Medio Oriente, 7 Paesi chiedono di togliere contenuti LGBTQ+ dalle piattaforme streaming

I Paesi coinvolti hanno tutti rilasciato dichiarazioni ufficiali.

ascolta:
0:00
-
0:00
Medio Oriente Netflix Gay.it
Jurassic World: Camp Cretaceous è la serie che ha scatenato le ire dei conservatori
3 min. di lettura

Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman, Kuwait, Qatar, Bahrain ed Egitto: sono questi i sette paesi che la scorsa settimana hanno rilasciato attraverso un processo legale una richiesta affinché le piattaforme streaming come Netflix e Disney+, molto seguite nel Medio Oriente, tolgano dai loro cataloghi i film e le serie tv con contenuti inappropriati. I contenuti, ovviamente, sono quelli che ritraggono persone LGBTQ+ e donne emancipate e indipendenti.

Non è la prima volta che, in quei Paesi dove l’omosessualità è illegale e la censura di Stato è estremamente forte, i contenuti mediali sono censurati e tagliati. Ci ricordiamo delle notizie all’uscita di film come Lightyear, Thor: Love And Thunder o Eternals, banditi dai Paesi mediorientali per includere personaggi che andavano contro il buon costume delle loro tradizioni.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Netflix e le piattaforme streaming sono finite nel mirino della censura del Medio Oriente

Nel 2019, inoltre, Netflix è incappata in un altro caso simile: le autorità egiziane avevano chiesto la rimozione di un episodio della serie Patriot Act, in cui il comico Hassan Minahj criticava il principe Mohammed per l’uccisione di un giornalista del Washington Post e denunciava il coinvolgimento dell’Egitto nella guerra in Yemen. La piattaforma aveva tolto l’episodio, scatenando le ire degli attivisti.

I Paesi coinvolti hanno tutti rilasciato delle dichiarazioni ufficiali. In Arabia Saudita è stata anche mandata in onda sulla tv di Stato un’intervista a una presunta consulente comportamentale, che ha definito Netflix come “sponsor ufficiale dell’omosessualità”. In qualsiasi altro contesto sarebbe un titolo che farebbe sorridere e magari nascere qualche meme online. Ma la realtà che si cela dietro le accuse ai servizi streaming è che i diritti LGBTQ+ sono in questi Paesi del tutto assenti. La stessa cultura di massa promuove un clima di odio contro le persone queer in nome delle tradizioni e della cultura islamica, essendo questi territori a maggioranza musulmana.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Jurassic World: Camp Cretaceous è la serie che ha scatenato le ire dei conservatori

Durante il servizio mandato in onda, è stata mostrata come esempio una scena da Jurassic World: Camp Cretaceous, una serie animata per bambini in cui si vede un bacio tra due ragazze, che nelle scorse settimane aveva prodotto le rimostranze anche delle autorità per il controllo dei media in Ungheria, dove è stata fatta partire una vera e propria investigazione.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Lightyear è tra i film banditi negli Emirati Arabi

Negli ultimi anni qualche piccolo passo avanti è stato fatto, ma i diritti LGBTQ+ sono ancora impensabili. E lo stigma sociale attorno alla parola queer si fa sentire, come quando gli Emirati Arabi hanno vietato ad Amazon la query “queer” durante il mese del Pride. Per non parlare del fatto che i sette Paesi fautori della richiesta sono anche quelli in cui i siti web di associazioni e organizzazioni LGBT vengono censurati e oscurati dalla rete.

Le nuove generazioni sono leggermente più liberali rispetto ai genitori o ai nonni, che appartengono ad altri tempi. Riescono a vedere in modo diverso temi come sesso, alcool e altri tabù considerati tali dalle tradizioni, ma in quanto al mondo LGBTQ+, la sua criminalizzazione è ancora ben radicata. Almeno nelle frange più tradizionaliste.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Il principe Mohammed Bin Salman, a capo del Consiglio di cooperazione tra gli Stati del Golfo arabo

Dietro lo scontro con Netflix e le piattaforme streaming, in realtà, si celano anche motivazioni strettamente economiche. Da anni, infatti, il Medio Oriente sta cercando di minare il successo delle piattaforme streaming, che contano milioni di spettatori a scapito delle produzioni e dell’industria dell’intrattenimento nazionali.

Dalla sede di Los Gatos, in California, Netflix non ha ancora risposto alle dichiarazioni né alle richieste ufficiali, così come anche Disney+ rimane ancora in silenzio. Dovessero però questi colossi dello streaming cedere alle pressioni dei governi, che hanno minacciato importanti sanzioni se non venissero ascoltati, il tutto si tradurrebbe in un grave colpo senza precedenti alla libertà artistica e d’espressione. Ancora una volta, la realtà si sente minacciata dalla finzione, che rischia di essere limitata da ideologie tradizionaliste.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Charli XCX e Troye Sivan partono in tour insieme

Charli XCX e Troye Sivan annunciano un tour insieme: “È l’evento gay della stagione”

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24

Leggere fa bene

300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: "Sarà omoerotico e super sessuale" - 300 1 - Gay.it

300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: “Sarà omoerotico e super sessuale”

Cinema - Redazione 5.12.23
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
Young Royals 3, Omar Rudberg rivela che ritroverà Edvin Ryding: "Stiamo lavorando a qualcosa di segreto" (VIDEO) - A8A9069 Johan Paulin Netflix - Gay.it

Young Royals 3, Omar Rudberg rivela che ritroverà Edvin Ryding: “Stiamo lavorando a qualcosa di segreto” (VIDEO)

Serie Tv - Redazione 15.3.24
Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: "Non ci può essere Ken senza Barbie" - Barbie Margot Robbie - Gay.it

Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: “Non ci può essere Ken senza Barbie”

Cinema - Redazione 24.1.24
Il Colore Viola, nel musical vedremo la storia d'amore lesbica lasciata ai margini da Steven Spielberg nel 1985 - Il Colore Viola - Gay.it

Il Colore Viola, nel musical vedremo la storia d’amore lesbica lasciata ai margini da Steven Spielberg nel 1985

Cinema - Federico Boni 29.11.23
Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer - Laura Dean continua a lasciarmi - Gay.it

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer

Cinema - Redazione 13.12.23
Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale - Saltburn Jacob Elordi - Gay.it

Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale

Cinema - Federico Boni 19.10.23
Ghana LGBTQ+

Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

News - Redazione 6.3.24