Famiglie Arcobaleno: “Vergognoso e ormai inspiegabile silenzio ai danni dei nostri figli da parte del legislatore”

Lucio Malan di Fratelli d'Italia ha così replicato al presidente della Corte Costituzionale, che ha chiesto al Parlamento una legge sui figli delle coppie dello stesso sesso.

ascolta:
0:00
-
0:00
Famiglie Arcobaleno: "Vergognoso e ormai inspiegabile silenzio ai danni dei nostri figli da parte del legislatore" - Augusto Barbera 4 - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo Giuliano Amato e Silvana Sciarra, nella giornata di ieri anche il nuovo presidente della Corte Costituzionale Augusto Barbera ha espresso pubblicamente rammarico per il mancato intervento del Parlamento sul riconoscimento della doppia genitorialità per i figli e le figlie delle coppie dello stesso sesso, nonostante i numerosi richiami da parte della Corte Costituzionale.

“A fronte di una persistente inerzia legislativa la Corte non può rinunciare al proprio ruolo di garanzia, che include anche il compito di accertare e dichiarare i diritti fondamentali reclamati da una ‘coscienza sociale’ in costante evoluzione”, ha detto Barbera, che ha di fatto invitato il Parlamento a compiere un passo avanti sul riconoscimento dei diritti, perché se l’inerzia del legislatore si dovesse protrarre sarà la Corte stessa a dover intervenire a tutela della Costituzione.

Barbera si è auspicato “sia un intervento del legislatore” che dia seguito alla sentenza Cappato “sul fine vita”, sia un intervento “che tenga conto del monito relativo alla condizione anagrafica dei figli di coppie dello stesso sesso”.

Immediate e immancabili le reazioni.

“Come Associazione Famiglie Arcobaleno da 19 anni chiediamo che la politica si assuma la responsabilità di riconoscere pari diritti e pari dignità ai nostri figli e figlie, e in quest’ottica abbiamo elaborato una proposta di legge insieme all’associazione Rete Lenford”, hanno commentato da Famiglie Arcobaleno. “Per quanti anni ancora i nostri figli e le nostre figlie dovranno subire questo vergognoso e ormai inspiegabile silenzio da parte del legislatore italiano? E quanti ancora dovranno intervenire prima che il Parlamento decida di rispondere a questi illustri suggerimenti?”.

Rete Lenford ha aggiunto.

Dopo un lungo e intenso lavoro con Famiglie Arcobaleno, già nel giugno 2022 abbiamo scritto una proposta di legge con l’obiettivo di estendere a single, a coppie dello stesso sesso e, soprattutto, alle loro figlie e figli, diritti che oggi sono loro negati. Di fronte all’ostinato silenzio del Parlamento, negli scorsi mesi abbiamo lanciato la nostra campagna #affermazionecostituzionale a sostegno di tutte le famiglie omogenitoriali che hanno subito da parte delle Procure la cancellazione del riconoscimento delle proprie figlie e figli: la Costituzione continua a indicare la via a un legislatore sordo e cieco e noi non ci arrendiamo. Vogliamo tornare in Corte costituzionale, per l’uguaglianza di tutte le famiglie. Ce la faremo!”

Finalmente una voce autorevole fa eco alle richieste che ripetiamo da anni senza essere ascoltati, testimoni di un ritardo sempre più inaccettabile e di una noncuranza colpevole, se non proprio aperta ostilità”, ha commentato il presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Mario Colamarino. “I minori e i loro genitori dovrebbero essere tra i primi soggetti tutelati dallo Stato, e invece le famiglie arcobaleno continuano a essere vittime della discriminazione della classe politica. Non si può continuare a chiudere gli occhi anche quando il principale garante dei valori alle radici del nostro Paese esprime le sue preoccupazioni a riguardo”.

“Il Presidente della Consulta Barbera oggi sferza per l’ennesima volta il Parlamento per una legge sul fine vita e una che tuteli i figli della famiglie arcobaleno. Dimostra che i diritti non sono di parte, ma insiti nella Costituzione. La politica ha il dovere di riconoscerli”, ha twittato Alessandro Zan.

Da destra sono invece arrivate le prime critiche. “Con tutto il rispetto, mi hanno insegnato che la Consulta giudica la costituzionalità delle leggi, il Parlamento le fa, e decide quali e quando”, ha cinguettato l’ex senatore leghista Simone Pillon. “Dettare agenda e contenuti ad un altro potere dello Stato non è compito della Corte, pena la morte della democrazia rappresentativa”.

Molto più gravi le parole di Lucio Malan, in quanto presidente del gruppo parlamentari di Fratelli d’Italia al Senato, che pur senza fare il nome di Barbera ha twittato: “Penso che essere stati più volte in Parlamento con il Partito Comunista fin da quando riceveva i soldi dall’Unione Sovietica sia un’assoluta garanzia dell’imparzialità di un giudice“. Parole tremendamente simili a quelle espresse da Pro Vita e Famiglia, che ha così commentato:  “In Italia un comunista diventa Presidente della Corte Costituzionale e ordina al Parlamento di fare quello che il suo Partito non è mai riuscito e non riesce ancora a ottenere tramite elezioni democratiche“.

Famiglie Arcobaleno: "Vergognoso e ormai inspiegabile silenzio ai danni dei nostri figli da parte del legislatore" - Famiglie Arcobaleno - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24

Continua a leggere

Famiglie Arcobaleno alla riscossa in 12 Piazze

Famiglie alla riscossa, festa in 12 piazze in tutta Italia: “Governo ideologico e politica incattivita e populista”

News - Redazione 18.4.24
Scalfarotto: "Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito" - Ivan Scalfarotto e Matteo Renzi - Gay.it

Scalfarotto: “Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito”

News - Redazione 13.3.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” - VIDEO - Roberto Vannacci - Gay.it

Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” – VIDEO

News - Redazione 16.1.24
Roberto Vannacci: "Sono andato in un locale gay, una serata tranquilla". La replica di Flavia Fratello è virale (VIDEO) - Vannacci Flavia Fratello - Gay.it

Roberto Vannacci: “Sono andato in un locale gay, una serata tranquilla”. La replica di Flavia Fratello è virale (VIDEO)

Culture - Redazione 7.3.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24