Un coro LGBTQIA+ si esibirà all’incoronazione di Carlo III, polemiche nel Regno Unito

Il “Coro dell’Incoronazione” comprenderà anche persone sorde e rifugiati politici

ascolta:
0:00
-
0:00
Incoronazione coro LGBT Gay.it
2 min. di lettura

Mentre il Regno Unito inizia ad abituarsi all’idea di Carlo III come sovrano, non senza polemiche, il quartier generale di Buckingham Palace si è già messo in moto per organizzare la cerimonia di incoronazione del nuovo sovrano e della regina consorte Camilla, che si terrà il prossimo sabato 6 maggio.

Per l’evento sono previste celebrazioni in tutto il Paese, insieme ad aventi che anticiperanno e seguiranno il momento della cerimonia nella cattedrale di Westminster, come da tradizione. In particolare, tra gli eventi che sono già stati annunciati, domenica 7 maggio è previsto un concerto, organizzato da BBC, che si terrà invece al castello di Windsor. L’esibizione di quello che è stato chiamato “Coronation Choir” (il Coro dell’Incoronazione) ha già scatenato dibattiti e qualche polemica dalla stampa inglese più conservatrice.

Nonostante, infatti, negli scorsi mesi re Carlo abbia mantenuto la stessa linea della madre per quanto riguarda l’esprimersi sulle questioni LGBTQIA+ – cioè non esprimersi, nonostante le richieste dell’opinione pubblica -, la scelta dei membri del coro è decisamente una novità lontana dalla tradizione che finora ha contraddistinto la famiglia reale inglese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily)

Il coro sarà formato da cantanti non professionisti provenienti dal Regno Unito e, accanto ad essi, si esibirà anche un coro virtuale in collegamento da tutti i Paesi del Commonwealth. I membri comprenderanno cori di rifugiati e richiedenti asilo, cori degli operatori del settore sanitari, cori di persone sorde e, qui la novità che ha sconcertato molte persone, gruppi di canto LGBTQIA+. Secondo l’annuncio reale, un documentario spiegherà poi la formazione del coro e racconterà le storie delle persone che rappresentano i tanti volti e le voci del Paese.

È vero, Carlo III non si è espresso ufficialmente e a parole sue sulla questione dei diritti LGBTQIA+ ma, in un periodo storico e politico in cui il governo di Rishi Sunak sta mettendo nuovamente a rischio i diritti della comunità e soprattutto delle persone trans*, la mossa di Buckingham Palace sembra essere una tacita apertura della famiglia reale a temi sociali che finora ha pubblicamente ignorato.

Il lungo regno della Regina Elisabetta ha visto grandi trasformazioni in termini di diritti LGBTQIA+, dalla depenalizzazione dell’omosessualità nel 1967 al matrimonio egualitario nel 2014. Tuttavia, in molti dei Paesi un tempo colonizzati dalla Gran Bretagna e che rimangono ancora nel Commonwealth, l’omosessualità rimane illegale.

La monarchia rimane comunque intrisa di atteggiamenti e politiche conservatrici, come ha osservato Graham Smith, CEO della campagna Republic che vuole abolire la monarchia, secondo il quale ai reali d’Inghilterra in realtà non importerebbe delle persone LGBTQIA+. Questa lieve apertura alle persone queer in un evento importante come un’incoronazione fa sicuramente ben sperare, ma solo il tempo potrà rivelare quale sarà veramente l’atteggiamento di re Carlo III nei confronti della comunità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24

Continua a leggere

George Michael, arriva la moneta da 5 sterline della zecca reale britannica - George Michael - Gay.it

George Michael, arriva la moneta da 5 sterline della zecca reale britannica

Culture - Redazione 28.2.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
William Wragg - Grindr

Da Grindr a Whatsapp, l’assedio gay al parlamento britannico ha nome e cognome

News - Mandalina Di Biase 9.4.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24