Chi ha paura del colore rosa?

Coincidenze interessanti: il colore rosa, simbolo delle donne e delle identità altre, è storicamente stato rifiutato dal patriarcato così come dalle bandiere nazionali. Perché?

Chi ha paura del colore rosa? - pink flag - Gay.it
3 min. di lettura

“Non lo prendere rosa, è da donna.” “Ma rosa? Sei fr***o?”

Il rosa è il colore delle femmine. Un colore di transizione, ambiguo, un rosso sbiadito, un bianco colorato. Viene evitato come la peste dai maschi perché essere femmine è degradante. Viene scelto per tutti i prodotti al femminile come marchio identitario.

Anche il vino, se è rosa, diventa cosa da donne.

Il rosa è un colore infantile. Passivo, inutile. Il colore di chi resta a casa. Di chi gioca.

È il colore della pelle, della carne, della nudità. Il colore della vergogna di genere. Il colore dei deboli. Politics of shame.

I nazisti marchiavano gli omosessuali maschi con un triangolo rosa e gli ebrei omosessuali con un triangolo giallo e un triangolo rosa, a formare una stella della duplice vergogna.

Il rosa è per eccellenza il colore degli stereotipi. Del micro-controllo patriarcale quotidiano, onnipervasivo nella società. Rosa sono tutti i non-maschi: le donne, i froci, i bambini. Gli inferiori, quelli che vengono dopo. Anche se, a dire il vero, i bambini maschi meglio che siano azzurri, per abituarli allo status privilegiato che gli spetta una volta un po’ cresciuti. Il rosa è il colore del residuo patriarcale, di ciò che al patriarcato non interessa se non in senso strumentale e quindi resta indietro, viene dimenticato, cancellato dalla storia del mondo.

Il rosa è un colore che non c’è praticamente su nessuna bandiera. Per questo forse il movimento LGBT l’ha fatto proprio. Le bandiere nazionali hanno sempre usato colori definiti, inequivocabili, netti. Perché le bandiere hanno lo scopo primario di creare identificazione. E così sono stati usati perlopiù i sei colori di base dello spettro cromatico. Il rosa mai. Perché il rosa è un colore pallido, debole, disarmato.

È un colore delicato. Il rosa è sempre stato rifiutato dalla politica, confinato alle copertine dei libri di poesie o dei romanzi emotivi, quindi da femmine.

Negli anni ’60 e ’70 si iniziò a riflettere su questo svilimento del rosa. Tra le altre cose, nell’ambito delle creazioni per l’infanzia, nacquero i Barbapapà, in cui non a caso il padre era, appunto, rosa.

bara1

La prima versione della rainbow flag del 1978 conteneva il rosa (scelto come simbolo della sessualità) ma poi fu sostituito per indisponibilità di tessuto. Il rosa è un colore prezioso, difficile da usare nella produzione industriale perché sbiadisce, è instabile. Si muove. Fa paura. Al momento una delle pochissime bandiere che contiene il rosa è la bandiera transgender. Guarda caso le persone transgender rappresentano la provocazione massima alla visione fissista, “naturale” della società.

trans flag

Tra gli indiani d’America chi transita da un genere all’altro era particolarmente valorizzato. “Due spiriti” venivano chiamati. E a loro si riconosceva un particolare valore sociale e culturale. Le persone credevano che i “Due Spiriti” fossero una cosa sacra e bellissima perché con la loro presenza ricordavano la possibilità di alterare i confini, di transitare tra i regni, attraverso una mossa speciale, divina.

wa2

Oggi gli individui trans ancora troppo spesso vivono ai margini, costretti a forme di vita precaria, oggetto di violenze intollerabili. Vengono colpiti e uccisi, in una sorta di terribile eccesso di zelo nel sottolinearne la carica rivoluzionaria.

Oggi dopo Brexit, in un’Europa barcollante e profondamente in dubbio sul proprio futuro, in tanti cercano di invocare la fine dei nuovi e vecchi nazionalismi, delle identità piccole, chiuse.

Il rosa è il colore delle identità fluide, sfuggenti, di cui dovremmo tutti smettere di avere paura. Perché si ha qualcosa da perdere solo se si pensa che sia così.

Finisca l’era degli stati-nazione, insomma, e venga il tempo di una politica della delicatezza e della co-appartenenza. 

Stiamoci addosso, senza bisogno di capire sempre tutto.

Venga il tempo delle bandiere rosa.

Jonathan Bazzi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
pamela addams 1.7.16 - 19:16

il rosa è il colore della bandiera di Palermo, e della nazionale della Cechia

Avatar
Giovanni Di Colere 1.7.16 - 16:55

Beh io non sono totalmente d'accordo poiché il rosa ha e ha avuto molte connotazioni anche positive a iniziare dal termine "think pink" che non ha bisogno di ulteriori commenti e anche in italiano un futuro rosa non è certo negativo. Pensiamo poi alla pantera rosa e il primato al giro di Italia che è la maglia rosa o molte altre cose. Secondo me ormai c'è questa tendenza a semplificare tutto o generalizzare come con la storia dell'Europa che è solo banche o che si occupa solo delle dimensioni delle banane cose entrambe false ma che si continua a dire

Trending

Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
Coming Out LGBTIAQ

Fare coming out ogni giorno nella società etero normata

News - Emanuele Bero 7.3.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: "Dalle europee all’Europride" - Pride Croisette 2024 Roma Pride - Gay.it

Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: “Dalle europee all’Europride”

News - Redazione 6.6.24
Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all'Europarlamento - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all’Europarlamento

News - Redazione 10.6.24
stati-uniti-la-bandiera-pride-di-nuovo-bandita-dalle-sedi-ufficiali-del-governo

Stati Uniti, la bandiera Pride di nuovo bandita dalle sedi ufficiali del governo

News - Francesca Di Feo 22.3.24
burocrazia unioni civili, guida alle top location per unioni civili in puglia

Il Liechtenstein ha legalizzato il matrimonio egualitario

News - Redazione 17.5.24
Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci! - bruxelles pride 2024 44 - Gay.it

Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci!

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24