La falsa convinzione che l’AIDS colpisca solo gli omosessuali

L'AIDS era stato considerato il "cancro dei gay". Ma erano gli anni '80, la diffusione era appena iniziata. Nel 2019, quasi 40 anni dopo, qualcuno pensa sia ancora così.

aids vaccino anti hiv Giornata Mondiale contro l'AIDS
Nuovi passi in avanti per un vaccino.
3 min. di lettura

Nella Giornata Mondiale contro l’AIDS, in quanti pensano che il virus dell’HIV colpisca solo le persone omosessuali? Troppi. Erano gli anni ’80 quando l’AIDS era considerato il cancro dei gay, perché i primi terribili sintomi e le conseguenti morti si manifestavano principalmente nei membri della comunità LGBT, all’epoca visti come malati e promiscui nei rapporti sessuali.

Quasi 40 anni sono passati, ma c’è ancora questa convinzione. E una serie di conseguenti paure e timori, come ha evidenziato uno studio che dimostra la scarsa ignoranza che si cela dietro al virus dell’HIV.

Peste gay. Flagello di Dio contro gli omosessuali. Questi erano i nomi che inizialmente si davano all’AIDS. Anche in ambito medico, dove il primo nome utilizzato era “Gay Related Immunodeficiency Syndrome (sindrome da immunodeficienza correlata all’essere gay)”.

Per due anni questo è stato il nome ufficiale della malattia, fino al 1982 quando venne ridefinito in “Acquired ImmunoDeficiency Syndrome”, da cui deriva anche la sigla AIDS.

Un po’ di storia sull’AIDS: primi casi nel mondo

Non racconteremo tutta la storia di questo “flagello di Dio“, bensì solo i primi casi, e come hanno portato i medici a pensare che colpisse solo gli omosessuali.

Era il 1980. Presso il Los Angeles Medical Center, il dottor Micheal Gottlieb visita un paziente. Ha 30 anni, gay, bianco, e presenta una polmonite, un’infezione orale causata dal fungo Candida Albicans e una seconda da citomegalavirus. Un caso mai visto prima. Passa un anno e lo stesso dottore visita un paziente affetto dagli stessi virus, anch’esso omosessuale. Sente poi parlare di altri pazienti simili.

Da qui iniziano a classificare la malattia come “sindrome da immunodeficienza correlata all’essere gay“. Nel 1982, ecco le prime infezioni anche in persone eterosessuali. Il nome cambia. In AIDS. Una sola cosa era certa: non c’è una cura. Ma mentre i medici capirono che non riguardava solamente i gay, l’opinione pubblica si era già fatta la sua idea.

Oltre che pervertiti e malati, ora i gay erano anche untori.

Il falso paziente zero: Gaetan Dugas

Non c’è motivo di soffermarsi sui numeri, si è ben consci di quante vittime l’AIDS è responsabile, e quanti danni ha causato la scarsa informazione e l’indifferenza delle istituzioni.

Ad essere additato per anni come paziente zero, è Gaetan Dugas. Si pensava che l’assistente di volo avesse contratto il virus in un Paese sconosciuto, per avere poi rapporti non protetti con persone dello stesso sesso negli Stati Uniti. L’untore numero uno, il primo che ha diffuso il virus, naturalmente in modo involontario. Come c’è una falsa convinzione sull’AIDS, c’è anche un falso paziente zero.

Una ricerca condotta qualche anno fa da da Michael Worobey della University of Arizona e Richard McKay della University of Cambridge, ha confermato che il virus arriva dai Caraibi a New York nel 1970. Non a San Francisco, come si pensava.

In quei 10 anni, il virus ha continuato a trasmettersi, contagiando le persone, etero e omosessuali, a seguito di rapporti non protetti, scambio di siringhe o in generale contatti con sangue e altri fluidi corporei.

Confrontando i primi campioni di sangue infetti raccolti e archiviati tra il 1970 e 1971 (i più vecchi al mondo), i ricercatori hanno potuto confermare che il ceppo presente nel sangue di Gaetan Dugas era lo stesso dei ceppi virali americani dell’epoca. Non era quindi il paziente zero.

Ma per Dugas il problema era doppio. Non era il paziente zero. Ma quello 0 (il numero zero), in realtà era una O (la lettera O). La lettera O era stata inserita per classificare Dugas come Out(side)-of-California“, ovvero che proveniva da fuori la California. Ma era stata letta come il numero, provocando così un errore gravissimo.

Insomma, il paziente O era solo una vittima, ma non l’untore che ha disseminato il virus negli Stati Uniti.

Credits: REUTERS/Ajay Verma

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Elton John al parlamento inglese: "Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030" - Elton John - Gay.it

Elton John al parlamento inglese: “Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030”

News - Redazione 30.11.23
Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l'hiv/aids. L'emozionante discorso - VIDEO - Madonna aids hiv - Gay.it

Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l’hiv/aids. L’emozionante discorso – VIDEO

Musica - Redazione 5.12.23
I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming - film hiv aids - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 27.11.23
1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23
Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
10 persone famose che convivono con l'HIV - 10 persone famose che convivono con lHIV - Gay.it

10 persone famose che convivono con l’HIV

Guide - Federico Boni 29.11.23
"Hiv, ne parliamo?", al via la campagna ispirata a storie vere - HIV. Ne Parliamo - Gay.it

“Hiv, ne parliamo?”, al via la campagna ispirata a storie vere

Corpi - Daniele Calzavara 28.11.23
Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia - cover film hiv aids - Gay.it

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Corpi - Federico Boni 29.11.23