L’Ordine invita Gandolfini ad insegnare ai giornalisti come parlare di persone trans*. Polemiche e corso cancellato

Dopo una giornata intera di ovvie polemiche,  l'Ordine ha fatto un passo indietro.

ascolta:
0:00
-
0:00
gandolfini
3 min. di lettura

L'Ordine invita Gandolfini ad insegnare ai giornalisti come parlare di persone trans*. Polemiche e corso cancellato - Schermata 2022 09 22 alle 13.40.27 - Gay.it

 

Da anni l’Ordine Nazionale dei Giornalisti tiene corsi di aggiornamenti obbligatori per tutti gli iscritti, alcuni dei quali legati anche all’uso corretto della lingua nei confronti di tematiche LGBTQ. Uno di questi, “Approccio alla persona con disforia di genere e medicina transgender”, è stato annunciato dall’ordine dei giornalisti Lombardia e della Fondazione Brunelli Onlus e si sarebbe dovuto tenere a Brescia il 23 settembre per offrire “una informazione qualificata ai giornalisti relativamente alla disforia di genere”, coinvolgendo tra i tanti Massimo Gandolfini, leader del Family Day da sempre nemico giurato della comunità LGBTQ nazionale. Si sarebbe dovuto tenere perché dopo la denuncia di Simone Alliva, via l’Espresso, è scoppiato il putiferio. Ma andiamo con ordine.

Come può un uomo come Gandolfini tenere un corso inerente ad un linguaggio inclusivo e non discriminatorio nei confronti della comunità trans? Questa è stata per ore la domanda del giorno. Il primario di neurochirurgia alla fondazione Poliambulanza di Brescia è infatti da anni in prima fila nell’ostentare omotransfobia.

«Suicidi gay? Spingiamoli all’eterosessualità» attraverso una «correzione del disagio identitario», disse nel 2015. Nel 2019 Gandolfini è stato condannato dal Tribunale di Verona per aver dichiarato che tra le 58 identità di genere approvate da Arcigay vi fosse anche la pedofilia. Condanna che gli è costata 40.000 euro di risarcimento. Ma nel corso del tempo Gandolfini ha anche detto che «l’omosessualità è un disagio identitario», che «l’intersessualità non esiste», che «parlare di cambio di sesso è assurdo» in quanto «operazioni di camouflage»  e soprattutto che «il transgender è sostanzialmente un movimento filosofico, culturale e politico e porta avanti l’idea, l’assioma della ideologia gender, cioè un soggetto appartiene a un determinato sesso biologico, maschio o femmina, ma il genere non è strettamente collegato e interdipendente con la identità sessuata».

Per quale motivo Massimo Gandolfini è stato invitato ad intervenire in qualità di relatore in un corso di formazione giornalistica dal titolo “Approccio alla persona con disforia di genere e medicina transgender“? Durissima la reazione di Pietro Turano, portavoce Gay Center che si è detto “sgomento” dalla notizia.

“Chiediamo all’Ordine di fornire spiegazioni e rimuovere Gandolfini dai relatori. Gandolfini è il leader del Family Day e si è espresso negli anni con posizioni omotransfobiche e anti-abortiste, parlando di omosessualità come disagio identitario da poter correggere, di percorsi transgender come assurdità, di aborto come omicidio. Ha portato avanti battaglie contro diritti lgbt+ e famiglie omogenitoriali. Da sempre Gay Center denuncia l’inadeguatezza di titoli e articoli di giornale scorretti e non rispettosi dell’identità e della dignità delle persone LGBT+, in particolare transgender: come l’uso di pronomi scorretti o di deadnaming. La partecipazione di Gandolfini a un simile evento appare incomprensibile e strumentale”.

 

“Persone come Gandolfini parlano di “ideologia gender” ma l’unica cosa ideologica sembra la loro azione diffamatoria contro le persone LGBT+”, ha continuato Turano.” Inoltre la battaglia della comunità trans è caratterizzata dal superamento di un approccio morbosamente patologizzante, mentre un corso che dovrebbe fornire strumenti e informazione ai giornalisti risulta organizzato su un piano esclusivamente medico, seppur con la partecipazione di persone che assumono posizioni antiscientifiche. Come mai l’ordine dei giornalisti, per migliorare lo stato attuale dell’informazione riguardo le persone transgender, offre corsi di formazione invitando chi ha espresso solo posizioni contrarie a quelle della comunità LGBT+? Non è accettabile”.

Dopo una giornata intera di ovvie polemiche,  l’Ordine ha cancellato il contestatissimo corso. Ma sarebbe ora interessante capire ‘come’ sia stato possibile invitare Massimo Gandolfini.

L'Ordine invita Gandolfini ad insegnare ai giornalisti come parlare di persone trans*. Polemiche e corso cancellato - ordine corso gandolfini cancellato - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Continua a leggere

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
bandiera progress pride

Le conquiste internazionali sui diritti LGBTQIA+ del 2023

News - Federico Boni 19.12.23
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23