Giappone, sì all’autodeterminazione delle persone trans da parte della Corte Suprema

È incostituzionale la legge del 2003 che impone la chirurgia: "Tutti i cittadini devono essere rispettati come individui".

ascolta:
0:00
-
0:00
giappone-corte-suprema-diritti-trans
2 min. di lettura

In una mossa storica che potrebbe avere ripercussioni significative non solo a livello nazionale ma anche internazionale, la Corte suprema del Giappone ha recentemente dichiarato incostituzionale una legge del 2003 sulla transizione di genere.

La legge, che imponeva alle persone transessuali di sottoporsi all’intervento chirurgico per poter modificare il proprio genere sui documenti anagrafici, richiedeva anche una patologizzante diagnosi formale di “disturbo dell’identità di genere da parte di un professionista medico – un po’ come accade qui in Italia.

La Corte suprema ha giudicato il regolamento in contrasto con l’articolo 13 della Costituzione giapponese, che afferma: “Tutti i cittadini devono essere rispettati come individui“.

È importante evidenziare che in Giappone la Corte suprema raramente dichiara una legge come incostituzionale, il che rende questa sentenza particolarmente significativa. Si tratta inoltre del primo caso in cui la Corte si è espressa su una questione specificamente legata ai diritti delle persone transgender. 

La sentenza è stata accolta con favore da numerosi gruppi per i diritti civili e organizzazioni LGBTQIA+, così come da medici e professionisti del settore sanitario che avevano precedentemente criticato le complesse procedure per l’affermazione di genere.

In base a dati ufficiali, circa 12.000 individui in Giappone hanno dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico, come previsto dalla legislazione del 2003.

Sebbene oggi la sentenza sia un forte segnale, il parlamento giapponese deve ancora modificare la legge per conformarsi alla decisione della Corte. Tuttavia, c’è un’aspettativa generalizzata che il Parlamento agirà in tal senso, visto l’importante peso giuridico e morale della sentenza.

La situazione dei diritti LGBTQIA+ in Giappone

Mentre la recente sentenza della Corte suprema è senza dubbio un passo avanti significativo per i diritti delle persone trans nel paese, è importante inserirla nel contesto più ampio della situazione dei diritti LGBTQIA+ in Giappone.

Il Giappone è spesso percepito come una società conservatrice, soprattutto quando si tratta di questioni di genere e sessualità. Tuttavia, negli ultimi anni, si è registrato un incremento delle iniziative per il riconoscimento dei diritti LGBTQIA+.

Recentemente, il Giappone ha introdotto infatti le unioni civili tra persone dello stesso sesso, anche se a livello nazionale non è ancora stato riconosciuto il matrimonio egualitario. Inoltre, sono in aumento le campagne di sensibilizzazione e le iniziative educative volte a combattere la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

Nonostante questi progressi incoraggianti, numerose sfide rimangono irrisolte. Tra queste, la discriminazione sul posto di lavoro e nel contesto scolastico continua a essere un problema endemico. Un elevato numero di giovani appartenenti alla comunità LGBTQIA+ in Giappone riporta di essere stato vittima di bullismo, mentre le risorse destinate al sostegno psicologico e medico sono frequentemente inadeguate.

La decisione della Corte suprema potrebbe però costituire un autentico punto di svolta.

Questa sentenza non solo rimuove un significativo ostacolo per le persone transgender, ma potrebbe anche fungere da catalizzatore per ulteriori riforme e una maggiore accettazione delle identità LGBTQIA+.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè) - Kylie Minogue - Gay.it

Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè)

Musica - Federico Boni 15.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
JD Vance vice Donald Trump

Chi è JD Vance, vice di Trump, estremista anti-LGBTI e anti-aborto, è contro matrimonio egualitario e affermazione di genere dei minori

News - Redazione Milano 16.7.24

Continua a leggere

report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
Parigi 2024, l'atleta trans e non binary Nikki Hiltz parteciperà alle Olimpiadi - Nikki Hiltz 2 - Gay.it

Parigi 2024, l’atleta trans e non binary Nikki Hiltz parteciperà alle Olimpiadi

Corpi - Redazione 2.7.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Hunter Schafer - ruoli trans

Hunter Schafer non vuole recitare soltanto come donna trans e ha ragione

Cinema - Mandalina Di Biase 4.4.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
studio-persone-transgender-gender-non-conforming

Le terapie di affermazione di genere migliorano la qualità della vita del 98% delle persone transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 27.2.24