Medio Oriente, 7 Paesi chiedono di togliere contenuti LGBTQ+ dalle piattaforme streaming

I Paesi coinvolti hanno tutti rilasciato dichiarazioni ufficiali.

ascolta:
0:00
-
0:00
Medio Oriente Netflix Gay.it
Jurassic World: Camp Cretaceous è la serie che ha scatenato le ire dei conservatori
3 min. di lettura

Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman, Kuwait, Qatar, Bahrain ed Egitto: sono questi i sette paesi che la scorsa settimana hanno rilasciato attraverso un processo legale una richiesta affinché le piattaforme streaming come Netflix e Disney+, molto seguite nel Medio Oriente, tolgano dai loro cataloghi i film e le serie tv con contenuti inappropriati. I contenuti, ovviamente, sono quelli che ritraggono persone LGBTQ+ e donne emancipate e indipendenti.

Non è la prima volta che, in quei Paesi dove l’omosessualità è illegale e la censura di Stato è estremamente forte, i contenuti mediali sono censurati e tagliati. Ci ricordiamo delle notizie all’uscita di film come Lightyear, Thor: Love And Thunder o Eternals, banditi dai Paesi mediorientali per includere personaggi che andavano contro il buon costume delle loro tradizioni.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Netflix e le piattaforme streaming sono finite nel mirino della censura del Medio Oriente

Nel 2019, inoltre, Netflix è incappata in un altro caso simile: le autorità egiziane avevano chiesto la rimozione di un episodio della serie Patriot Act, in cui il comico Hassan Minahj criticava il principe Mohammed per l’uccisione di un giornalista del Washington Post e denunciava il coinvolgimento dell’Egitto nella guerra in Yemen. La piattaforma aveva tolto l’episodio, scatenando le ire degli attivisti.

I Paesi coinvolti hanno tutti rilasciato delle dichiarazioni ufficiali. In Arabia Saudita è stata anche mandata in onda sulla tv di Stato un’intervista a una presunta consulente comportamentale, che ha definito Netflix come “sponsor ufficiale dell’omosessualità”. In qualsiasi altro contesto sarebbe un titolo che farebbe sorridere e magari nascere qualche meme online. Ma la realtà che si cela dietro le accuse ai servizi streaming è che i diritti LGBTQ+ sono in questi Paesi del tutto assenti. La stessa cultura di massa promuove un clima di odio contro le persone queer in nome delle tradizioni e della cultura islamica, essendo questi territori a maggioranza musulmana.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Jurassic World: Camp Cretaceous è la serie che ha scatenato le ire dei conservatori

Durante il servizio mandato in onda, è stata mostrata come esempio una scena da Jurassic World: Camp Cretaceous, una serie animata per bambini in cui si vede un bacio tra due ragazze, che nelle scorse settimane aveva prodotto le rimostranze anche delle autorità per il controllo dei media in Ungheria, dove è stata fatta partire una vera e propria investigazione.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Lightyear è tra i film banditi negli Emirati Arabi

Negli ultimi anni qualche piccolo passo avanti è stato fatto, ma i diritti LGBTQ+ sono ancora impensabili. E lo stigma sociale attorno alla parola queer si fa sentire, come quando gli Emirati Arabi hanno vietato ad Amazon la query “queer” durante il mese del Pride. Per non parlare del fatto che i sette Paesi fautori della richiesta sono anche quelli in cui i siti web di associazioni e organizzazioni LGBT vengono censurati e oscurati dalla rete.

Le nuove generazioni sono leggermente più liberali rispetto ai genitori o ai nonni, che appartengono ad altri tempi. Riescono a vedere in modo diverso temi come sesso, alcool e altri tabù considerati tali dalle tradizioni, ma in quanto al mondo LGBTQ+, la sua criminalizzazione è ancora ben radicata. Almeno nelle frange più tradizionaliste.

Medio Oriente Netflix Gay.it
Il principe Mohammed Bin Salman, a capo del Consiglio di cooperazione tra gli Stati del Golfo arabo

Dietro lo scontro con Netflix e le piattaforme streaming, in realtà, si celano anche motivazioni strettamente economiche. Da anni, infatti, il Medio Oriente sta cercando di minare il successo delle piattaforme streaming, che contano milioni di spettatori a scapito delle produzioni e dell’industria dell’intrattenimento nazionali.

Dalla sede di Los Gatos, in California, Netflix non ha ancora risposto alle dichiarazioni né alle richieste ufficiali, così come anche Disney+ rimane ancora in silenzio. Dovessero però questi colossi dello streaming cedere alle pressioni dei governi, che hanno minacciato importanti sanzioni se non venissero ascoltati, il tutto si tradurrebbe in un grave colpo senza precedenti alla libertà artistica e d’espressione. Ancora una volta, la realtà si sente minacciata dalla finzione, che rischia di essere limitata da ideologie tradizionaliste.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24

Hai già letto
queste storie?

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
“Bambi - Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia - Bambi. Storia di una metamorfosi di Reali Emiliano diventa film - Gay.it

“Bambi – Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia

Cinema - Redazione 4.6.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Challengers, Josh O'Connor, Mike Faist e la nascita di una tensione omoerotica - Challengers - Gay.it

Challengers, Josh O’Connor, Mike Faist e la nascita di una tensione omoerotica

Cinema - Redazione 30.4.24
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24