malek – Bohemian Rhapsody

Migliore attrice protagonista

Olivia Colman – La favorita (The Favourite)

Migliore attore non protagonista

Mahershala Ali – Green Book

Migliore attrice non protagonista

Regina King – Se la strada potesse parlare (If Beale Street Could Talk)

Migliore sceneggiatura originale

Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly – Green Book

Ti suggeriamo anche  Birds of Prey: personaggio di spicco chiaramente omosessuale nel nuovo film DC

Migliore sceneggiatura non originale
Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott e Spike Lee – BlacKkKlansman

Miglior film straniero
Roma, regia di Alfonso Cuarón (Messico)

Miglior film d’animazione

Spider-Man – Un nuovo universo (Spider-Man – Into the Spider Verse), regia di Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman


Migliore fotografia

Alfonso Cuarón – Roma

Migliore scenografia

Hannah Beachler e Jay Hart – Black Panther

Miglior montaggio

John Ottman – Bohemian Rhapsody

Migliore colonna sonora
Ludwig Göransson – Black Panther

Migliore canzone

Shallow (musica e testi di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt) – A Star Is Born

Migliori effetti speciali
Paul Lambert, Ian Hunter, Tristan Myles e J. D. Schwalm – First Man – Il primo uomo (First Man)

Miglior sonoro

Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali – Bohemian Rhapsody

Miglior montaggio sonoro
John Warhurst e Nina Hartstone – Bohemian Rhapsody

Migliori costumi
Ruth Carter – Black Panther

Miglior trucco e acconciatura

Greg Cannom, Kate Biscoe e Patricia DeHaney – Vice – L’uomo nell’ombra (Vice)

Miglior documentario
Free Solo, regia di Jimmy Chin e Elizabeth Chai Vasarhelyi

Miglior cortometraggio documentario
Period. End of Sentence., regia di Rayka Zehtabchi

Miglior cortometraggio
Skin, regia di Guy Nattiv

Miglior cortometraggio d’animazione

Bao, regia di Domee Shi