Francesca Barra vs. Gabriel Garko: “Chieda scusa per i soldi sporchi fatti alle spalle dei fan” – poi le scuse

Prima durissima nei confronti di Gabriel Garko e del suo coming out, poi più tiepida. Francesca Barra ha così scatenato reazioni social.

Francesca Barra vs. Gabriel Garko: "Chieda scusa per i soldi sporchi fatti alle spalle dei fan" - poi le scuse - barra vs garko - Gay.it
2 min. di lettura

Il coming out di Gabriel Garko ha suscitato molteplici reazioni. Applausi e complimenti, ma anche critiche, spesso aspre. Dopo Selvaggia Lucarelli, che aveva accusato Garko di aver rastrellato 60.000 euro tra Grande Fratello Vip e Verissimo per dichiararsi al pubblico italiano, e la piccata replica dell’attore, anche Francesca Barra, giornalista nonché moglie di Claudio Santamaria, ha duramente criticato il divo.

Barra ha ricordato un episodio vissuto in prima persona, con Gabriel ospite di uno studio tv insieme a lei, scatenando un’infinità di reazioni sui social.

E a proposito di finzione, visto che ero in studio da Chiambretti quando lui e ADUA hanno messo in scena un teatrino sul matrimonio, vorrei dire che siccome c’è chi guadagna sul prendere in giro il pubblico (non lo fa sotto ricatto o con un coltello alla gola o lavorando in miniera), sarebbe interessante chiedere scusa per quei soldi SPORCHi perché macchiati di bugie alle spalle dei fan e di chi crede in loro e in storie d’amore. Non per quelli che prende oggi, nei luoghi e programmi dove finalmente racconta la verità e fa il suo lavoro: Ovvero uomo di spettacolo.

Parole pesanti, quelle condivise dalla giornalista, tanto da portarla a cancellare il post incriminato e a chiedere scusa.

Ho cancellato il mio post di “pancia”, perché non è da me infierire. Ho detto tutto ciò che penso sulla confessione di Garko e mi sento a disagio. È vero: mi infastidisce quando si guadagna prendendo in giro il pubblico e quando si continua a raccontare una mezza verità denunciando un sistema solo per promuovere o giustificare se stessi e non per mutare davvero le cose. Non aiuta chi combatte le battaglie contro la discriminazione e non mette in guardia fino in fondo. Ma difronte ad un uomo che soffre, che piange, che probabilmente si è pentito di tutto, proprio io non posso alimentare commenti o offese di odiatori. Spero che il valore della libertà possa continuare a prevalere sulla menzogna e sui ricatti. Ecco, ora mi sento più in pace e allineata con la mia natura.

Peccato che Francesca Barra sbagli ancora una volta. Perché checché se ne dica quel mostro chiamato ‘Sistema’, che spesso costringe persone LGBT a tacere la propria reale natura pur di lavorare e fare carriera, influisca su non poche categorie, quando abbraccia la nostra comunità. Sarà un caso se non esistono calciatori professionisti  gay dichiarati in tutti i principali campionati europei? Certamente no, è statisticamente impossibile. Ma come verrebbero ‘accolti’, questi calciatori, da un mondo calcistico ancora oggi maledettamente omofobico? Quello è il Sistema.

Lo stesso ‘sistema’ che obbliga cantanti, donne e/o uomini che siano, a tacere verità, a inventare storie d’amore, a partorire interviste surreali, perché frenati da etichette discografiche e da un insostenibile luogo comune che vorrebbe le loro carriere precipitare, dopo un eventuale coming out (ma così non è, citofonare Tiziano Ferro). Lo stesso ‘sistema’ che vede divi persino hollywoodiani costretti in ruoli unicamente LGBT, dopo aver coraggiosamente gettato la maschera. Quel ‘sistema’, che non ha un unico nome e cognome da poter pubblicamente denunciare perché abbraccia l’intera società e una sfilza di professioni a cascata, lo si può abbattere unicamente attraverso la rappresentatività. Ecco perché Francesca Barra sbaglia, ancora, nello scrivere che un discusso coming out come quello di Garko non aiuterebbe a cambiare davvero le cose. Non è propriamente così. Quel sistema si demolisce attraverso la visibilità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Patrizio Bucher 11.11.20 - 15:35

Concordo pienamente pure io. "Cara" Francesca, la tua affermazione equivale esattamente con il dire che gli attori etero, che hanno interpretato un personaggio gay, devono chiedere scusa a tutti i gay perché li hanno illusi e gli attori etero hanno fatto soldi sporchi in questo senso!!! Su questo non ci piove. Sei solo omofoba e non arrivi a capire che: 1. Un attore è un attore. 2. L'omofobia, ancora diffusissima, lo era ancora di più trent'anni fà e un coming out avrebbe tagliato di netto la carriera di un eccellente attore come Gabriel. Resta ancora da vedere (e ne sono scettico) se la sua carriera, dopo il coming out, continuerà. "Grazie omofobi" Evviva la legge ZAN!

Avatar
maschioroma 5.10.20 - 10:55

Concordo pienamente con l'articolo. Gli omofobi hanno creato questo sistema in cui tutti devono essere etero per forza poi quando si scopre che c'è tutto un mondo che si finge etero, si scandalizzano. Ipocriti e falsi fino al midollo.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Leggere fa bene

Sarah Paulson: "Ryan Murphy mi ha dato una carriera, e ora è mio amico prima di ogni altra cosa" - Sarah Paulson AHS - Gay.it

Sarah Paulson: “Ryan Murphy mi ha dato una carriera, e ora è mio amico prima di ogni altra cosa”

News - Redazione 19.4.24
Peppi Nocera coming out La Badante shitstorm

Il coming out non è solo gay, Peppi Nocera travolto dalle polemiche dopo la nostra intervista

Culture - Redazione Milano 22.1.24
Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo - Sessp 26 - Gay.it

Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo

Culture - Federico Colombo 7.2.24
Belve 2024, torna Francesca Fagnani. Ecco gli ospiti delle prime 2 puntate. Da Loredana Bertè a Salvini - Belve - Gay.it

Belve 2024, torna Francesca Fagnani. Ecco gli ospiti delle prime 2 puntate. Da Loredana Bertè a Salvini

Culture - Redazione 29.3.24
CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: "Due papà gay e un bambino in tutù". VIDEO - CoComelon Lane - Gay.it

CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: “Due papà gay e un bambino in tutù”. VIDEO

Serie Tv - Redazione 22.12.23
Un Professore 2 parte bene battendo Zelig. Ecco che succederà nelle prossime due puntate - un professore 2 1 - Gay.it

Un Professore 2 parte bene battendo Zelig. Ecco che succederà nelle prossime due puntate

Serie Tv - Redazione 24.11.23
Lukasz Zarazowski

Lukasz Zarazowski, chi è il modello sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 13.1.24
Sean Gunn, il nuotatore olimpico fa coming out. "Mai stato così felice" - Sean Gunn - Gay.it

Sean Gunn, il nuotatore olimpico fa coming out. “Mai stato così felice”

Corpi - Redazione 20.3.24