Cosenza, “non vogliamo ricchi*ni in famiglia”. 16enne massacrato di botte dallo zio

4 costole rotte, setto nasale deviato, lesioni di vario genere. "Ora andate a spiegargli che non serve una legge", ha tuonato Alessandro Zan.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cosenza, "non vogliamo ricchi*ni in famiglia". 16enne massacrato di botte dallo zio - Omofobia - Gay.it
1 min. di lettura

Il 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’Omotransfobia, un ragazzo di 16 anni è stato picchiato dallo zio solo e soltanto per aver legato una bandana rainbow al suo zaino, prima di uscire con delle amiche. A denunciarlo sui social Silvio Cilento, presidente Arcigay Cosenza.

Lo zio, avvisato dal padre del ragazzo, dinanzi al nipote con una semplice bandana rainbow gli ha urlato contro “non vogliamo ricchioni nella nostra famiglia“, per poi prenderlo a schiaffi, a pugni, a calci. Non contento, ha chiamato altri tre uomini adulti per aiutarlo nel pestaggio. Risultato: 4 costole rotte, setto nasale deviato, lesioni di vario genere. A quel punto lo zio lo ha caricato in auto, dicendogli: “Ora muori in casa”.

Siamo in Calabria. Siamo in provincia di Cosenza. Sono state fatte le giuste e necessarie denunce. Non serve altro“, scrive Cilento su Facebook. “Fisicamente il ragazzo sta meglio, si riprenderà Moralmente e psicologicamente non oso immaginare come stia, forse non lo voglio immaginare. Non chiedetemi altro, per questioni di tutela è necessario assumere un atteggiamento di chiusura e di riservatezza. Condivido con voi tutte e tutti questo episodio solo per ricordarvi quanto è necessario e importante parlare di violenza di genere, di questioni LGBTI, di identità di genere e di orientamenti sessuali. Per farvi capire quanto sia necessario parlare del 17 maggio, di omofobia, transfobia e lesbofobia. Per darvi un buon motivo per scendere in piazza e partecipare, partecipare e partecipare alle iniziative di contrasto all’odio e alla violenza. Per darvi un motivo in più“.

E se in ospedale sono stati/e super accoglienti e gentili e le forze dell’ordine hanno svolto il loro lavoro, tutt’altro da dire ci sarebbe sugli/sulle assistenti sociali, denuncia Cilento, con un doloroso “stendiamo un velo pietoso“.

Ora andate a spiegargli che non serve una legge“, ha tuonato Alessandro Zan.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

biella madre picchia figlio gay

Biella, madre picchiava figlio di 17 anni con il mattarello perché gay: rinviata a giudizio

News - Redazione Milano 10.10.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
dua lipa omofobia transfobia misoginia

Dua Lipa: “Omofobia e transfobia sono parenti della misoginia”

Musica - Redazione Milano 27.8.23
(In copertina Matthew a Roma nel 1993: Shepard amava l'Italia e la cultura italiana. Courtesy of Smithsonian, donazione di Judy e Dennis Shepard)

Matthew Shepard, gli amici lo ricordano 25 anni dopo il brutale omicidio omofobo che sconvolse il mondo

News - Redazione 13.10.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23
gabriele suicidio 13 anni palloncini bianchi

Addio Gabriele, ucciso a 13 anni dal bullismo di Stato

News - Redazione Milano 14.11.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23