Forum unisce nello stesso caso malattia bipolare e comunità LGBT

Va in scena il processo tra Gabriel e Michela, fratelli adottivi, ma l'attenzione è tutta sull'identità queer del ragazzo, affetto da disturbo bipolare.

Forum unisce nello stesso caso malattia bipolare e comunità LGBT - Forum - Gay.it
2 min. di lettura

A pochi giorni dalla polemica sulle parole di Barbara Palombelli sulle vittime di femminicidio e il rapporto con il loro carnefice, a sua detta da indagare anche in senso alternativo rispetto a quello comune, Forum torna a far parlare di sé. E lo fa con la causa andata in onda martedì 28 settembre, che ha accolto la causa tra due fratelli, Gabriel e Michela, con questa chiamata in giudizio dopo aver respinto la richiesta di soldi da parte del primo.

Protagonista indiscusso del dibattimento è stato appunto Gabriel, adottato da bambino dalla famiglia di Michela, dopo essere rimasto orfano di entrambi i genitori, morti per overdose. Nato da padre afroamericano a Memphis, negli Stati Uniti, Gabriel viene accolto così nella terra natale della madre naturale, l’Italia. Il ragazzo, che sin da piccolo rivendica la libertà dalle etichette legate all’identità di genere e all’orientamento sessuale, si identifica come queer. L’atteggiamento nei confronti del mondo di Gabriel non vengono appoggiati dalla sorella, che rifiuta di sostenerlo economicamente, nonostante i suoi riconosciuti problemi di carattere psichico. Gabriel è infatti affetto da disturbo bipolare maniacale e percepisce una piccola pensione di invalidità, stando alle sue parole insufficiente a garantirgli un tenore di vita adeguato, ed è stato inoltre truffato da un amico. L’astio di Michela nei confronti del fratello, determinato secondo lui da una certa omofobia interorizzata, affonderebbe le radici nel legame strettissimo tra il ragazzo e la madre adottiva, ormai scomparsa, che non avrebbe mai nascosto un affetto maggiore per Gabriel.

Una causa familiare, di quelle che affollano i tribunali di mezzo mondo, che pure ha posto gli interessi in ballo in secondo piano nel corso del talk successivo all’udienza. Come avviene spesso a Forum, infatti, il processo fittizio è solo il pretesto per discutere ad ampio spettro di argomenti di attualità. In questo caso l’identità queer, fatta incrociare però con i temi dell’adozione, ma anche dei disturbi psichici. Un’operazione realizzata sul filo del rasoio, quasi un’indagine anamnestica per comprendere la natura di una persona, che non obbligatoriamente si riconosce unlabeled dopo un trauma o per effetto di una malattia. Pur non essendo mai esplicitato il legame diretto fra i temi, le strette connessioni fanno sì che il risultato finale sia un mappazzone dai contorni indefiniti, che lascia all’indeterminato e allo stereotipo grande campo d’azione.

Il dubbio sulla concreta sincerità nel voler fare chiarezza su temi che riguardano da vicino la comunità arcobaleno è palpabile. Non è sufficiente un servizio di una manciata di secondi, che illustra il significato della sigla LGBTQ+ per sopperire agli eccessi di spettacolarizzazione (uno fra tutti, la performance canora di Gabriel, che percepisce sé stesso come reincarnazione di Aretha Franklin, effetto di un disturbo che non deve offrire motivo di intrattenimento), disseminati nel corso delle due ore di trasmissione. Una libera manifestazione dell’essere, fatta passare senza troppi scrupoli come riflesso di un’alterazione patologica, in una forma di simmetria che svilisce ogni discussione contro lo stigma, sia quello legato alle persone che non si riconoscono come eterosessuali o cisgender, sia quello connesso alle malattie psichiche. Anzi, finisce quasi per rafforzarlo, tra stereotipi e false credenze. Tutto è recitato, nel tribunale tv ciascuno ha un copione: che sia spesso la fantasia a superare la realtà?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Mahmood Nei letti degli altri e l'amore gay

E fu così che Mahmood portò l’amore gay nel mainstream (e nei letti degli altri)

Musica - Mandalina Di Biase 19.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Leggere fa bene

Whoopi Goldberg ringrazia Mahmood e Fiorello in diretta tv USA: "Mi hanno omaggiata" - VIDEO - whoopi goldberg e Mahmood - Gay.it

Whoopi Goldberg ringrazia Mahmood e Fiorello in diretta tv USA: “Mi hanno omaggiata” – VIDEO

Culture - Redazione 14.11.23
Most Ridiculous, arriva la prima trasmissione condotta da Edoardo Zaggia e Alberto Sacco di Rubrichette - EDOARDO ZAGGIA E ALBERTO SACCO - Gay.it

Most Ridiculous, arriva la prima trasmissione condotta da Edoardo Zaggia e Alberto Sacco di Rubrichette

Culture - Redazione 4.10.23
Lukasz Zarazowski

Lukasz Zarazowski, chi è il modello sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 13.1.24
Tutte le serie LGBTQIA+ cancellate nel 2023 - serie cancellate 2023 - Gay.it

Tutte le serie LGBTQIA+ cancellate nel 2023

Serie Tv - Federico Boni 20.12.23
Vittorio Menozzi Gay.it - GF 2023 gallery

GF, quella tossicità di Anita sull’ipotesi che Vittorio sia gay

Culture - Mandalina Di Biase 7.11.23
Sarah Jessica Parker Gay.it

Sex and the City, le 6 stagioni originali arrivano su Netflix. Sarà così anche in Italia?

Serie Tv - Redazione 25.1.24
Classifica terza serata, Sanremo 2024

Sanremo 2024, la top five della terza serata: Angelina Mango conquista il podio. A seguire Ghali e Amoroso

Musica - Luca Diana 9.2.24
Domenico Cuomo, Un professore

Domenico Cuomo, da “Mare Fuori” a “Un professore”: è lui la nuova star della GenZ

Culture - Luca Diana 30.11.23