Non puoi cercare ‘gay’, Amazon blocca le parole LGBT negli Emirati Arabi

La coproration avvalla l'omofobia nel paese. Cosa non si fa per il profitto.

ascolta:
0:00
-
0:00
amazon emirati arabi
amazon emirati arabi blocco ricerca parole lgbt
4 min. di lettura

«Dobbiamo anche rispettare le leggi e i regolamenti locali dei paesi in cui operiamo», è stata questa la dichiarazione della portavoce di Amazon dopo che nella giornata di venerdì il New York Times ha riportato la notizia secondo cui, negli Emirati Arabi Uniti, il gigante dell’e-commerce ha bloccato i risultati di ricerca di determinati prodotti a tema LGBTQ+.

«Come azienda, rimaniamo impegnati per la diversità, l’equità e l’inclusione e crediamo che i diritti delle persone LGBTQ+ debbano essere protetti. Con i negozi Amazon in tutto il mondo, dobbiamo anche rispettare le leggi e i regolamenti locali dei paesi in cui operiamo»

La scelta sarebbe stata dettata da una serie di pressioni da parte del governo della regione, che avrebbe minacciato l’azienda con pesanti sanzioni se le limitazioni non fossero state messe in atto entro la giornata di venerdì. Già dalla stessa mattina, molti prodotti a tema Pride non erano più disponibili sul portale Amazon attivo negli Emirati Arabi, così come libri su tematiche LGBT o scritti da persone queer. La ricerca di parole chiave come “lgbtq” e “pride” producono zero risultati, così come sono state bloccate anche query molto più mirate, ad esempio “bandiera transgender”, “binder toracico per lesbiche” e “closeted gay”.

Amazon EAU Gay.it
Dopo le pressioni del governo, Amazon ha limitato i risultati delle ricerche LGBT negli Emirati Arabi Uniti

Non è chiaro quali siano state le sanzioni in cui sarebbe incappata Amazon, ma i documenti visionati dal New York Times parlano di una chiara richiesta di eliminare tutti i rimandi ai prodotti inerenti all’argomento LGBTQ+.

Chiaramente, il colosso dell’e-commerce è finito nell’occhio del ciclone. Le politiche di Amazon promuovono l’inclusione e il supporto alla causa della comunità, propositi che tuttavia vanno a scontrarsi proprio con le leggi di quei paesi in cui il suo servizio opera e che sono apertamente anti-LGBT. È naturale quindi chiedersi fin dove i propositi dell’azienda sostengono la comunità e dove invece cedono il passo alla legge del profitto.

Amazon EAU Gay.it
Il Seattle Pride ha tagliato i rapporti con Amazon dopo il suo appoggio a politici anti-LGBT

C’è da dire che, anche negli Stati Uniti, Amazon non se la sta passando troppo bene. Proprio la scorsa settimana, nella sua città natale, si è tenuto il Seattle Pride. Finora l’azienda ha promosso la marcia elargendo fondi e prestando il proprio nome come sponsor. Tuttavia, l’associazione che organizza il Pride della città ha dichiarato di aver tagliato tutti i rapporti con Amazon a causa del suo sostegno a politici anti-LGBT e libri anti-trans. Dalla dirigenza di Amazon sarebbero infatti partiti circa 450,000 dollari di donazioni ai legislatori che hanno votato contro l’Equality Act del 2020.

La scelta di Amazon di cedere alle pressioni del governo degli Emirati Arabi Uniti è stata criticata su più fronti, soprattutto perché nella regione l’omosessualità è illegale e punibile con sanzioni o con la prigione.

Amazon EAU Gay.it
Negli Emirati Arabi l’omosessualità è illegale e punibile con sanzioni e reclusione

Va detto che la zona EAU si è recentemente modernizzata, approvando leggi che la rendono più appetibile agli investitori occidentali come la decriminalizzazione del sesso prima del matrimonio e il cambio dal fine settimana islamico, che comprende il venerdì e il sabato, a quello composto da sabato e domenica. Le discoteche sono molto simili a quelle europee e nel 2016 è stato anche istituito un Ministero della Tolleranza (dall’inquietante suono vagamente orwelliano).

La crociata contro l’omosessualità, però, continua imperterrita. Nemmeno un mese fa era arrivata la notizia che proprio l’EAU ha censurato il nuovo film Disney Pixar “Lightyear”, che non verrà rilasciato nei cinema, perché contenente un personaggio gay  e una scena con un bacio tra persone dello stesso sesso (tra due donne). La mossa è stata poi emulata da altri Paesi del Medio Oriente e dell’Asia meridionale.

 

L’omosessualità continua quindi a rimanere un tabù. Il cedimento di Amazon a queste leggi risponde ovviamente a una questione di mercato da parte dell’azienda, ma è anche un chiaro e allarmante segnale di come il sostegno e la fedeltà delle grandi aziende multinazionali alla causa LGBTQ+ sia spesso estremamente volatile. L’ambasciata americana nell’EAU non ha ancora rilasciato dichiarazioni, e si aspettano sviluppi sulla vicenda.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all'ONU - Sarah Achieng Opendi - Gay.it

Deputata ugandese chiede la castrazione per i gay, gli USA le negano il visto per recarsi all’ONU

News - Redazione 7.3.24
Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell'omofoba Dubai. Pioggia di critiche - Jennifer Lopez - Gay.it

Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell’omofoba Dubai. Pioggia di critiche

Musica - Redazione 13.2.24
brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23