Maurizio Costanzo Show: Giorgia Meloni a ruota libera sul DDL Zan, Tommaso Zorzi in ossequioso silenzio – VIDEO

Ospite della trasmissione, Giorgia Meloni ha sproloquiato sulla legge contro l'omobitransfobia, nel silenzio assordante di giornalisti e volti tv.

Maurizio Costanzo Show: Giorgia Meloni a ruota libera sul DDL Zan, Tommaso Zorzi in ossequioso silenzio - VIDEO - Giorgia Meloni - Gay.it
3 min. di lettura

Ad inaugurare la nuova stagione del Maurizio Costanzo Show, storico talk show dei palinsesti Mediaset, Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia, invitata per un faccia a faccia con giornalisti e volti noti dello spettacolo, ha risposto alle domande e alle (pochissime) provocazioni degli ospiti, rimanendo in realtà piuttosto imperturbata.

Tra gli interlocutori anche Tommaso Zorzi, fresco vincitore del Grande Fratello Vip ed attuale opinionista de L’Isola dei Famosi. Lanciatissimo nel panorama dell’intrattenimento di Canale Cinque, anche l’influencer ha avuto a disposizione una domanda da rivolgere a Giorgia Meloni. A dispetto delle previsioni, considerati anche i recenti casi di cronaca che hanno riportato la violenza omofoba al centro del dibattito, Tommaso Zorzi ha deciso di sottoporre alla leader una domanda relativa al voto da aprire ai sedicenni.

Un intervento da zona di comfort. Poco incisivo, incalzante manco a dirlo, per giunta realizzato sugli strascichi delle risate scatenate dal motivetto virale del “Genitore 1, genitore 2”. “Non ti ho mai mandato quel mazzo di fiori per quella canzone che mi hai scritto, lui è l’autore di Io sono Giorgia, hit che è andata in tutte le discoteche. Non l’ho mai ringraziato, voglio farlo stasera”, le parole della leader di Fratelli d’Italia, che ha scherzato con l’influencer, rimasto poi in ossequioso silenzio quando il tema dei temi è salito a galla.

Giorgia Meloni, Maurizio Costanzo: “Mi vergogno di vivere in un paese che non rispetta donne e omosessuali”

È stato infatti Maurizio Costanzo a sollevare la questione dei pregiudizi legati al genere e all’orientamento sessuale, puntando i riflettori proprio sull’aggressione avvenuta nella metropolitana di Roma a fine febbraio. “Mi vergogno, non ce la faccio più a sentire ogni giorno che una donna viene uccisa o un ragazzo omosessuale viene preso a calci e pugni”, le frasi del giornalista, che ha richiesto a gran voce un intervento definitivo della politica contro ogni forma di discriminazione.

Durante il dibattito, Giorgia Meloni ha fatto affidamento ai suoi cavalli di battaglia, spalleggiata dal vicedirettore de La Verità Francesco Borgonovo. Secondo l’onorevole, il DDL Zan a sua volta creerebbe differenze e confini per il principio delle categorie che punta a salvaguardare:

La violenza e la discriminazione sono già punite nel nostro ordinamento. Non è che oggi è possibile farlo, non è possibile picchiare due ragazzi che si stanno baciando. Quelli che lo hanno fatto devono avere una pena esemplare. Cosa diversa è utilizzare questo argomento che condivido per fare altro, come dire ai bambini di sette anni di scambiarsi i vestiti per spiegare cos’è l’omosessualità. […] È difficile dire chi è più discriminato fra l’omosessuale, la donna e l’immigrato, la violenza è violenza, altrimenti rischiamo di fare confusione.

Peccato che lo scopo della legge contro l’omobitransfobia sia proprio l’ampliamento di quelle stesse categorie che sono già riconosciute come tali dall’attuale Legge Mancino, che si limita a punire crimini di odio basati sulla nazionalità, l’etnia o la religione. Il passo in avanti è il riconoscimento dell’aggravante per una violenza scatenata per l’identità di genere e l’orientamento sessuale. Parole rimaste inespresse, contraddittorio assente, pari a quello di un freeze nella casa del Grande Fratello.

Un silenzio assordante, rimasto inviolato anche alla richiesta di Giorgia Meloni agli ospiti di frasi ed espressioni con cui avrebbe peccato di hating sui social. Un “Uno contro tutti” che, più che a un acceso confronto sui temi, è parso simile a una chiacchierata fra amici. E se tanto mi dà tanto, fra scambi di fiori, duetti improvvisati e splendidi sorrisi, da stasera Giorgia Meloni potrebbe averne uno in più.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Stefano Lani 25.3.21 - 9:53

Non e' per questo che esiste la legge? Essere tutelati con delle norme, in primis nei casi specifici poi generali?

Avatar
Stefano Lani 25.3.21 - 9:45

C'e' stata un'apertura all'avvio non detto, ed e' gia' qualcosa,forse il massimo. Ma quell' ampliamento alla legge serve,perche' evidentemente le leggi attuali NON SONO EFFICACI(o per lo meno non così tanto) per cui va implementata con un ddl adeguato(o legge affine,per togliere i dubbi sul essere di parte massima su una legge richiesta per ANNI, DECENNI e mai accolta).Battuta sui vestiti a parte non si vuole insegnare ai bambini a vestirsi da "Drag Queen" ma nel caso renderli consapevoli,che una parte della realta' esiste,PUO' essere loro nel caso ne avessero bisogno per se stessi, e ,più importante, che cio' che e' stato detto loro SU DETERMINATE QUESTIONI e' SBAGLIATO o in parte errato, evitando che prendano esempio, ma che siano cittadini migliori domani (come dovrebbero gia' essere).

Avatar
Franzc Dereck 25.3.21 - 9:14

Giorgia Meloni : chi sarà mai costei ? Già Manzoni sapeva come trattare una che si fa pubblicità profittando della rissa !

Trending

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Peter Gallagher di Grey's Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn dopo il coming out (VIDEO) - Peter Gallagher di Greys Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn - Gay.it

Peter Gallagher di Grey’s Anatomy e il meraviglioso messaggio a sua figlia Kathryn dopo il coming out (VIDEO)

Culture - Redazione 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24

Hai già letto
queste storie?

I film LGBTQIA+ della settimana 25/31 marzo tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 25/31 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 25.3.24
Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style - Real Time non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style 1 - Gay.it

Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style

Culture - Redazione 21.3.24
Fabio Canino, Verissimo

Fabio Canino, il suo cuore batte per Emanuele: “A 58 anni ho conosciuto l’uomo della mia vita”

Culture - Luca Diana 16.3.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi dopo l’eliminazione dal Grande Fratello: “I momenti difficili non sono mancati”

Culture - Luca Diana 18.3.24
Fedez a Belve, anticipazioni: "Prima da sposato ero gay, ora mi mollo e mi piace la fi*a. Così, di punto in bianco?“ (VIDEO) - Fedez a Belve - Gay.it

Fedez a Belve, anticipazioni: “Prima da sposato ero gay, ora mi mollo e mi piace la fi*a. Così, di punto in bianco?“ (VIDEO)

Culture - Redazione 9.4.24
Cristian Imparato, Io Canto Family 2024

Cristian Imparato ospite a “Io Canto Family”: com’è cambiato negli anni?

Culture - Luca Diana 11.6.24
Lukasz Zarazowski

Lukasz Zarazowski, chi è il modello sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 13.1.24
CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: "Due papà gay e un bambino in tutù". VIDEO - CoComelon Lane - Gay.it

CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: “Due papà gay e un bambino in tutù”. VIDEO

Serie Tv - Redazione 22.12.23