Croazia: sì alle adozioni per le coppie LGBT

Ma la politica croata minaccia di voler impugnare la sentenza del tribunale.

figlio adozione gay famiglia arcobaleno provita russia papà gay croazia
Provita contro la GPA, ancora una volta.
3 min. di lettura

Ottima notizia dalla Croazia, dove i giudici di un tribunale di Zagabria hanno dato ragione a una coppia gay, che ora potrà essere inclusa nella lista delle famiglie affidatarie.

Non è stata la politica dunque a permettere questo passo in avanti, ma l’impegno di due uomini, Mladen Kozic e Ivo Segota. La coppia nel maggio del 2016 aveva fatto richiesta per adottare un bambino presso il Centro di assistenza sociale di Zagabria. Il centro ha inizialmente accolto la richiesta, ma è stata poi rifiutata, poiché Mladen e Ivo sono conviventi.

Sostenuti dalla Rainbow Family Association, i due hanno deciso di intentare causa al Ministero della Demografia, Famiglia, Gioventù e Politiche Sociali. A 5 anni dalla prima seduta, i giudici di Zagabria si sono espressi a favore della coppia LGBT.

Ma la Croazia (forse) impugnerà la sentenza

Nonostante il ministero abbia già deciso di impugnare la sentenza del tribunale amministrativo per chiudere la questione, la decisione dei giudici apre la strada a tutte quelle coppie non eterosessuali che intendono adottare un bambino.

Difatti, come è capitato anche in Italia, il caso di Mladen Kozic e Ivo Segota ha creato un importante e complesso precedente, che potrebbe essere sfruttato da altri per far avverare il sogno di crescere un bambino. La coppia inoltre aveva già ottenuto lo status di coppia affidataria dopo aver superato il test attitudinale, aperto anche alle coppie unite civilmente (come sancito dalla Corte Costituzionale nel 2020).

Grande successo per le associazioni LGBT

Daniel Martinović, il presidente della Rainbow Family Association, ha pubblicato un comunicato sulla questione:

Troviamo ancora difficile credere di aver sperimentato questo sviluppo della situazione; ci aspettavamo una lunga odissea legale e un viaggio alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Tuttavia, il tribunale amministrativo di Zagabria ha agito correttamente, rispettando la Costituzione della Repubblica di Croazia, le convenzioni internazionali e le nostre leggi, e si è pronunciato a favore dei nostri membri Mladen Kožić e Ivo Šegota. Siamo molto felici per questo verdetto, non solo per Mladen e Ivo, ma anche per tutte le altre coppie che stanno valutando l’adozione e che vogliono allargare la loro famiglia in questo modo. 

Ripetiamo la stessa cosa da cinque anni ormai: i cittadini della Repubblica di Croazia non devono essere discriminati a causa del loro orientamento sessuale e/o identità di genere e tutti devono avere uguali diritti. La Costituzione è chiara: non può esserlo. Sia che dobbiamo pagare le tasse, cercare un lavoro o se vogliamo diventare genitori adottivi o genitori adottivi, essere gay, lesbiche, bisessuali o eterosessuali non dovrebbe avere importanza. Per quanto riguarda l’adozione, l’idoneità di qualcuno dovrebbe essere valutata dalla professione, non dalla politica.

Grazie ancora a tutti per il loro sostegno e supporto in tutti questi anni, le nostre recenti vittorie legali relative all’affido, all’adozione e alla non discriminazione ci mostrano come ciò per cui stiamo combattendo sia giusto e come vogliamo continuare a lottare per i diritti delle persone LGBTIQ in Croazia. Stiamo ancora assistendo a discriminazioni, ad esempio nelle procedure di riproduzione medica assistita o nel riconoscimento della cittadinanza croata ai figli di genitori LGBTI nati fuori dalla Croazia, in modo che la nostra lotta non finisca. E a tutti coloro che si preoccupano di come sarà per i bambini delle famiglie arcobaleno – i nostri bambini stanno abbastanza bene, grazie per avermelo chiesto! È una società che deve lavorare sul suo rapporto con i gruppi vulnerabili, dal sistema educativo al discorso nello spazio pubblico, e anche se vediamo che gli atteggiamenti nei confronti di diversi orientamenti sessuali e identità di genere stanno cambiando in meglio, possiamo certamente essere ancora migliori e più solidali gli uni con gli altri.

La Croazia, a livello di diritti civili, ha una legge che tutela le minoranze, approvata nel 2006 e “utilizzata” per la prima volta nel 2007, quando un uomo è stato condannato a 14 mesi di carcere per aver lanciato una molotov alla marcia del Zagabria Pride.

E se il matrimonio tra coppie dello stesso sesso è vietato dalla Costituzione, le coppie gay possono contare sulle unioni civili e anche sulla coabitazione (una forma di convivenza che dopo 3 anni fornisce il diritto ad alcuni benefici). La stepchild adoption è possibile dal 2014, e con l’ultima sentenza anche l’adozione. Ancora impossibile invece la donazione del sangue per gli uomini omosessuali e la GPA (indipendentemente dall’orientamento sessuale).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Katy Perry

Katy Perry torna a lavorare con Dr. Luke per l’album “143” dopo le pesanti accuse di abusi. I fan: “Siamo delusi”

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Angelica Schiatti e Morgan

“Insulti, minacce e revenge porn”: la vicenda tra Angelica e Morgan, Calcutta attacca Warner, terremoto nel mondo della musica

Musica - Emanuele Corbo 10.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
Famiglie Arcobaleno, Corte d'Appello di Venezia "congela" i ricorsi di Padova: "Si pronunci la Corte Costituzionale" - Famiglie Arcobaleno - Gay.it

Famiglie Arcobaleno, Corte d’Appello di Venezia “congela” i ricorsi di Padova: “Si pronunci la Corte Costituzionale”

News - Redazione 11.7.24
CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per la difesa dei diritti - PROTOCOLLO DINTESA CGIL CON LE ASSOCIAZIOINI LGBTQIA 0 - Gay.it

CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la difesa dei diritti

News - Redazione 26.6.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+ - Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunita LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+

Culture - Redazione 8.3.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24