Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it

Il designer di GCDS premiato a Londra: "Quelle risate e quegli applausi al senato fanno male a noi, e fanno male all'Italia intera. Ma molti italiani hanno preso coscienza"

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - COVER 6 960x640 1 - Gay.it
6 min. di lettura

Giuliano Calza è certamente uno dei nuovi pionieri della cultura LGBTQ nella moda internazionale. Con la sua estetica pop, ha sempre dimostrato attenzione all’inclusività; e ci fa impazzire la sua leggerezza colorata, talvolta dissacrante, con la quale ha contribuito a celebrare la diversità della comunità queer.
Venerdì 19 Novembre 2021, al Magazine London, la sede gemella di Printworks nel cuore di Londra, Giuliano ha vinto il Gay Times Honour for Fashion Fighter, premio assegnato a chi si batte per l’inclusività LGBTQ+ e la rappresentazione nell’industria Fashion.
Giuliano, originario di Napoli, ha fondato il brand GCDS insieme al fratello nel 2015, creando un marchio di street wear innovativo, dalla forte e visibile fluidità, nello stile e nella comunicazione; una visione positiva, fresca, disincantata, dalla quale traspare una gaia genuinità, alla quale non siamo abituati, nell’universo moda, dominato troppo spesso dalle leggi del marketing e dell’esclusività costruita a tavolino.

Abbiamo incontrato Giuliano Calza per raccontare tutto ai lettori di Gay.it

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - WPoH61Id - Gay.it
@Giuliano Calza

Che significato ha per te questo premio e perché pensi te l’abbiano dato?
Sono molto felice di rappresentare l’Italia, leggendo le testate internazionali traspare troppo spesso che siamo un paese di omofobi, mentre si può dire che siamo stati i primi, vedi Milano, ma non solo, a portare avanti, con la nostra cultura e con le numerose discipline artistiche, tante personalità della comunità LGBTQ.
Credo anche che, come quasi sempre succede, l’Italia sia molto lenta nel comprendere cosa stia succedendo e quali siano i cambiamenti della società, compresa quella italiana, mentre il mondo anglosassone è sempre più scaltro nel cavalcare le nuove onde: io, per quanto mi riguarda, ho sempre celebrato la diversità. Nella mia estetica ho  inserito artisti, trans, gay, gay icon. mi viene naturale, e c’è molto poco di marketing, ma tanto della mia cultura e visione personali.
Le persone cercano valori da rappresentare nelle aziende e qui da me per fortuna non c’è bisogno di crearli. Nel nostro marchio ho messo il mio vissuto di ragazzo talvolta maltrattato per la sua diversità, messo da parte per la mia omosessualità. Ho compiuto, come noi tutt*, un lungo percorso di accettazione. Così, quando oggi vedo arrivare Teddy Quinlivan (modella transgender ndr) in showroom e indossare un body, sono io a dire “Hey, questa deve essere la ragazza che aprirà lo show”, e non mi interessa neanche dichiararlo, per me è una cosa normale e il mio messaggio deve essere capito dagli altri; nella vita privata diventiamo facilmente amici, perché ci troviamo a parlare la stessa lingua, non si tratta soltanto di lavoro.

Nord-Sud-Ovest-Est, giallo-nero-bianco, grosso-magro-alto-basso, bello-brutto-forte-debole, tutt* finalmente hanno cittadinanza, anche nei tuoi casting. Che meraviglia! Cosa ha significato per il tuo marchio lavorare sulle nuove rivendicazioni del contemporaneo?
Penso che il non capire o il non voler rappresentare la varietà delle persone sia un sintomo di ignoranza, nella mia vita ho avuto tante esperienze all’estero, ho studio in Cina, vissuto nei college con ragazzi di qualsiasi nazionalità e punti di vita indipendenti dalla cultura e dalla sessualità e quindi per me è un pò come celebrare la mia storia personale e tutte le persone, le facce che ho incontrato e i canoni di bellezza che a me piace rivedere nelle persone.
Penso che se ho la possibilità di parlare al mondo, se posso mandare un messaggio, ritengo sia mio compito ribaltare il concetto di casting tradizionale fatto di modelle tutte famose e magre, e rappresentare la comunità di persone che sta dietro al nostro marchio, i consumatori, perché – se posso dirlo – questo marchio nasce proprio dalla spontaneità, è una traiettoria non studiata.

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - FOTO ARTICOLO 1 - Gay.it
GCDS ha un’ecommerce strutturato per tre categorie di utenti: Uomo, Donna, Them

Gay significa gaio. Non pensi che ce ne dimentichiamo un po’ troppo stesso?
Credo che oggi anche nella moda manchi il divertimento, la possibilità – come invece è stato per me – di fare un prodotto divertente e di semplice comprensione; ognuno può essere ciò che vuole , c’è a chi piace mettere i tacchi, chi vuole vestirsi solo di nero, ognuno può essere chi vuole.
In questo momento storico il messaggio che dobbiamo mandare è questo, la moda deve essere divertimento, gaia, e noi queer, che siamo i portavoce di quasi tutte le tendenze che nascono e che poi diventano mainstream, abbiamo sempre voglia di cambiare, di travestirci, di giocare a “gira la moda”; è come se il divertimento fosse esattamente ciò di cui la moda ha bisogno, e noi siamo qui proprio per questo.

Un tuo commento all’applauso con il quale il senato ha festeggiato l’affossamento del ddl zan. Che sensazione hai avuto?
Mi sono sentito un po’ sconfortato, non solo per il DDL Zan. Quell’applauso non mi fa sentire rappresentato, e penso a quante altre decisioni quelle persone in parlamento prendono a nome mio, persone che – che come si è visto – dimostrano ignoranza e completa mancanza di contatto con la realtà e con il cambiamento politico in atto. Tutto ciò può portarci in situazioni gravi quanto il naufragio del DDDL Zan anche su temi come economia e integrazione. Credo che con quell’applauso al senato molti italiani abbiano preso coscienza. Quelle risate e quegli applausi fanno male a noi, e fanno male all’Italia intera.

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - image 6487327 17 2 - Gay.it
Sistema moda e vecchi schemi di esclusione: ti senti uno di quelli che sta rendendo la moda più democratica?
Più che democratica, credo di voler avere la possibilità di collaborare con tante persone, nuovi fotografi, dare accesso a persone che hanno semplicemente una diversa conformazione fisica, o idee differenti; certo,  naturalmente è sempre un business e mi rendo conto che anche io spesso devo seguire delle regole che forse andrebbero cambiate da chi ha molto più potere di me, ma perché no, spero fra dieci anni di avere il potere per fare davvero la differenza.

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - IMG 5387 - Gay.it

Sui social condividi molto della tua vita personale, privata, affettiva. Quanto è importante il personal brand per te?
In verità una cosa che mi sta stretta e che odio in questo periodo è il branding dei social, condivido perché mi viene naturale e anche per dimostrare che chi ha comunque un posto d’onore nel fare questo lavoro ha anche una vita molto normale e può fa vedere anche ad un ragazzino di 17 anni che si può diventare successfull anche se sei omosessuale e hai una vita diversa dagli altri; penso anche che il brand non sia incentrato sulla mia persona e quindi questa libertà mi lasci la possibilità di respirare e far crescere il brand senza preoccuparmi di quello che faccio e quello che sono. I social sono per me uno strumento di comunicazione su quello che faccio, in maniera molto reale, anzi spesso non faccio nulla per giorni perché proprio non mi va.

Modelli femminili di riferimento? Icone?
Naturalmente sono cresciuto con le icone della maggior parte dei ragazzi gay, da Britney, Cher, Madonna, oggi però nel mio lavoro quando penso ad un’icona penso alle mie amiche, alle ragazze con le quali sono cresciuto, alle donne che ho incontrato per il mondo e che mi hanno fatto desiderare di creare per loro un abito; come per la stessa Orietta (Berti ndr), quando mi è stato chiesto di disegnare i suoi abiti per Sanremo è stato super stimolante.

Giuliano Calza vince il Gay Times Honour for Fashion Fighter e si racconta a Gay.it - unnamed 2 - Gay.it
Dua Lipa indossa la t-shirt Homo di GCDS

Se dovessi fare una t-shirt dedicata ai lettori di Gay.it, cosa ci scriveresti?
Una volta ho fatto una t-shirt dedicata all’orgoglio gay con la scritta Homo su glitter, indossata anche da Dua Lipa al Gay Pride; probabilmente scriverei Gay.it , lo trovo così iconic come brand che mi piacerebbe lasciarlo intatto, un pò come Barilla.

https://www.instagram.com/giulianocalza/

https://www.instagram.com/GCDSWEAR/

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
Becoming Karl Lagerfeld, il full trailer italiano racconta anche la storia d'amore con Jacques de Bascher - Disney Becoming Karl Lagerfeld Daniel Bruhl Theodore Pellerin - Gay.it

Becoming Karl Lagerfeld, il full trailer italiano racconta anche la storia d’amore con Jacques de Bascher

Serie Tv - Redazione 26.4.24
BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer - Sessp 29 - Gay.it

BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer

News - Federico Colombo 8.2.24
Marcelo Burlon

Marcelo Burlon lascia il suo brand per godersi suo marito, i suoi cani e le nuove attività

Lifestyle - Redazione Milano 23.4.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24