Legge contro l’Omofobia, Pro Vita all’attacco: “È in gioco la nostra libertà”

Jacopo Coghe di Pro Vita grida al bavaglio. Ma l'unica libertà in gioco è la nostra. La libertà di essere chi siamo. Nessuno può sentirsi libero di diffamare, istigare all'odio e alla violenza.

Legge contro l'Omofobia, Pro Vita all'attacco: "È in gioco la nostra libertà" - Legge contro l’Omofobia - Gay.it
2 min. di lettura

Alessandro Zan, primo firmatario e relatore della proposta di legge contro l’omotransfobia, ha ieri sera annunciato che lunedì 30 marzo (e non il 31, come dal deputato Pd erroneamente detto) inizierà alla Camera dei Deputati la discussione della legge.

La conferenza dei gruppi parlamentari di Montecitorio ha stabilito che il prossimo 30 marzo il ddl contro l’omotransfobia, di cui sono relatore, arriverà in Aula per la discussione generale. Come maggioranza, anche con il contributo di alcuni parlamentari d’opposizione, da ottobre in commissione giustizia stiamo facendo un ottimo lavoro per arrivare a un testo base, che presenteremo a breve, efficace ed equilibrato, che tiene in considerazione tutte le proposte di legge depositate nel merito. La calendarizzazione in Aula è un’ottima notizia, perché significa che il Parlamento ha recepito l’urgenza che arriva dal Paese di approvare una norma di contrasto all’odio, che negli ultimi tempi ha registrato una vera e propria escalation di violenza. Ci aspetta nel prossimo mese un lavoro serrato in commissione, per approvare il testo entro il 30 marzo e poter far approdare il ddl in Aula.

Una notizia che ha immediatamente scatenato gli ultra-cattolici d’Italia come Jacopo Coghe, vice presidente del XIII Congresso Mondiale delle Famiglie, fondatore a attualmente vicepresidente di Pro Vita & Famiglia, organizzazione che promuove la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna. Padre di 4 figli, Coghe ha tuonato sui social: Omotransfobia, calendarizzato al 30 marzo l’esame della proposta di legge Zan alla Camera dei Deputati. È in gioco la libertà di ognuno di noi!!“.

Per ‘libertà’, incredibile ma vero, costoro intendono la ‘libertà’ di insultare, diffamare, istigare all’odio e indirettamente alla violenza contro le persone LGBT. Questa sarà la leva che tutti gli omofobi d’Italia, soprattutto quelli istituzionali, adopereranno per infangare il DDL Zan, trincerandosi dietro l’ipotesi di chissà quale ‘bavaglio’, che noi persone LGBT vorremmo metter loro.

Peccato che l’articolo 21 della Costituzione, che garantisce la libertà di espressione, si fermi laddove questa libertà di espressione produca un elemento di pericolo nei confronti della dignità e dell’incolumità delle persone. Quando questa espressione travalica la libertà e l’incolumità e la dignità di una persona, si chiama istigazione all’odio, e non più libertà di espressione. Un punto che costoro, evidentemente, fingono di non conoscere. Starà a tutti noi, con pacatezza, ricordarglielo. Perché l’unica libertà a rischio, quando si parla di legge contro l’omotransfobia, è la nostra. La libertà di essere chi siamo, senza che nessun ci insulti, minacci, discrimini, diffami e prenda a botte.

Legge contro l'Omofobia, Pro Vita all'attacco: "È in gioco la nostra libertà" - Schermata 2020 02 28 alle 13.55.37 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
antoniodellacorteiticloudcom 28.2.20 - 20:44

cosa toccherebbe la loro libertà?

Avatar
Antonio Santoro 28.2.20 - 19:42

@Luigi19 ma stiamo scherzando.. credo sia ora di smetterla con questa IPOCRISIA all'italiana: l'ordinamento italianao prevede casi in cui si va in galera semplicemente per dissentire alla religione o agli ecclesiastici (reato di vilipendio alla religione o ai minsitri di culto) e poi non si può andare in galera per istigare odio contro i gay ?? Umberto la Morgia è il classico ebreo con la tessera del partito nazista. Chissà quanto l'avrà pagato la lega per dire tutte quelle stronzate, mi auguro per lui che lo abbiano pagato, altrimenti è un povero malato di mente, al pari di quelle donne leghiste che sono contro i diritti delle donne. Resta il fatto che se lui è sadomaso e si vuole far sottomettere dai fascisti andando contro i suoi stessi diritti è libero di farlo, ma questo non vuol dire IMPORRE a tutti gli altri gay di adottare il suo stile di vita. Se lui ritiene ingiusta questa legge quando i suoi amici leghsiti lo insulteranno e umilieranno non nè farà utilizzo. (nessuno lo obbliga) ma lui non puà OBBLIGARE (ostacolando l'approvazione della legge) tutti gli altri omosessuali a sottomettersi come fà lui. Siamo nel 2020, il mondo lgbt ha sopportato per secoli le sevizie e le discriminazioni dei suoi amici fascisti.

Avatar
Franzc Dereck 28.2.20 - 18:39

Per luigi19 , è esattamente quello che ci si aspetta : le critiche "... al modello di vita omosessuale " ( qual'è ? ed a quale " modello di vita eterosessuale " va confrontato?) questi esseri se le devono mettere dove preferiscono. A chi conviene non accettarla questa legge? Devi dispiacerti per quelli che , come qui nella Confederazione Svizzera osano anche fare una battuta di spirito si prendono 4 anni di carcere fermo. Chiediamo rispetto e chi non si adegua , deve pagare e caro.

Avatar
Franzc Dereck 28.2.20 - 14:28

Questi credono ancora di potere distribuire premi o punizioni. Si sono resi conto che sono una sparuta minoranza ed abbaiano sempre come i cani piccoli , per paura. Non conosco il testo di legge : mi auguro che le sanzioni siano rilevanti.

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24

Leggere fa bene

giornata-mondiale-consapevolezza-intersex

Intersex, giornata della consapevolezza: a che punto siamo con regolamenti e tutele a livello globale?

News - Francesca Di Feo 25.10.23
elia bonci papa francesco

Elia Bonci attivista transgender attacca Papa Francesco: “con le tue parole mi ci pulisco il c…”

News - Redazione Milano 9.11.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango canterà due volte. Sia in semifinale che in finale. E ci sono altre novità - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango canterà due volte. Sia in semifinale che in finale. E ci sono altre novità

News - Redazione 12.3.24
zerocalcare-fumettibrutti-lucca-comics

Zerocalcare e Fumettibrutti, la grande fuga dal Lucca Comics dopo il patrocinio dell’ambasciata di Israele

News - Francesca Di Feo 31.10.23