Sasha Velour sul New Yorker: “L’arte drag come antidoto alla vergogna”

Il messaggio speciale dell'artista allə giovani LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
@sashavelour
@sashavelour
2 min. di lettura

Tra leggi anti-trans e allucinanti ban sulle drag queen, negli Stati Uniti non se la passano bene (ma nemmeno noi con la revoca del patrocinio sul Pride da Regione Lazio stiamo all’acqua di rose).

All’alba del Pride Month è fondamentale ricordarci chi siamo, la nostra cultura, e divulgarla ancora più forte di prima.

Per questo personaggi come Sasha Velour sono preziose: protagonista della copertina del New Yorker del 12 Giugno 2023, lə drag queen gender fluid, visual artist, e performer teatrale – vincitrice nel 2017 della nona stagione di Rupaul’s Drag Race – ribadisce il fulcro dell’arte drag, e alla faccia degli spauracchi repubblicani lancia un messaggio di speranza alla comunità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The New Yorker (@newyorkermag)

L’arte drag è un antidoto alla vergogna” dichiara nell’intervista. “È intrattenimento puro, libertà, gioia – e dovrebbe essere per chiunque! Penso che i bambini dovrebbero essere introdotti all’arte drag, non distanziati“.

Velour racconta di un’infanzia passata a truccarsi, travestirsi, e trovando conforto in grandi classici come ‘A Qualcuno Piace Caldo’ o “A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar”. Ancora prima di conoscere la parola ‘drag’.

Negli anni, apprendere di più sul drag e sulle persone trans nel mondo mi ha praticamente salvato la vita. L’espressione queer, incluso il drag, è la prova concreta che una persona può decidere per sé come vestirsi, ballare, agire, vivere.. e trovare comunque successo, o una vita che vale la pena essere vissuta. Il drag ci dimostra che non dobbiamo avere paura di noi stess3.. anzi, dovremmo esagerare le nostre stranezze”.

L’artista spiega al New Yorker che il più grande fraintendimento sulle drag queen è la romanticizzazione degli stereotipò di genere, ma per Valour non è questo l’aspetto rivoluzionario: “L’arte drag è più fondata sulle emozioni, sulla storia, e la bellezza” spiega “Il genere è più una finta, un atto che permette all3 performer e al pubblico di superare i presunti ‘limiti’ del mondo reale, e ci immerge nella fantasia”.

Per Valour i personaggi creati attraverso il drag sono spesso più autentici e personali di quanto ci è permesso nella vita quotidiana: “L’aspetto rivoluzionario è la nostra filosofia priva di stronzate per batterci per quel che conta. Per lottare contro l’odio e per garantire una parità reale nella nostra comunità”.

La performer non perde occasione per lasciare un messaggio positivo alle persone queer più giovani, trasmettendo tutto l’orgoglio e la carica necessarie per questo mese, e tutto il resto dell’anno: “Il mondo sarà anche pieno di persone terribili e non otterrete sempre quello che volete.. ma non lasciatevi mai buttare giù” dice Valour, citando uno dei consigli ricevuti dalla sua famiglia quando era piccola “Anche se dovrete crearvi una famiglia d’adulti, ci sono persone lì fuori che vi amano per chi siete, e vogliono vedervi il più felici possibili. In ogni caso, sappi che io credo in te e tifo per te, diva!”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Continua a leggere

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

News - Redazione 5.2.24
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
brescia pride 2023

“I diritti civili sono apartitici e devono essere garantiti”: il Brescia Pride scalda i motori per sabato 2 settembre – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 1.9.23
salento pride 2024 a Lecce

Salento Pride 2024: il 6 luglio a Lecce

News - Redazione 3.1.24
palermo pride

Palermo Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 20.2.24
Il rosa è solo un colore Claudio Volpe

Bullismo omofobico: ce lo racconta Claudio Volpe nel suo nuovo libro “Il rosa è solo un colore”

Culture - Emanuele Cellini 23.10.23
umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
Giocattoli gender neutral

Finalmente arriva la sezione per giocattoli gender neutral

News - Redazione Milano 4.1.24