Golden Globe 2023, Ryan Murphy riceverà il premio alla carriera televisiva

La Hollywood Foreign Press Association celebra il produttore più potente della tv a stelle e strisce.

ascolta:
0:00
-
0:00
Golden Globe 2023, Ryan Murphy riceverà il premio alla carriera televisiva - Golden Globe 2023 Ryan Murphy ricevera il premio alla carriera televisiva - Gay.it
2 min. di lettura

Il Carol Burnett Award è il Golden Globe alla carriera televisiva, nato nel 2019 ed intitolato a Carol Burnett, prima vincitrice seguita nel 2020 da Ellen Degeneres e nel 2021 da Norman Lear. Perso per strada il 2022, anno in cui i Golden Globe sono andati incontro al totale boicottaggio di Hollywood, il Carol Burnett Award del 2023 andrà a Ryan Murphy, ovvero l’uomo più potente e ricco della tv a stelle e strisce, mr. 300 milioni firmati Netflix pronto a passare a Disney+ dinanzi ad un’eventuale offerta ancor maggiore, felice sposo dal 2010 dell’amato David Miller.

Murphy è stato nominato per cinque volte ai Golden Globe come produttore, grazie ad American Horror Story: Coven, The Normal Heart, American Horror Story: Hotel e Feud. Nel 2017 l’unico trionfo, grazie a The People v. O. J. Simpson: American Crime Story, senza dimenticare Dahmer, appena candidato a 4 Golden Globe, compreso quello come miglior miniserie tv.

Diversi attori, nel corso degli anni, hanno inoltre vinto i Golden Globe per aver preso parte a progetti targati Murphy, tra cui Lady Gaga per AHS: Hotel, Sarah Paulson per The People v. O.J. Simpson, MJ Rodriguez per Pose, Darren Criss per L’assassinio di Gianni Versace, Chris Colfer per Glee, Matt Bomer per The Normal Heart, Jane Lynch per Glee e Jessica Lange per American Horror Story.

Ryan Murphy non solo continua ad affascinare il pubblico con il suo lavoro e alcune delle serie più elettrizzanti ed emozionanti del secolo, ma continua anche ad ispirare tutti con il suo lavoro fuori dallo schermo“, ha dichiarato la presidente dell’HFPA Helen Hoehne. “Il suo lavoro e la sua capacità narrativa in diversi generi cinematografici e televisivi hanno portato a premi e risultati molto acclamati“.

Il premio alla carriera Cecil B. DeMille, riconoscimento di stampo cinematografico, sarà invece assegnato ad Eddie Murphy, in passato sei volte candidato ai Golden Globe e una volta uscito trionfatore grazie a Dreamgirls, come miglior attore non protagonista in un musical.

Le nomination ai Golden Globe del 2023 sono state annunciate la scorsa settimana, con candidati queer come Aubrey Plaza per The White Lotus, Emma D’Arcy per House of the Dragon, Hannah Einbinder per Hacks, Jeremy Pope per The Inspection e Niecy Nash per Dahmer – Monster: The Jeffrey Dahmer Story. A presentare la cerimonia del prossimo 10 gennaio, che tornerà su NBC e in streaming su Peacock dopo un anno a telecamere spente, sarà il comico Jerrod Carmichael, gay dichiarato da pochi mesi.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

Russell T Davies spiega perché gli attori gay dovrebbero essere scelti per interpretare personaggi gay - Russell T Davies - Gay.it

Russell T Davies spiega perché gli attori gay dovrebbero essere scelti per interpretare personaggi gay

Culture - Redazione 17.10.23
Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album - settembre queer - Gay.it

Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album

Culture - Federico Boni 6.9.23
Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel” - Ken di Barbie e gay 2 - Gay.it

Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel”

Cinema - Redazione 27.11.23
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Joker: Folie à Deux , ecco Lady Gaga e Joaquin Phoenix nelle nuove immagini ufficiali - Joker 2 Folie a Deux - Gay.it

Joker: Folie à Deux , ecco Lady Gaga e Joaquin Phoenix nelle nuove immagini ufficiali

Cinema - Redazione 27.12.23
BAFTA 2024, le nomination. Boom per All Of Us Strangers, ci sono Colman Domingo, Elordi, Keoghan e Mescal - Bafta 2024 - Gay.it

BAFTA 2024, le nomination. Boom per All Of Us Strangers, ci sono Colman Domingo, Elordi, Keoghan e Mescal

Cinema - Federico Boni 18.1.24
300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: "Sarà omoerotico e super sessuale" - 300 1 - Gay.it

300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: “Sarà omoerotico e super sessuale”

Cinema - Redazione 5.12.23
Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: "Non sarei quello che sono senza l’arte queer" - Cannes 2024 Lukas Dhont presidente di giuria della Queer Palm - Gay.it

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: “Non sarei quello che sono senza l’arte queer”

Cinema - Federico Boni 21.2.24