Forlì in piazza per dire basta all’omofobia dopo le decisioni prese dalla giunta di centrodestra

Sabato pomeriggio tutti in piazza al grido "Forlì non discrimina".

Forlì in piazza per dire basta all'omofobia dopo le decisioni prese dalla giunta di centrodestra - Forlì - Gay.it
< 1 min. di lettura

Ha fatto clamore a livello nazionale l’incredibile decisione della nuova giunta di Forlì, la prima di centrodestra dal secondo dopoguerra, che ha bloccato un’attività formativa finanziata dal Bando Regionale per attività rivolte alla promozione e al conseguimento delle pari opportunità e al contrasto delle discriminazioni e della violenza di genere. Un progetto già finanziato ma clamorosamente cestinato perché “non autorizzato” da un’amministrazione che “aderisce, in coerenza con il programma elettorale, ad un modello di famiglia tradizionale”.

In tal senso sabato 30 novembre è stata organizzata una protesta ufficiale in Piazzetta della Misura dalle 16:00 alle 18:00, al grido “Forlì non discrimina”, per incontrare quella città che non fa selezioni nelle discriminazioni, nelle persone e nei diritti. Un incontro alla luce del sole per raccontare il vero volto di Forlì, città plurale, inclusiva e libera da stereotipi e pregiudizi.

Scegliamo un dettaglio rosso su ognun* di noi, che ci ricordi le gravi ripercussioni della violenza di genere, una forma di discriminazione che non fa selezioni, ma che invece si ripercuote su ogni persona che non calza lo stereotipo assegnato, che affligge tutt* e che può essere combattuta solamente progettando Insieme una società che tuteli tutt* nel rispetto delle diversità.
Un secco sì a cartelloni e striscioni colorati.
Un secco no a simboli di partiti politici.
Un secco no a insulti e violenza.
Solamente noi, Colorati di un amore che non conosce discriminazioni.

“Auspichiamo che la Giunta del Comune di Forlì riveda la sua decisione in merito e autorizzi la formazione creando le condizioni per svolgerla nelle tempistiche idonee”, sottolineano le associazioni LGBT promotrici del progetto cestinato dalla Giunta. “Invitiamo inoltre l’Amministrazione Comunale a partecipare all’attività formativa al fine di soddisfare le recenti perplessità esposte al riguardo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
lesbica aggressione

In Molise botte e insulti a una trentenne perché lesbica, aggressori rinviati a giudizio

News - Francesca Di Feo 4.10.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24