Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna

È riuscito a far modificare il regolamento interno dell'azienda.

Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna - gonna - Gay.it
2 min. di lettura

Joey Barge, un ventenne del Backinghamshire che lavora in un call center, ha risposto in modo geniale al divieto di indossare pantaloncini sul lavoro.

Negli scorsi giorni Joey a causa del caldo è andato a lavoro in pantaloncini ma la sua azienda gli ha chiesto di tornare a casa a cambiarsi, ritenendo gli shorts non consoni al luogo di lavoro.

Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna - Screen Shot 2017 06 21 at 17.45.15 - Gay.it Il giorno dopo Joey è tornato a lavoro indossando un abito con la gonna, per sottolineare la discriminazione imposta agli uomini, costretti a coprirsi molto più delle loro colleghe anche nelle giornate più torride.

Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna - Dress Man Office - Gay.it

Da quello che si apprende ora nel call center in cui lavora Joey nelle giornate particolarmente calde gli uomini possono indossare pantaloni a 3/4, purché siano neri, blu o beige. Niente colori eclatanti insomma.

Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna - Screen Shot 2017 06 21 at 17.44.53 - Gay.it

Il ragazzo ha documentato tutto Twitter, pubblicando le varie fasi della sua protesta.

Cacciato dal lavoro perché indossa i pantaloncini, ci torna in gonna - Screen Shot 2017 06 21 at 17.45.03 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anto Salerno 22.6.17 - 11:09

Quest episodio mi fa' venire in mente quando fui cacciato dalla università di Salerno per lo stesso motivo.. Dovevo convalidare un semplice laboratorio didattico, non si trattava di un esame ..e il prof mi invito' a ritornare dopo essermi andato a cambiare... Scrissi al rettore , preside di facoltà ma il prof fu appoggiato dai suoi colleghi , i giornalisti invece scrissero tanto per.. Ma niente di che.. Dovetti subire l imbarazzo e l umiliazione davanti a tutti e tornarmene a casa.. Cmq le regole vanno rispettate quando sono eque e non discriminatorie... Se ingiuste vanno cambiate come ci insegna la storia a favore dei diritti delle donne discriminate a lavoro lo stesso dovrebbe essere per i maschi.. Si cambiano le regole cosi come e stato fatto per le donne.. Ricordo mia nonna non ha mai indossato un pantalone in vita sua.. La donna doveva portare la sottana ricamata da sotto la gonna nera sino alle ginocchia.. Oggi invece una donna con la sottana come si portava una volta e' scandalosa..

Avatar
Rocco Smith 22.6.17 - 10:18

Ottimo risultato e complimenti al coraggio. Le regole si fanno e se non sono corrette o se discriminano si cambiano. Un plauso anche all'azienda che ha saputo riconoscere la discriminazione. Stupido è il comportamento di chi pensa che le regole vanno rispettate sempre e comunque.

Avatar
Giovanni Di Colere 22.6.17 - 10:08

Io la penso diversamente: le regole vanno rispettate. Accetteremmo che un omofobo non rispetti una legge contro l'omofobia perché non è d'accordo, una volta che fosse approvata? Il codice di abbigliamento in azienda lo fa l'azienda, così come noi lo facciamo a casa nostra. E' proprio stupido, un boomerang chiedere una legislazione dei diritti, che sono regole a nostra tutela e poi non rispettare le regole.

    Avatar
    Anto Salerno 22.6.17 - 10:59

    Le regole per essere rispettate devono essere giuste... Cosa cazzo c entra l omofobia e i diritti lbgbt... I diritti LGBT garantiscono pari diritti a tutti e non tolgono niente a nessuno.. In questo caso invece vi e discriminazione del genere maschile e non e una regola equa.. Io mi sono sempre battuto per i diritti delle donne e contro il maschilismo di stampo catto fascista .. Ma I DIRITTI devono essere uguali e proporzionati..

      Avatar
      Giovanni Di Colere 22.6.17 - 11:55

      C'era una regola aziendale sull'abbigliamento accettato e ritenuto rispettoso dell'ambiente lavorativo non c'era un codice che prevedeva l'apartheid. Le regole si rispettano. Se non si condividono si fanno cambiare ma noon si violano.

        Avatar
        Rocco Smith 22.6.17 - 12:06

        La persona in questione non ha violato nessuna regola. Ha indossato una gonna. Esiste una regola che lo vieta? E comunque le regole si cambiano con coraggio e determinazione, anche violandole. Chiaro il concetto?

          Avatar
          Giovanni Di Colere 22.6.17 - 14:24

          Se mi risponde così significa che Lei non ha letto attentamente la notizia. Il ragazzo è andato in pantaloncini corti e l'azienda ha previsto un dress code preciso. Ha violato una regola: il regolamento lo stabilisce l'azienda. Poi un conoscente gli ha consigliato di andare in gonna così formalmente non avrebbe violato il regolamento. In effetti è stata una mossa intelligente. Ma avrebbe dovuto e potuto fare diversamente: chiedere di cambiare il regolamento e non violarlo.

          Avatar
          Rocco Smith 22.6.17 - 19:04

          Dammi pure del tu... non essere ridicolo. La notizia l'ho letta molto attentamente, forse ho letto con superficialità il tuo superficiale commento. Nessuno discute la facoltà di un'azienda di stabilire un regolamento interno, possibilmente regolato da un contratto. Tuttavia l'azienda sapeva molto bene che se il dipendente l'avesse citata in giudizio, con ogni probabilità avrebbe perso visto che la "regola" è discriminatoria... tant'è che la "regola" l'ha cambiata mettendo nero su bianco un dress code per i pantaloni corti. Ci sono un sacco di sentenze in favore dei lavoratori per questioni di questo tipo. Diverso sarebbe stato se il dipendente avesse avuto un ruolo di rappresentanza e/o un contatto fisico con i clienti. Se vuoi proseguire il discorso ti chiedo gentilmente di documentarti meglio... per piacere. Le regole sbagliate si cambiano con una civile disobbedienza perché chiedere per favore non basta... o forse basta nel tuo mondo.

          Avatar
          Giovanni Di Colere 23.6.17 - 8:55

          La ringrazio. Buona giornata.

        Avatar
        Rocco Smith 22.6.17 - 12:18

        Come pensi che si siano combattute le discriminazioni razziali negli stati uniti? Ti dice nulla il nome di Rosa Parks?

          Avatar
          Giovanni Di Colere 22.6.17 - 14:25

          Ma cosa c'entra: si tratta di un codice di abbigliamento deciso da una azienda. Che è libera di decidere a casa sua e così prevede la legge.

    Avatar
    Antonio Magno 22.6.17 - 14:34

    Sarebbe vero ciò che scrivi se anche alle donne s'imponessero gonne sotto al ginocchio e scarpe senza tacco.

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia! - Grecia Mamma Mia - Gay.it

Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia!

News - Redazione 4.3.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24

Hai già letto
queste storie?

Noen Eubanks genz tiktok eboy

Noen Eubanks, chi è l’e-boy della GenZ che sbanca TikTok e piace alla moda

Lifestyle - Redazione Milano 8.12.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
Maurizio Landini

CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

News - Redazione Milano 5.10.23
donne-lesbiche-guadagnano-di-piu

Le lesbiche guadagnano di più delle donne etero a causa degli uomini

News - Francesca Di Feo 10.1.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
world-economic-forum-lgbt-politiche-inclusive

World Economic Forum, le politiche inclusive fanno bene al business

News - Francesca Di Feo 19.1.24
lavoro lgbt diversity inclusion coppia lesbica.jpg

Lavoro, a che punto sono le aziende italiane in tema di inclusione della diversità?

News - Francesca Di Feo 29.11.23